Quantcast
Uno spray per fissare i ricordi | BioBlog

Uno spray per fissare i ricordi

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Farmaci
Tag: #fase REM #interleuchina 6 #memoria
Condividi:

Alzarsi di buon mattino per l’ultima occhiata ai libri prima dell’interrogazione non sarà  più una preoccupazione per gli studenti. A prometterlo sono i ricercatori dell’Università  di Lubecca (Germania), secondo cui uno spray a base di interleuchina-6 (IL-6) è in grado di fissare i ricordi durante il sonno. Lo studio, che ha guadagnato la copertina del FASEB Journal, rivela una nuova interazione tra il sistema nervoso centrale e il sitema immunitario, alle cui funzioni partecipa anche questa molecola. L’IL-6 è, infatti, prodotta durante le infiammazioni. Tuttavia, alcuni studi hanno dimostrato che è in grado di promuovere il sonno: infatti proprio durante il riposo notturno aumenta la disponibilità  dei suoi recettori. Dato che il sonno promuove il consolidamento dei ricordi, i ricercatori tedeschi hanno ipotizzato che l’IL-6 potesse partecipare a questo fenomeno. La ricerca ha previsto di somministrare lo spray nasale o un placebo a diciassette individui che avevano letto subito prima una breve storia emotiva e un racconto neutrale. Durante il sonno seguente è stata monitorata l’attività  cerebrale e il mattino seguente i soggetti hanno scritto il numero maggiore di parole che potevano ricordare di ciacuna storia. Negli individui trattati con l’IL-6 è stato osservato un aumento dell’attività  cerebrale durante la cosiddetta fase REM, ossia la seconda metà  del riposo notturno. Inoltre è stata verificata l’ipotesi di partenza: chi aveva ricevuto lo spray era in grado di ricordare più parole. “Questo studio è un eccitante esempio di scienza interdisciplinare, dato che l’IL-6 era considerata un prodotto collaterale dell’infiammazione, non un fattore che influenza l’apprendimento”, ha affermato Gerald Weissmann, editore di The FASEB Journal. Secondo Lisa Marshall, coautrice dello studio, questa è la prima prova che una tale molecola immunoregolatoria svolge un ruolo nella formazione della memoria a lungo termine durante il sonno. Fonte: Benedict C. et al, Enhancing influence of intranasal interleukin-6 on slow-wave activity and memory consolidation during sleep. The FASEB Journal. 2009;23:3629-3636.

Publicato: 6/10/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Clinica del sonno a casa tua

Le persone che soffrono di disturbi del sonno sono molte, tanti non sanno minimamente di soffrirne. La sapienza comune riconosce solo l’insonnia o l’ipersonnia come disturbo legato al sonno, mentre pochi sanno che il sonno se qualitativamente scarso produce gravi ripercussioni metaboliche e dinamiche sul nostro corpo. Il sonno è composto da 4 fasi NREM… Continua a leggere Clinica del sonno a casa tua

15/6/2009Bio Blog

Nel sonno si riordinano i file

Il sonno varia molto durante la notte, passando da fasi di quiete, note come fasi non REM (NREM), a fasi di forte attività  cerebrale, fase REM. Le due fasi sono davvero molto diverse. La NREM è caratterizzata dal prevalere di onde lente. Quando ci addormentiamo passando dalla veglia al sonno sempre più profondo, nel cervello… Continua a leggere Nel sonno si riordinano i file

28/3/2009Bio Blog