Quantcast
Nato bambino per curare il fratellino | BioBlog

Nato bambino per curare il fratellino

Categoria: Archivio Genetica (DNA) Medicina rigenerativa Staminali Trapianti
Tag: #anemia #cellule staminali #cordone ombelicale #malattie genetiche #salute #Trapianti
Condividi:

In Spagna è nato un bebè frutto di una selezione genetica decisa per poter curare il fratellino, che soffre di una malattia genetica ereditaria. Il neonato, che si chiama Javier e pesa 3 chili e 400 grammi, è venuto alla luce domenica nell’ospedale Virgen del Rocio di Siviglia, «con la speranza di poter dare a suo fratello Andres, di 6 anni, affetto da beta talassemia maggiore, un’opportunità  di continuare a vivere», informa il Servizio andaluso di Salute in un comunicato diffuso oggi. Il sangue del cordone ombelicale, secondo le fonti, servirà  per un trapianto al fratellino, perché cominci a produrre cellule sanguigne prive della grave forma di anemia congenita. «Le possibilità  di cura del piccolo dopo il trapianto – assicura il Servizio andaluso di salute – sono elevate». Fino al momento del trapianto, il sangue del cordone resterà  custodito nella Banca del cordone ombelicale di Malaga. Ne ha dato notizia il Corriere anche se – è bene precisare – che non si tratta affatto del primo caso al mondo. «Il primo caso descritto sulla letteratura scientifica risale al 2004, quando la rivista “Blood” pubblicò un procedimento che risaliva al 2001» spiega il professor Franco Locatelli, direttore dell’oncoematologia pediatrica dell’università  di Pavia, policlinico San Matteo. La selezione, se così si può definire, consiste in una normale fecondazione assistita in cui però vengono esaminati gli embrioni prima di essere impiantati all’interno dell’utero materno, selezionando quello più adatto in base a due criteri fondamentali: geneticamente compatibile e sano. Alla nascita le staminali presenti nel sangue del cordone ombelicale vengono prelevate ed espanse per essere utilizzate come cura della sorella o del fratello malato.

Publicato: 15/10/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Epo nella SLA

Al grande pubblico è nota per il suo lato oscuro: Eritropietina, nome in codice Epo, è uno degli strumenti di doping più inflazionato nel mondo del ciclismo. Continuamente al centro di scandali per il suo uso improprio, oggi gli scienziati sono interessati a questo farmaco per i possibili benefici che potrebbero trarne i pazienti affetti… Continua a leggere Epo nella SLA

7/7/2009Bio Blog

Tumori, anemia e coaguli

Le cellule del sangue e i fattori che governano la coagulazione vengono frequentemente coinvolti nei tumori, dando luogo a sintomi che vanno tenuti sotto controllo. I pazienti oncologici sanno che uno dei sintomi più comuni della loro patologia è l’anemia, che provoca una sensazione generalizzata di spossatezza. Molto comune, ma spesso poco considerata, è anche… Continua a leggere Tumori, anemia e coaguli

25/11/2008Bio Blog

Per i prematuri anemici scoperto un nuovo rimedio

L’eritropoietina beta (EPOb) è un mezzo efficace per combattere l’anemia nei neonati nati prematuramente, sino a evitare completamente trasfusioni di sangue. A dirlo sono i risultati pubblicati nel “Journal of pediatrics” in cui si dice che l’EPOb somministrato ai neonati che pesano tra i 500 e i 900 grammi migliora nettamente il loro ematocrito. Lo… Continua a leggere Per i prematuri anemici scoperto un nuovo rimedio

8/11/2007Bio Blog