Quantcast
Riparare la cartilagine con Cartilix | BioBlog

Riparare la cartilagine con Cartilix

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Medicina rigenerativa Operazioni chirurgiche Staminali
Tag: #biomateriali #cartilagine #cellule #cellule staminali #gel #ginocchio #Medicina rigenerativa #midollo osseo
Condividi:

Un nuovissimo biomateriale sviluppato dalla Cartilix, una startup biotecnologica con sede a Foster (California), potrà  migliorare in maniera consistente la percentuale di successi negli interventi di riparazione chirurgica della cartilagine del ginocchio, rendendo la procedura più accessibile ai pazienti con problemi all’articolazione. In caso di microfratture, un chirurgo utilizza una speciale punta per effettuare dei piccoli fori sulla superficie ossea nelle zone in cui manca la cartilagine. Del midollo osseo contenente cellule staminali viene inserito sulla regione da trattare. Le staminali, si differenziano presto in cartilagine, formando gradualmente nuovo tessuto. Tuttavia, c’è da sottolineare che il nuovo tessuto è una cartilagine cicatriziale, non vera cartilagine, e quindi col tempo subisce un processo di degenerazione molto più veloce. ChonDux della Cartilix è costituito da un idrogel di polietilene glicolico, un polimero comunemente usato in medicina, e un bioadesivo per mantenere l’idrogel in sede dopo l’iniezione. In primo luogo, il chirurgo ricopre con il bioadesivo le cavità  dove la cartilagine manca, e successivamente vengono effettuati dei piccoli fori. Il chirurgo riempie lo spazio vuoto con l’idrogel e tramite una luce UVA si fa indurire il biomateriale che intrappola così del sangue. Il gel consiste sostanzialmente di condroitina solfata, il principale componente della cartilagine che in questo caso viene modificata chimicamente per far aderire la nuova cartilagine con la vecchia per prevenire la formazione di microfratture. Il sistema è stato già  testato con successo sui conigli in cui si è osservata la formazione di nuova cartilagine “vera” e funzionale. [via technologyreview]

Publicato: 7/10/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

Sviluppato un gel innovativo che potrebbe stimolare il tessuto cerebrale a rigenerarsi una volta iniettato nell’area del cervello lesionata. A mettere a punto il nuovo materiale e’ stato un gruppo di bioingegneri della Clemson University, secondo quanto riportato da un articolo pubblicato sul sito di Science Daily. Dagli studi condotti, il gel composto da biomateriali… Continua a leggere Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

6/9/2009Bio Blog

Nuovo biomateriale per la crescita di vasi sanguigni

All’Università  di Ottawa gli scienziati hanno sviluppato un nuovo biomateriale pensato appositamente per fungere da scaffold per favorire la crescita di nuovo vasi sanguigni. I ricercatori della University of Ottawa Heart Institute (UOHI) sono riusciti a far sviluppare e crescere vasi sanguigni all’interno di un muscolo danneggiato, iniettando un biomateriale studiato per attrarre nuove cellule… Continua a leggere Nuovo biomateriale per la crescita di vasi sanguigni

13/2/2009Bio Blog

Elettronica elastica

Dalla collaborazione fra l’Università  di Miami, College of Engineering, l’Università  dell’Illinoise e la Northwestern University è nata una nuova tecnologia per sviluppare circuiti elettronici embed all’interno di materiali molto flessibili. I possibili utilizzi di una tecnologia simile in biomedicina sono molteplici: uno fra tutti potrebbe essere quello di realizzare la circuiteria di una videocamera da… Continua a leggere Elettronica elastica

12/2/2009Bio Blog

Sangue in vitro

Il professore Nicholas Kotov, insieme a ricercatori dei dipartimenti di ingegneria dei materiali, ingegneria chimica ed ingegneria biomedica dell’università  del Michigan ha sviluppato un midollo osseo artificiale idoneo alla produzione in vitro di cellule emopoietiche. A differenza da tutti esperimenti precedentemente condotti, la struttura solida tridimensionale in cui crescono le cellule staminali è stata concepita… Continua a leggere Sangue in vitro

3/1/2009Bio Blog