Quantcast
RestoreUltra, il più piccolo Neurostimolatore | BioBlog

RestoreUltra, il più piccolo Neurostimolatore

Categoria: Apparecchiature Archivio Biotecnologie Mediche Dispositivi intracorporei Terapia del dolore
Tag: #Apparecchiature #colonna vertebrale #dolore #epidurale #generatore di corrente #medtronic #neurostimolazione #Onde elettromagnetiche #segnali biomedici #sistema nervoso
Condividi:

Il nuovo dispositivo ultrasottile e ultrapotente di MEDTRONIC, per la neuro-stimolazione personalizzata, è stato impiantato per la prima volta in Italia a Palermo e a Mestre. Primi impianti in due pazienti italiani del neurostimolatore RestoreULTRA di Medtronic per il controllo del dolore cronico benigno e non oncologico. Gli interventi sono stati eseguiti in contemporanea a Palermo da Vincenzo Scaglione Responsabile dell’U.O. di Neurochirurgia vertebro-midollare e applicazione delle tecnologie innovative dell’Ospedale Civico e a Mestre da GianPaolo Pinato Direttore del Centro del Dolore del nosocomio cittadino. A soffrire di dolore cronico sono oltre 10 milioni di italiani, pari al 25% della popolazione. dimensioni restoreultra «La neurostimolazione elettrica -come spiega Vincenzo Scaglione- viene effettuata mediante un dispositivo medico impiantato che eroga impulsi elettrici nello spazio epidurale in modo da impedire ai segnali dolorifici che percorrono il sistema nervoso di raggiungere il cervello. Questo dispositivo è indicato nella gestione dei casi di dolore cronico intrattabile del tronco e/o degli arti, della vasculopatia periferica, o dell’angina pectoris intrattabile (dolore al torace dovuto a una carenza di ossigeno nel cuore), e può essere particolarmente utile nel trattamento del dolore complesso». RestoreULTRA è dotato di un programmatore unico nel suo genere e fornisce ai pazienti il massimo controllo mai ottenuto nella gestione della terapia. Infatti, grazie all’innovativa funzione (chiamata TARGETmyStim) è possibile regolare in maniera adeguata e immediata la stimolazione ai fini di rispondere al meglio alle normali oscillazioni d’intensità  del dolore. Utilizzando un programmatore telecomandato, il paziente può regolare più precisamente la stimolazione in specifici punti a diverse altezze del midollo spinale e aumentare o diminuire l’intensità  degli impulsi elettrici. Tali regolazioni consentono di personalizzare la terapia in modo autonomo e sicuro senza dover ricorrere alla strumentazione del medico durante una visita al suo studio. RestoreULTRA ha anche una batteria ricaricabile dall’esterno e garantisce una durata di nove anni, la più lunga certificata dalla FDA americana. elettrodi restoreultra dolore GianPaolo Pinato sottolinea che: “Il dolore del paziente è ora ben controllato grazie a questo innovativo sistema. Questo neurostimolatore è il più piccolo e il più sottile attualmente a disposizione e, per questo, è ancora più adatto all’impianto sottocute. È anche il più potente e la batteria per la stimolazione dura più a lungo con il massimo beneficio per il paziente”. Grazie alle sue caratteristiche, RestoreULTRA si pone come una soluzione d’eccellenza nella terapia di neurostimolazione i cui benefici sono stati recentemente confermati da uno studio internazionale multicentrico, pubblicato dalla rivista internazionale Pain lo scorso dicembre 2007. Dalle indagini emerge, infatti, che si ottengono maggiori risultati erogando leggeri impulsi elettrici nella colonna vertebrale rispetto all’impiego della sola terapia medica convenzionale. Questo studio, che è stato denominato PROCESS (PROspective randomized Controlled trial of the Effectiveness of Spinal cord Stimulation, è stato condotto su 100 pazienti in 12 centri ospedalieri e policlinici universitari internazionali (Italia, Australia, Belgio, Canada, Israele, Spagna, Svizzera e Regno Unito). I risultati ottenuti dopo sei mesi hanno dimostrato che la terapia di neurostimolazione associata alla terapia medica convenzionale, rispetto al solo trattamento medico, garantisce un livello significativamente maggiore di riduzione del dolore e un miglioramento della qualità  di vita e delle capacità  funzionali. elettrodi neurostimolatore medtronic restoreultra [maggiori informazioni]

Publicato: 7/6/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

GE Healthcare lancia Vscan

GE Healthcare, la divisione medicale di General Electric, ha presentato in anteprima assoluta per l’Italia VscanTM, ecografo piccolo come uno smart phone. VscanTM utilizza una tecnologia di ultimissima generazione che permette ai medici di visualizzare in maniera non invasiva e immediata quello che accade all’interno del corpo umano. Realmente tascabile, VscanTM può essere trasportato facilmente… Continua a leggere GE Healthcare lancia Vscan

23/3/2010Bio Blog

Laringe artificiale per tornare a parlare

Grazie a un touch sensors la CompleteSpeech (Orem, Utah) ha realizzato un dispositivo, soprannominato Palatometer (in italiano potrebbe essere chiamato “Palatometro“) in grado di “percepire” il contatto della lingua sul palato durante la parlata. Il dispositivo è stato progettato espressamente per le persone mute o con difficoltà  nel parlare per ridarle nuova voce. Solo negli… Continua a leggere Laringe artificiale per tornare a parlare

5/12/2009Bio Blog

Clinica del sonno a casa tua

Le persone che soffrono di disturbi del sonno sono molte, tanti non sanno minimamente di soffrirne. La sapienza comune riconosce solo l’insonnia o l’ipersonnia come disturbo legato al sonno, mentre pochi sanno che il sonno se qualitativamente scarso produce gravi ripercussioni metaboliche e dinamiche sul nostro corpo. Il sonno è composto da 4 fasi NREM… Continua a leggere Clinica del sonno a casa tua

15/6/2009Bio Blog

Pubblicare su Twitter col pensiero

Twitter è un servizio molto seguito – soprattutto negli States – di microblogging che permette agli utenti di mandare aggiornamenti al proprio status con messaggi di testo, lunghi non più di 140 caratteri, dal il sito stesso oppure via SMS, e-mail, ma anche tramite varie applicazioni basate sulle API di Twitter, come quella realizzata da… Continua a leggere Pubblicare su Twitter col pensiero

27/4/2009Bio Blog