Quantcast
Epo nella SLA | BioBlog

Epo nella SLA

Categoria: Archivio Farmaci Interviste Patologie
Tag: #anemia #eritropoietina beta #Farmaci #ricerca #sclerosi laterale amiotrofica
Condividi:

Al grande pubblico è nota per il suo lato oscuro: Eritropietina, nome in codice Epo, è uno degli strumenti di doping più inflazionato nel mondo del ciclismo. Continuamente al centro di scandali per il suo uso improprio, oggi gli scienziati sono interessati a questo farmaco per i possibili benefici che potrebbero trarne i pazienti affetti da malattia del motoneurone, o meglio conosciuta come Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA). Alcuni risultati incoraggianti in questo senso arrivano dall’istituto neurologico Carlo Besta di Milano che ha ottenuto da un mini-studio, pubblicato sulla rivista Als (Amyotrophic lateral sclerosis), alcune interessanti indicazioni preliminari che meritano di essere approfondite. “L’eritropoietina, fattore di crescita utilizzato nella pratica clinica per curare l’anemia, potrebbe avere un effetto neuroprotettivo nei malati di Sla”, spiega lo scienziato che ha avuto l’intuizione e ha guidato lo studio preliminare, Giuseppe Lauria, dell’Unità  operativa malattie neuromuscolari e neuroimmunologia del l’Istituto Besta. Queste proprietà  del farmaco si potrebbero tradurre in una migliore sopravvivenza e funzione delle cellule neuronali, come già  dimostrato nelle neuropatie causate da diabete e da farmaci neurotossici come gli antineoplastici. Questa l’ipotesi su cui il Besta intende continuare a lavorare. “Abbiamo in cantiere uno studio multicentrico che coinvolgerà  150 pazienti”, spiega Lauria. Ed è già  scattata la caccia ai fondi. La nuova ricerca, infatti, richiede un finanziamento che si aggira intorno al milione di euro e l’istituto può mettere sul piatto il 60% dei fondi necessari. “Dobbiamo capire se i risultati ottenuti con lo studio preliminare, condotto su piccoli numeri, non siano solo frutto di casualità “, avverte Lauria. Lo studio pilota ha coinvolto 23 pazienti, 12 dei quali trattati con eritropoietina in aggiunta al riluzolo (farmaco sperimentato 20 anni fa e oggi il solo indicato per i pazienti affetti da Sla), e 11 unicamente con riluzolo. Dopo due anni si è osservato che la terapia, somministrata per la prima volta così a lungo a pazienti non anemici, non ha causato effetti collaterali gravi. Nel gruppo dei malati trattati solo con riluzolo 8 su 11 sono morti o hanno avuto un peggioramento tale da richiedere la tracheotomia. Nel gruppo dei pazienti sottoposti a Epo, invece, questo numero è sceso a 4 su 12. Una differenza che impone uno studio clinico più ampio. Questi i primi risultati piuttosto incoraggianti.

Publicato: 7/7/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Tumori, anemia e coaguli

Le cellule del sangue e i fattori che governano la coagulazione vengono frequentemente coinvolti nei tumori, dando luogo a sintomi che vanno tenuti sotto controllo. I pazienti oncologici sanno che uno dei sintomi più comuni della loro patologia è l’anemia, che provoca una sensazione generalizzata di spossatezza. Molto comune, ma spesso poco considerata, è anche… Continua a leggere Tumori, anemia e coaguli

25/11/2008Bio Blog

Nato bambino per curare il fratellino

In Spagna è nato un bebè frutto di una selezione genetica decisa per poter curare il fratellino, che soffre di una malattia genetica ereditaria. Il neonato, che si chiama Javier e pesa 3 chili e 400 grammi, è venuto alla luce domenica nell’ospedale Virgen del Rocio di Siviglia, «con la speranza di poter dare a… Continua a leggere Nato bambino per curare il fratellino

15/10/2008Bio Blog

Per i prematuri anemici scoperto un nuovo rimedio

L’eritropoietina beta (EPOb) è un mezzo efficace per combattere l’anemia nei neonati nati prematuramente, sino a evitare completamente trasfusioni di sangue. A dirlo sono i risultati pubblicati nel “Journal of pediatrics” in cui si dice che l’EPOb somministrato ai neonati che pesano tra i 500 e i 900 grammi migliora nettamente il loro ematocrito. Lo… Continua a leggere Per i prematuri anemici scoperto un nuovo rimedio

8/11/2007Bio Blog