Quantcast
Quiz rivela l'organizzazione della memoria | BioBlog

Quiz rivela l’organizzazione della memoria

Categoria: Anatomia Archivio Biotecnologie Mediche Esami non invasivi News in pillole dal Mondo Psicologia
Tag: #memoria #Neurobiologia #neurologia #neuroni #Neuroscienze #risonanza magnetica funzionale
Condividi:

Un semplice quiz mnemonico ha permesso ai ricercatori dell’università  della california – Davis ha permesso di verificare come una zona del cervello, chiamata corteccia peririnale, contribuisce nella formazione della memoria e come quest’area è organizzata. Il cervello mette insieme i diversi dati legati ad un evento (cosa, chi, dove, quando). Fino ad ora si credeva che la regione deputata all’associazione fosse l’ippocampo, ma il professore Charan Ranganath, che ha condotto la ricerca, ha dimostrato l’effettiva posizione di questa azione. La ricerca è stata condotta su un gruppo di volontari ai quali è stato richiesto di memorizzare coppie di parole mentre erano sottoposti ad una risonanza magnetica funzionale. La risonanza magnetica, è capace di rilevare le aree dove avviene un consumo di ossigeno e quindi identifica le zone metabolicamente attive, sollecitate dal test. Le parole sono state memorizzate sia separatamente sia insieme, formando parole composte. Quando i volontari memorizzano la parola composta, costituita da due parole apprese in precedenza, la corteccia peririnale si attiva. Il risultato suggerisce che questa zona è capace di formare semplici associazioni, mentre l’ippocampo è capace di creare una memoria più complessa, ad esempio associandoci il luogo ed il tempo. La ricerca, finanziata dal NIH (National Institutes of Health), è stata pubblicata sulla rivista Neuron.

Publicato: 2/9/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Un po’ di acqua per rinfrescare le idee

Bere acqua è importante anche per studiare in modo efficiente. La disidratazione ha, infatti, diversi effetti collaterali che interferiscono con le capacità  cognitive: mal di testa, stanchezza, minore capacità  di concentrazione e di attenzione e riduzione della memoria a breve termine. E le conseguenze possono essere anche più gravi: una ricerca condotta presso il King’s… Continua a leggere Un po’ di acqua per rinfrescare le idee

2/10/2010Bio Blog

Uno spray per fissare i ricordi

Alzarsi di buon mattino per l’ultima occhiata ai libri prima dell’interrogazione non sarà  più una preoccupazione per gli studenti. A prometterlo sono i ricercatori dell’Università  di Lubecca (Germania), secondo cui uno spray a base di interleuchina-6 (IL-6) è in grado di fissare i ricordi durante il sonno. Lo studio, che ha guadagnato la copertina del… Continua a leggere Uno spray per fissare i ricordi

6/10/2009Bio Blog

La memoria prima della nascita

I ricordi di quando eravamo bambini appaiono, spesso, dai contorni sfumati, eppure la capacità  di conservare le informazioni nel tempo si sviluppa ben prima della nascita. In uno studio pubblicato da Child Development, un gruppo di ricercatori olandesi ha dimostrato che già  feti di 30 settimane d’età  possiedono una memoria a breve termine. La ricerca,… Continua a leggere La memoria prima della nascita

21/7/2009Bio Blog

Un’immagine della memoria

Il Montreal Neurological Institute, l’Ospedale McGill University e l’Università  della California sono riusciti ad impressionare la prima immagine della memoria, per dirla in parole più tecniche hanno “fotografato” una proteina che agisce a livello sinaptico durante l’attività  di immagazzinamento dei dati da parte del cervello. Lo studio delle sinapsi permetterebbe di conoscere i meccanismi della… Continua a leggere Un’immagine della memoria

23/6/2009Bio Blog