Quantcast
Umiliato un bambino autistico al Carrefour di Assago | BioBlog

Umiliato un bambino autistico al Carrefour di Assago

Categoria: Archivio BioBlog news Disturbi psichici
Tag: #autismo #carrefour #cars #discriminazioni #handicap
Condividi:

Occupandosi di social networking o, anche semplicemente, dando un occhio ai movimenti su Technorati, è possibile vedere un’anomalia riguardo la parola “Carrefour”. Il motivo per cui ne parlo qui, e che ha dato il là  alle polemiche (spesso anche feroci) contro l’azienda, è stata l’email inviata da una cliente al supermercato e successivamente ripubblicata sul proprio blog. Tutto accade una mattina a lei e a suo figlio autistico.

Vestito di tutto punto con la sua maglietta di Cars, comprata DA VOI, oggi l’ho portato, emozionatissimo, ad Assago. […] Chiaramente, il mio biondino, che purtroppo per la sua malattia non parla (ancora), mi ha fatto capire a gesti che gli sarebbe piaciuto. Per quale ragione non farlo? […] Arriva il turno del mio piccolo, e non appena varca la transenna, resta il tempo di ben DUE SECONDI girato verso il suo idolo a grandezza naturale, invece di fissare l’obiettivo del fotografo. Mi abbasso, senza dar fastidio alcuno, scivolo sotto la corda e da davanti, chiedo a mio figlio di girarsi. Il fotografo comincia ad urlare “Muoviti! Non siamo mica tutti qui ad aspettare te” Mio figlio si gira, ma non abbastanza secondo il “professionista”. Gli chiedo “Per favore, anche se non è proprio dritto, gli faccia lo stesso la foto”¦” “Ma io non ho mica tempo da perdere sa? Lo porti via! Vattene! Avanti un altro, vattene!” Un bambino a lato urla “Oh, mi sa che quello è scemo” e il vostro Omino del Computer, ridendo “Eh, si! Vattene biondino, non puoi star qui a vita!”. Mio figlio, che non è SCEMO, non parla ma capisce tutto, sentendosi urlare dal fotografo, da quello che digitalizzava le immagini e dalla claque che questi due individui hanno sollevato ed aizzato, si mette a piangere, deriso ancora dal fotografo che lo fa scendere dal piedistallo di fortuna che avete improvvisato davanti alla macchina, facendolo pure inciampare.

E fin qui c’è da dire “Vergogna!”, purtroppo non è finita. Il racconto prosegue con altri particolari, tra il quale uno che forse scuote di più gli animi: la stupidità  di una donna (probabilmente) dipendente Carrefour che, invece di parlare, potrebbe pensare un po’ di più.

In lacrime, con il torace scosso dai singhiozzi, umiliato, deriso, leso nella propria dignità  di bambino non neurotipico. Una signorina, con la Vostra tshirt, mi si è avvicinata per chiedermi cosa fosse successo. Alla mia spiegazione, dopo averle detto che il piccolo aveva una sindrome autistica, mi ha detto “Ma se non è normale non lo deve portare in mezzo alla gente“.

Si spera sempre che non sia questa la maggioranza d’Italia, fatta invece di gente in grado di capire e condividere. Come ho detto in altre sedi, sicuramente la rabbia rivolta a Carrefour è esagerata, visto che le colpe (se di questo vogliamo parlare) sono delle persone presenti in quel momento che, tuttavia bisogna ricordarlo, sono nelle loro funzioni rappresentanza attiva dell’azienda. Purtroppo il problema è più profondo e riguarda tutta quella sfera di ignoranza e stupidità  che alegga intorno a persone che vedono come diverso tutto ciò che non è uniformato. Molto grave e, ripeto per l’ennesima volta, vergognoso. Concludo con un altro passaggio dello “sfogo” di una mamma ferita, giusto per ricordare che lo Stato c’è e prevede queste cose:

Questo è l’articolo 2 comma 4 della legge 67 del 1 Marzo 2006, a tutela dei soggetti portatori di handicap: -Sono, altresì, considerati come discriminazioni le molestie ovvero quei comportamenti indesiderati, posti in essere per motivi connessi alla disabilità , che violano la dignità  e la libertà  di una persona con disabilità , ovvero creano un clima di intimidazione, di umiliazione e di ostilità  nei suoi confronti.

