Quantcast
Elettronica elastica | BioBlog

Elettronica elastica

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche News in pillole dal Mondo
Tag: #Apparecchiature #biomateriali #circuiti #elettronica #microchip
Condividi:

Dalla collaborazione fra l’Università  di Miami, College of Engineering, l’Università  dell’Illinoise e la Northwestern University è nata una nuova tecnologia per sviluppare circuiti elettronici embed all’interno di materiali molto flessibili. I possibili utilizzi di una tecnologia simile in biomedicina sono molteplici: uno fra tutti potrebbe essere quello di realizzare la circuiteria di una videocamera da inserire nell’occhio per dare la vista a chi non ce l’ha, o anche protesi intelligenti all’interno del corpo per assecondare i movimenti normali del tessuto su cui è inserito. Il segreto del dispositivo sta nell’utilizzo di apposite “isole” di silicio in cui sono inseriti i componenti attivi collegati tra loro in modo opportuno per garantire allungamento, compressione, piegamento e torsione (fino a 90° in un centimetro) del materiale che funge da substrato. Il circuito realizzato viene chiamato noncoplanar mesh design e ciò che più caratterizza la struttura è la costanza delle proprietà  elettriche anche in seno a brusche variazioni della geometria. Nella foto sopra di John A. Rogers per l’Università  dell’Illinois a Urbana-Champaign, un esempio di come l’array formato in questo caso da inverter MOS (metal-oxide semiconductors) può deformarsi. [maggiori informazioni]

Publicato: 12/2/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

GE Healthcare lancia Vscan

GE Healthcare, la divisione medicale di General Electric, ha presentato in anteprima assoluta per l’Italia VscanTM, ecografo piccolo come uno smart phone. VscanTM utilizza una tecnologia di ultimissima generazione che permette ai medici di visualizzare in maniera non invasiva e immediata quello che accade all’interno del corpo umano. Realmente tascabile, VscanTM può essere trasportato facilmente… Continua a leggere GE Healthcare lancia Vscan

23/3/2010Bio Blog

Laringe artificiale per tornare a parlare

Grazie a un touch sensors la CompleteSpeech (Orem, Utah) ha realizzato un dispositivo, soprannominato Palatometer (in italiano potrebbe essere chiamato “Palatometro“) in grado di “percepire” il contatto della lingua sul palato durante la parlata. Il dispositivo è stato progettato espressamente per le persone mute o con difficoltà  nel parlare per ridarle nuova voce. Solo negli… Continua a leggere Laringe artificiale per tornare a parlare

5/12/2009Bio Blog

Clinica del sonno a casa tua

Le persone che soffrono di disturbi del sonno sono molte, tanti non sanno minimamente di soffrirne. La sapienza comune riconosce solo l’insonnia o l’ipersonnia come disturbo legato al sonno, mentre pochi sanno che il sonno se qualitativamente scarso produce gravi ripercussioni metaboliche e dinamiche sul nostro corpo. Il sonno è composto da 4 fasi NREM… Continua a leggere Clinica del sonno a casa tua

15/6/2009Bio Blog

Pubblicare su Twitter col pensiero

Twitter è un servizio molto seguito – soprattutto negli States – di microblogging che permette agli utenti di mandare aggiornamenti al proprio status con messaggi di testo, lunghi non più di 140 caratteri, dal il sito stesso oppure via SMS, e-mail, ma anche tramite varie applicazioni basate sulle API di Twitter, come quella realizzata da… Continua a leggere Pubblicare su Twitter col pensiero

27/4/2009Bio Blog