Quantcast
Il ragazzo di Ischia è stato operato: l'ospedale spiega, ma resta la polemica | BioBlog

Il ragazzo di Ischia è stato operato: l’ospedale spiega, ma resta la polemica

Categoria: Apparecchiature Archivio Dispositivi intracorporei
Tag: #fratture #ischia #ospedali #strumentazione operatoria
Condividi:

Sembra sia da bollare come bufala la notizia che riguardava il ragazzo in atteso di apparecchi ad Ischia, che lottava tra la vita e la morte. Questo ha dichiarato a l’azienda sanitaria, ripresa qualche momento fa anche da Studio Aperto, aggiungendo che “l’ospedale di Ischia essendo deputato a gestire le emergenze, è dotato di tutti i presidi necessari per un intervento di riduzione delle fratture d’urgenza. Nel caso specifico, si è trattato di un’urgenza differita, ovvero di una condizione per la quale è possibile richiedere mezzi adatti alla riduzione delle fratture specificamente pensati per la tipologia del caso e per l’età  del paziente“. Il mezzo in questione era un chiodo gamma, un dispositivo sfruttato per creare un sistema in grado di distribuire equamente la forza applicata ad un osso fratturato. Quindi è vero che il paziente era in attesa di uno strumento biomedico e il ritardo nell’operazione era dovuta proprio ai parametri -di cui vi avevo parlato nell’altro articolo- che dovevano essere prima stabilizzati, tuttavia il ragazzo ha rischiato la vita. L’operazione è avvenuta con successo questa mattina.

Publicato: 1/7/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Osteoblasti per la ricostruzione delle ossa

Un gruppo di scienziati coreani dell’Università  Cattolica di Seul, hanno sperimentato hanno effettuato un esperimento soprendente sull’uomo. Il gruppo di ricercatori ha prelevato una quantità  di osteoblasti dalle ossa del bacino di un uomo che aveva subito una frattura, gli osteoblasti sono stati in laboratorio per circa 24 ore e qui si sono moltipilicati. L’idea è… Continua a leggere Osteoblasti per la ricostruzione delle ossa

18/2/2009Bio Blog

Nanotubi e cellule staminali per la ricostruzione delle ossa

È stato scoperto che l’uso di impianti costituiti da nanotubi di titanio insieme a cellule staminali possono accelerare la crescita del tessuto osseo. Il gruppo di bioingegneri dell’Università  della California – San Diego, ha usato tecnologie di nano-biotecnologie che hanno permesso di realizzare questo esperimento. Infatti, sono stati in grado di posizionare delle cellule mesenchimali… Continua a leggere Nanotubi e cellule staminali per la ricostruzione delle ossa

16/2/2009Bio Blog

Osso iniettabile

Un team di scienziati della University of Nottingham, in collaborazione alla RegenTec, ha sviluppato un materiale che si inietta nelle ossa fratturate, dove indurisce in pochi minuti, creando uno scaffold ideale per la rigenerazione e la ricrescita di nuovo tessuto osseo. La sostanza, come già  detto, forma uno scaffold, ovvero una struttura di sostegno, biodegradabile… Continua a leggere Osso iniettabile

9/12/2008Bio Blog

Chirurgia plastica al gatto

Tanya Dickson (nella foto) ha dovuto rinunciare alla macchina nuova per poter pagare le cure per il suo gatto grigio, Hetty, dopo un brutto incidente che lo ha lasciato in coma per molti giorni. Raggi X e RMN, per una spesa di 2500 sterline, hanno rivelato che la cavità  nasale dell’animale era del tutto rientrata… Continua a leggere Chirurgia plastica al gatto

30/7/2008Bio Blog