Quantcast
La cocaina uccide il libero arbitrio | BioBlog

La cocaina uccide il libero arbitrio

Categoria: Anatomia Archivio Biotecnologie Mediche Disturbi psichici Patologie Psicologia Virus
Tag: #aree cerebrali #attività  cerebrale #cocaina #corteccia cerebrale #diagnostica a immagini #stile di vita
Condividi:

Chi assume cocaina ha la corteccia cerebrale di volume ridotto, in particolare nelle aree frontali, importanti per pianificare, prendere decisioni, prestare attenzione e riflettere. Lo hanno scoperto ricercatori del Massachusetts General Hospital di Boston diretti da Hans Breiter, il cui studio è pubblicato dalla rivista Neuron.  È possibile, ammette tuttavia la ricerca, che ciò non sia solo un effetto della droga ma anche un fattore innato cioè una causa della tossicodipendenza più che un effetto che predisporrebbe l’individuo a drogarsi. Gli esperti hanno misurato con la risonanza magnetica il volume della corteccia cerebrale di 20 cocainomani e 20 individui che non avevano mai fatto uso della droga: nei primi hanno trovato un volume sempre ridotto per la corteccia frontale, fatto non riconducibile a semplici differenze individuali perchè il volume della corteccia è piuttosto simile tra individui della stessa età  e sesso. Inoltre, sottoposti a vari test cognitivi per mettere alla prova la loro capacità  decisionale e il loro livello di attenzione, prerogative della corteccia frontale, i cocainomani hanno manifestato alcune defaillance rispetto ai sani. Molte di queste differenze nelle dimensioni della corteccia sono proporzionali alla durata della tossicodipendenza e quindi è plausibile siano effetto dell’assunzione di cocaina. Altre però, conclude Breiter, sono indipendenti e potrebbero suggerire l’esistenza di fattori anatomici che predispongano alla dipendenza.

Publicato: 10/10/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Cervello maschile e cervello femminile, una risposta viene dall’arte

Il professor Francisco Ayala, come mostra un servizio della BBC, ha effettuato uno studio su 20 persone, 10 uomini e 10 donne mostrando loro alcune foto e alcuni dipinti. L’attenzione dei primi cadeva sull’opera d’arte nel suo insieme, mentre le seconde tendevano a concentrarsi sui minimi particolari. La ragione di questi approcci diversi è da… Continua a leggere Cervello maschile e cervello femminile, una risposta viene dall’arte

26/2/2009Bio Blog

Codice neurale nelle applicazioni future

Nell’ambito delle reti neurali, la natura del codice neurale è un tema su cui fervono i dibattiti. La teoria più vecchia è quella del codice di frequenza, vale a dire il il numero medio di impulsi prodotti da un neurone in un intervallo, poniamo di 100 millesimi di secondo. Più di recente i neuroscienziati si… Continua a leggere Codice neurale nelle applicazioni future

4/2/2009Bio Blog

Il controllo del comportamento

Alla luce delle recenti conoscenze sui rapporti tra aree cerebrali e funzioni mentali è stato ipotizzato che nel cervello esistano 4 diversi sistemi di controllo: Il “sistema pavloviano” agirebbe a livello inconscio, dipenderebbe da strutture quali i gangli della base e il midollo allungato e controllerebbe una serie di funzioni ripetitive e abbastanza rigide. Il… Continua a leggere Il controllo del comportamento

26/1/2009Bio Blog

Epilessia: la nuova probabile cura

C’è un “legame pericoloso” tra le cellule di difesa del corpo, i globuli bianchi, e i vasi sanguigni del cervello. Un legame che è stato scoperto da ricercatori e che potrebbe essere alla base dell’epilessia: studi su topolini hanno infatti evidenziato che bloccando con anticorpi specifici questa interazione, si possono prevenire le crisi epilettiche. La… Continua a leggere Epilessia: la nuova probabile cura

27/11/2008Bio Blog