Quantcast
Discombugogglamento: astinenza dal web | BioBlog

Discombugogglamento: astinenza dal web

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche News in pillole dal Mondo Patologie Psicologia Vizi
Tag: #attività  cerebrale #battito cardiaco #EEG #Psicologia #stile di vita #stress
Condividi:

Capita spesso di innervosirsi, agitarsi, arrabbiarsi, quando non si riesce a collegarsi ad internet o ad entrare in un determinato sito. Questa sensazione spiacevole ha un nome: “discombugogglamento“. Il termine, coniato da uno psicologo inglese, sulla base di un sondaggio, rivela come quasi metà  della popolazione della Gran Bretagna soffra di un simile disturbo. La malattia è difinita nella psicologia come crescenti livelli di stress, provocati da difficoltà  ad andare online: la parola è una fusione di “scombussolamento” e di “google”, il motore di ricerca diventato quasi un sinonimo della rete stessa. Il sondaggio indica che il 44% dei cittadini soffrono di questa malattia dell’era digitale, con più di un quarto, il 27%, che ammettono di stare decisamente male quando incontrano problemi a collegarsi o a compiere certe operazioni su internet. La banda larga ci permette di accedere ad una miriade di informazione con un solo click del mouse e se per raggiungerle occorre qualche secondo in più della norma diventiamo impazienti, smaniosi, e ci sentiamo a disagio. Siamo diventati dipendenti dal web. Lo studio ha misurato il livello di stress in un campione di oltre 2 mila persone, seguendo il battito cardiaco e l’attività  cerebrale. Si è visto come aumentavano la pressione del sangue e l’attività  EEG dei partecipanti non appena venivano scollegati da internet e non riuscivano a ricollegarsi. Il sondaggio rileva inoltre che il 76% dei britannici non potrebbe vivere senza internet, che oltre metà  della popolazione usa il web da 1 a 4 ore al giorno e che il 19% passa più tempo on line che con la propria famiglia. Il 47% dichiara che internet è più importante della religione nelle vite della gente.

Publicato: 3/9/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Pubblicare su Twitter col pensiero

Twitter è un servizio molto seguito – soprattutto negli States – di microblogging che permette agli utenti di mandare aggiornamenti al proprio status con messaggi di testo, lunghi non più di 140 caratteri, dal il sito stesso oppure via SMS, e-mail, ma anche tramite varie applicazioni basate sulle API di Twitter, come quella realizzata da… Continua a leggere Pubblicare su Twitter col pensiero

27/4/2009Bio Blog

Codice neurale nelle applicazioni future

Nell’ambito delle reti neurali, la natura del codice neurale è un tema su cui fervono i dibattiti. La teoria più vecchia è quella del codice di frequenza, vale a dire il il numero medio di impulsi prodotti da un neurone in un intervallo, poniamo di 100 millesimi di secondo. Più di recente i neuroscienziati si… Continua a leggere Codice neurale nelle applicazioni future

4/2/2009Bio Blog

Il controllo del comportamento

Alla luce delle recenti conoscenze sui rapporti tra aree cerebrali e funzioni mentali è stato ipotizzato che nel cervello esistano 4 diversi sistemi di controllo: Il “sistema pavloviano” agirebbe a livello inconscio, dipenderebbe da strutture quali i gangli della base e il midollo allungato e controllerebbe una serie di funzioni ripetitive e abbastanza rigide. Il… Continua a leggere Il controllo del comportamento

26/1/2009Bio Blog

Ritornare a parlare con la neurostimolazione

Alla Boston University hanno messo a punto una metodica che ha permesso di ridare la parola a un uomo completamente paralizzato e privato anche della capacità  di comunicare verbalmente a causa dei danni riportati nell’area cerebrale deputata a tale funzione. È stato impiantato un elettrodo nel cervello del paziente, con l’ausilio di uno speciale sintetizzatore… Continua a leggere Ritornare a parlare con la neurostimolazione

1/12/2008Bio Blog