Quantcast
Parkinson curato nei topi grazie alle staminali | BioBlog

Parkinson curato nei topi grazie alle staminali

Categoria: Archivio Medicina rigenerativa Parkinson Staminali
Tag: #cellule #cellule staminali #cervello #embrioni #genetica #neuroni #Parkinson
Condividi:

L’équipe di Lorenz Studer, Head of the Stem Cell and Tumor Biology Laboratory, insieme al Memorial Sloan-Kettering Cancer Center (MSKCC) ha curato con successo delle cavie ammalate di Parkinson con un trapianto di neuroni, ottenuti partendo per la prima volta al mondo, da cellule staminali embrionali ricavate da embrioni geneticamente identici al “paziente” (in questo caso un topo) con un procedimento conosciuto come somatic-cell nuclear transfer (SCNT, trasferimento nuclare da cellule somatiche). La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature Medicine, ha buone potenzialità  per essere applicata con successo anche sull’uomo, ma almeno in Italia questo impiego delle cellule staminali è vietato dalla legge nonché fortemente criticato dalla Chiesa. Gli scienziati grazie al SCNT, procedimento già  impiegato nella pecora Dolly, hanno trasformato cellule staminali embrionali, con il patrimonio genetico del topo ricevente, in neuroni e quindi trapiantati nel cervello. Nei topi malati di Parkinson le staminali hanno agito positivamente, migliorando il quadro della malattia, attualmente incurabile, senza problemi di rigetto essendo cellule identiche ai neuroni delle cavie stesse. Nel dettaglio il procedimento adottato è consistito nel prelevare cellule epiteliali dalla coda (per praticità ) del topo e quindi di isolarne il Dna. A questo punto il materiale nucleare è stato introdotto in cellule uovo precedentemente enucleate (svuotate). Infine, l’ovulo così ottenuto viene fatto sviluppare naturalmente e, giunto allo stadio di blastula o blastocisti, vengono estratte le famose staminali embrionali. [maggiori informazioni | foto Robert F. Bukaty]

Publicato: 25/3/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Cellule staminali della placenta: una miniera inutilizzata

La placenta, secondo le ultimissime ricerche, risulta più ricca di cellule staminali rispetto al sangue del cordone ombelicale, tuttavia nella maggioranza dei parti viene eliminata senza poter attingere a quella riserva così preziosa per la ricerca e per le terapie. L’equipe dell’Ospedale Pediatrico di Oackland, in California, ha scoperto nel 2009 che la placenta contiene… Continua a leggere Cellule staminali della placenta: una miniera inutilizzata

8/3/2010Bio Blog

Riparazione del midollo spinale

Nel sangue esistono cellule in grado di riparare, o per lo meno di limitare, i danni di un trauma al midollo spinale. La scoperta, pubblicata su Plos Medicine e per ora dimostrata solo sui topi, arriva dai ricercatori del Weizmann Institute of Science di Rehovot in Israele e dell’Istituto Scientifico Universitario San Raffaele di Milano.… Continua a leggere Riparazione del midollo spinale

9/9/2009Bio Blog

La terapia contro il cancro che viene dalle nostre cellule

La nuova speranza nella terapia contro il cancro viene dalle nostre stesse cellule e si chiama Par-4. In uno studio pubblicato da Cell, ricercatori dell’Università  del Kentucky, guidati da Vivek Ragnekar, hanno dimostrato che questa proteina può uccidere le cellule cancerose senza danneggiare quelle sane. L’attività  antitumorale di Par-4 era già  nota, ma fino ad… Continua a leggere La terapia contro il cancro che viene dalle nostre cellule

27/7/2009Bio Blog

Nanoparticelle contro le cellule tumorali

In alternativa ai farmaci per il cancro usati fino ad oggi, che colpiscono indiscriminatamente sia le cellule sane sia le cellule malate, un gruppo di ricercatori australiani ha messo appunto delle nanoparticelle per somministrare gli agenti terapeutici esclusivamente alle cellule cancerose. La nuova tecnica, sperimentata sui topi e pubblicata sulla rivista Nature Biotechnology, sfrutta delle… Continua a leggere Nanoparticelle contro le cellule tumorali

4/7/2009Bio Blog