Quantcast
Ritornare a parlare con la neurostimolazione | BioBlog

Ritornare a parlare con la neurostimolazione

Categoria: Archivio Dispositivi intracorporei Foto e illustrazioni Nanotecnologie Patologie Protesi
Tag: #attività  cerebrale #cervello #linguaggio #mente #Onde cerebrali #sistema nervoso #software #stimolazione cerebrale profonda (DBS)
Condividi:

Alla Boston University hanno messo a punto una metodica che ha permesso di ridare la parola a un uomo completamente paralizzato e privato anche della capacità  di comunicare verbalmente a causa dei danni riportati nell’area cerebrale deputata a tale funzione.

È stato impiantato un elettrodo nel cervello del paziente, con l’ausilio di uno speciale sintetizzatore vocale, i ricercatori sono riusciti a decifrare il pensiero dell’uomo.

In pratica, l’elettrodo non è collegato semplicemente alla scatola cranica, ma si trova al suo interno, impiantato direttamente nell’area del cervello proposta all’elaborazione del linguaggio e il pensiero è catturato dall’elettrodo, il quale provvede a inviare i segnali al sintetizzatore che riproduce il suono corrispondente. Inoltre, essendo impregnato di fattori neurotropici, incoraggerà  lo sviluppo neuronale sia al suo interno che tutt’intorno.

Al momento il sistema è in grado di tradurre solamente le vocali contenute nelle parole che attraversano la mente dell’individuo, ma la speranza è di riuscire a sviluppare ulteriormente la tecnologia e far sì che possa essere utilizzata per consentire l’elaborazione di intere frasi da parte di chiunque non è in grado di comunicare verbalmente.

Lo studio che ha necessitato di 15 anni di progettazione ed elaborazione, vedrà  il suo compimento finale, con la decifratura dell’intero vocabolario, nell’arco dei prossimi 5 anni.

Publicato: 1/12/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Pubblicare su Twitter col pensiero

Twitter è un servizio molto seguito – soprattutto negli States – di microblogging che permette agli utenti di mandare aggiornamenti al proprio status con messaggi di testo, lunghi non più di 140 caratteri, dal il sito stesso oppure via SMS, e-mail, ma anche tramite varie applicazioni basate sulle API di Twitter, come quella realizzata da… Continua a leggere Pubblicare su Twitter col pensiero

27/4/2009Bio Blog

Codice neurale nelle applicazioni future

Nell’ambito delle reti neurali, la natura del codice neurale è un tema su cui fervono i dibattiti. La teoria più vecchia è quella del codice di frequenza, vale a dire il il numero medio di impulsi prodotti da un neurone in un intervallo, poniamo di 100 millesimi di secondo. Più di recente i neuroscienziati si… Continua a leggere Codice neurale nelle applicazioni future

4/2/2009Bio Blog

Il controllo del comportamento

Alla luce delle recenti conoscenze sui rapporti tra aree cerebrali e funzioni mentali è stato ipotizzato che nel cervello esistano 4 diversi sistemi di controllo: Il “sistema pavloviano” agirebbe a livello inconscio, dipenderebbe da strutture quali i gangli della base e il midollo allungato e controllerebbe una serie di funzioni ripetitive e abbastanza rigide. Il… Continua a leggere Il controllo del comportamento

26/1/2009Bio Blog

La cocaina uccide il libero arbitrio

Chi assume cocaina ha la corteccia cerebrale di volume ridotto, in particolare nelle aree frontali, importanti per pianificare, prendere decisioni, prestare attenzione e riflettere. Lo hanno scoperto ricercatori del Massachusetts General Hospital di Boston diretti da Hans Breiter, il cui studio è pubblicato dalla rivista Neuron.  È possibile, ammette tuttavia la ricerca, che ciò non… Continua a leggere La cocaina uccide il libero arbitrio

10/10/2008Bio Blog