Quantcast
Cellule simil-staminali | BioBlog

Cellule simil-staminali

Categoria: Archivio Medicina rigenerativa Parkinson Patologie Staminali
Tag: #alzheimer #cellule #cellule staminali #gene #genetica #Parkinson #pelle #Staminali
Condividi:

Esiste un meccanismo per riprogrammare le cellule adulte e renderle simili alle staminali: la chiave starebbe in una proteina, chiamata Wnt, già¡ nota per essere coinvolta in numerose fasi dello sviluppo di animali vertebrati e invertebrati. L’autore della scoperta è stato il gruppo di ricerca dell’Istituto Telethon di Genetica e Medicina (Tigem) di Napoli. I risultati della loro ricerca sono stati pubblicati online sulla rivista Cell Stem Cell.

Gli scienziati hanno preso diversi tipi di cellule adulte (fibroblasti, cellule del timo e precursori di cellule neuronali) e le hanno fuse con cellule staminali embrionali in presenza della proteina Wnt. Dopo questo trattamento, le cellule adulte hanno perso le loro caratteristiche tipiche e ne hanno invece acquisite altre, simili a quelle delle cellule staminali. Si sono cioè trasformate in cellule poco differenziate (pluripotenti) e quindi in grado di dare origine a tessuti diversi da quello di cui facevano parte in origine. La vera novità¡, però, sta nella grande capacità¡ della proteina Wnt di promuovere questa sorta di riprogrammazione. Per verifcarla i ricercatori hanno somministrato dosi precise di proteina per un tempo limitato, riscontrando che una considerveole quota di cellule adulte si trasformava effetivamente in simil-staminali.

La scoperta apre prospettive interessanti in tutti i campi della medicina rigenerativa, a vantaggio dei pazienti con patologie come Alzheimer, Parkinson, cardiopatie. Questo metodo potrebbe rappresentare una valida alternativa a quello attualmente più condiviso dalla comunità¡ scientifica internazionale ottenendo staminali a partire da cellule della pelle con l’introduzione di geni esterni.

Parallelamente a questo filone di ricerca, il metodo proposto dal gruppo partenopeo potrebbe dunque rappresentare una valida alternativa per ottenere cellule simil-staminali a partire da cellule cutanee limitando l’introduzione di geni estranei. La proteina Wnt è infatti già¡ disponibile sul mercato e andrebbe semplicemente aggiunta al liquido in cui i ricercatori fanno normalmente crescere le cellule che studiano. Il passo successivo dell’equipe sarà¡ ora studiare i meccanismi attraverso cui Wnt promuove la riprogrammazione cellulare e identificare i geni che sono attivati dall’azione di Wnt. Questo permetterà¡ di individuare i meccanismi di base della riprogrammazione cellulare e contribuire così allo sviluppo di nuovi approcci terapeutici nel campo della medicina rigenerativa.

Publicato: 19/11/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Souvenaid

Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

Si chiama Souvenaid la nuova bevanda sperimentale messa a punto dalla Rush University Medical Center di Chicago. Souvenaid potrebbe essere in grado di limitare le carenze mnemoniche dei pazienti ai primi stadi della malattia o con una moderata di Alzheimer. Saranno 500 i pazienti sottoposti a questa nuova sperimentazione, queste persone verranno distribuite in 40… Continua a leggere Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

5/3/2010Bio Blog
telefono cellulare

La rivincita del cellulare

Da tempo si parla degli effetti nocivi delle radiazioni legate all’uso del cellulare, ma finalmente per tutti gli amanti delle lunghe chiacchierate arriva una buona notizia. Secondo uno studio condotto alla University of South Florida e pubblicato sul Journal of Alzheiner’s Disease, l’esposizione prolungata alle onde elettromagnetiche del cellulare potenzierebbe la memoria e proteggerebbe dal… Continua a leggere La rivincita del cellulare

11/1/2010Bio Blog

Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

Scoperti due nuovi geni che hanno un ruolo di particolare importanza nella genesi della malattia di Alzheimer. La ricerca, frutto di una collaborazione europea sulla malattia di Alzheimer, ha dimostrato che particolari varianti dei geni CLU (o APOJ) e CR1 sono associate in modo significativo alla malattia. Lo studio e’ presentato sull’ultimo numero della prestigiosa… Continua a leggere Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

14/9/2009Bio Blog

Vasocostrizione cerebrale nel morbo di Alzheimer

I ricercatori dell’Università  di Bristol hanno scoperto che l’enzima convertente l’endotelina 2 (ECE-2) è in grado di causare la riduzione del flusso sanguigno cerebrale che si verifica nei malati di Alzheimer, e dunque di favorire la progressione della patologia. La malattia di Alzheimer è la più diffusa causa di demenza al mondo ed è caratterizzata… Continua a leggere Vasocostrizione cerebrale nel morbo di Alzheimer

30/7/2009Bio Blog