Le scuse pubbliche e qualche provvedimento disciplinare dovrebbero essere il primo intervento di un’azienda grande come il Carrefour, che finora ha rilasciato solo questa risposta ufficiale:

Il Gruppo Carrefour Italia è profondamente sorpreso e sinceramente dispiaciuto dell’accaduto riferito dalla Signora, fatto che non rientra assolutamente nelle nostre filosofie e nei comportamenti dei nostri collaboratori. Non possiamo che confermare che il nostro costante impegno è rivolto alla soddisfazione dei nostri Clienti, al totale rispetto delle loro esigenze ed aspettative, dai più piccoli ai più grandi. L’etica è alla base della nostra attività  e condizione imprescindibile del comportamento dei nostri collaboratori. Il tour Disney Cars, realizzato presso il Carrefour di Assago e programmato in altri ipermercati della nostra rete che ne fanno da cornice, rientra pienamente in questo nostro impegno: abbiamo voluto offrire ai bambini ed alle loro famiglie un momento di divertimento. Affinché i piccoli frequentatori degli ipermercati potessero vivere per un attimo dentro la “favola”, l’organizzazione è stata curata nei minimi dettagli, anche attraverso l’ausilio di società  esterne. Tutte le persone coinvolte sono state adeguatamente selezionate ed informate circa la filosofia aziendale ed i comportamenti necessari. Abbiamo preso contatto con la Signora con la volontà  di approfondire l’accaduto affinché ogni responsabilità  accertata venga punita con il massimo rigore. Ci auguriamo peraltro che un singolo sfortunato episodio non pregiudichi il rapporto di fiducia che siamo riusciti a costruire con le migliaia di Clienti che ogni giorno frequentano i nostri punti di vendita e che ci scelgono anche per i valori che contraddistinguono la nostra insegna. Molti cordiali saluti Gruppo Carrefour Italia

Publicato: 17/9/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Identificato il gene responsabile dell’epilessia catastrofica

Una forma estremamente grave di epilessia, detta catastrofica, causa forti spasmi muscolari, persistenti grippaggi (cioè cambiamenti nella situazione elettrofisiologica del cervello), ritardo mentale e, a volte, autismo. Uno studio compiuto da ricercatori del Baylor College of Medicine di Houston ha dimostrato che la causa scatenante è una mutazione nel gene Aristaless-related homeobox (ARX). La ricerca,… Continua a leggere Identificato il gene responsabile dell’epilessia catastrofica

15/7/2009Bio Blog

Sindrome di Asperger ed empatia

Una recente ricerca ha dimostrato che la sindrome di Asperger, collegata ai disturbi dello spettro autistico, determina una ridotta abilità  di mettersi nei panni degli altri. Lo studio, condotto per la Sapienza da Salvatore Maria Aglioti, Ilaria Minio-Paluello e Alessio Avenanti, in collaborazione con Simon Baron-Cohen della Cambridge University e Vincent Walsh dell’University College London,… Continua a leggere Sindrome di Asperger ed empatia

30/9/2008Bio Blog

La saliva nell’autismo

Un’équipe dell’Università  Cattolica di Roma, grazie a un finanziamento avuto da un bando biennale di Telethon, ha studiato la relazione tra autismo e fluidi biologici come la saliva e le urine. L’autismo colpisce circa 6 persone ogni 10mila ed è caratterizzato da gravi disturbi comportamentali e dell’interazione sociale. È una malattia di cui si sa… Continua a leggere La saliva nell’autismo

9/6/2008Bio Blog

Proteine specifiche nelle sinapsi cerebrali

Ora, i ricercatori hanno sperimentato un nuovo approccio, che consente loro di analizzare centinaia di molecole sinaptiche simultaneamente. Ralf Schoepfer, Al Burlingame e colleghi sono stati in grado di confrontare il l’operato e, soprattutto, la fosforilazione di proteine nella sinapsi di quattro diverse regioni cerebrali. Le sinapsi sono le vie di collegamento che gestiscono il… Continua a leggere Proteine specifiche nelle sinapsi cerebrali

7/4/2008Bio Blog