Quantcast
Nel sonno si riordinano i file | BioBlog

Nel sonno si riordinano i file

Categoria: Archivio Psicologia
Tag: #cervello #fase REM #sonno
Condividi:

Il sonno varia molto durante la notte, passando da fasi di quiete, note come fasi non REM (NREM), a fasi di forte attività  cerebrale, fase REM. Le due fasi sono davvero molto diverse. La NREM è caratterizzata dal prevalere di onde lente. Quando ci addormentiamo passando dalla veglia al sonno sempre più profondo, nel cervello cessa il predominio delle onde veloci (onde beta, 20-30 Hz, e gamma, 30-80 Hz), ed emerge un’oscillazione lentissima (0.5-1 Hz), la quale è l’anticamera di tutte le onde lente, i fusi del sonno (12-15 Hz), i complessi K, che sono delle ampie oscillazioni lente spesso seguite da fusi e che sono tipiche del II stadio del sonno, ed infine le onde delta (1-4 Hz). Il significato fisiologico del sonno ad onde lente e più in generale del sonno, è il problema della fisiologia e della medicina del sonno. L’ipotesi è quella che il cervello, durante queste fasi, dia una sistemata a tutte le informazioni registrate durante la giornata sotto forma di sinapsi, riducendone il numero e il peso. Si avrebbe quindi un fenomeno di downscaling, ossia una sottotaratura delle sinapsi con conseguente eliminazione dei file inutili.

Publicato: 28/3/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

infinitamente scienza

Infinitamente… scienza!

Conoscere la scienza significa leggerla, ascoltarla, vederla e soprattutto viverla. Tutto questo sarà  possibile durante il festival della scienza “Infinitamente” che si terrà , per la sua seconda edizione, a Verona da giovedì 28 a domenica 31 gennaio 2010. Il nome della manifestazione allude non solo alle infinite possibilità  della mente umana e della ricerca, ma… Continua a leggere Infinitamente… scienza!

28/1/2010Bio Blog

Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

Scoperti due nuovi geni che hanno un ruolo di particolare importanza nella genesi della malattia di Alzheimer. La ricerca, frutto di una collaborazione europea sulla malattia di Alzheimer, ha dimostrato che particolari varianti dei geni CLU (o APOJ) e CR1 sono associate in modo significativo alla malattia. Lo studio e’ presentato sull’ultimo numero della prestigiosa… Continua a leggere Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

14/9/2009Bio Blog

Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

Sviluppato un gel innovativo che potrebbe stimolare il tessuto cerebrale a rigenerarsi una volta iniettato nell’area del cervello lesionata. A mettere a punto il nuovo materiale e’ stato un gruppo di bioingegneri della Clemson University, secondo quanto riportato da un articolo pubblicato sul sito di Science Daily. Dagli studi condotti, il gel composto da biomateriali… Continua a leggere Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

6/9/2009Bio Blog

Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

La malattia di Huntington è una malattia rara degenerativa del sistema extrapiramidale che rientra nel gruppo delle sindromi ipercinetiche. La malattia è stata descritta nel 1872 da George Huntington. Tale patologia si presenta con caratteristiche quali ereditarietà , disturbi del movimento, fra cui còrea (dal greco, danza), disturbi cognitivi e del comportamento. L’età  d’esordio si colloca… Continua a leggere Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

14/7/2009Bio Blog