Quantcast
Sindrome di Asperger ed empatia | BioBlog

Sindrome di Asperger ed empatia

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Dossier Patologie
Tag: #autismo #sindromi
Condividi:

Una recente ricerca ha dimostrato che la sindrome di Asperger, collegata ai disturbi dello spettro autistico, determina una ridotta abilità  di mettersi nei panni degli altri. Lo studio, condotto per la Sapienza da Salvatore Maria Aglioti, Ilaria Minio-Paluello e Alessio Avenanti, in collaborazione con Simon Baron-Cohen della Cambridge University e Vincent Walsh dell’University College London, ha gettato luce sulle basi neurali delle difficoltà  empatiche riscontrate nelle persone affette dalla sindrome di Asperger. La rivista Biological Psychiatry ha pubblicato un articolo a riguardo nel quale è stata descritte le sperimentazioni condotte al riguardo utilizzando la stimolazione transcranica, tecnica non invasiva di stimolazione cerebrale utilizzata per indagare la risposta cerebrale all’osservazione del dolore altrui. I risultati dimostrano che le persone con sindrome di Asperger non rispondono all’osservazione del dolore altrui a causa della loro ridotta risonanza empatica determinata, a sua volta, dà  una risposta a carattere egocentrico, nonostante le persone colpite dalla sindrome abbiano per il resto comportamenti perfettamente adeguati sotto il profilo dei riferimenti morali e siano capaci di atteggiamenti solidali nei confronti degli altri. In un’ottica traslazionale i risultati di questo studio saranno utili per il futuro sviluppo di interventi mirati a migliorare le abilità  empatiche in soggetti senza specifici deficit in generale e nei soggetti con disturbi dello spettro autistico in particolare. La sindrome di Asperger (abbreviata in SA, o AS in inglese) è un disordine pervasivo dello sviluppo imparentato con l’autismo e comunemente considerato una forma di autismo “ad alto funzionamento”. Il termine “sindrome di Asperger” venne coniato dalla psichiatra inglese Lorna Wing in una rivista medica del 1981; lo chiamò così da Hans Asperger, uno psichiatra e pediatra austriaco il cui lavoro non venne riconosciuto fino agli anni novanta. In generale si ritiene che si tratti di un tipo di autismo caratterizzato dalla difficoltà  nelle relazioni sociali piuttosto che da un’alterazione della percezione, rappresentazione e classificazione della realtà , come nell’autismo classico. [maggiori informazioni | foto wikipedia]

Publicato: 30/9/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Identificato il gene responsabile dell’epilessia catastrofica

Una forma estremamente grave di epilessia, detta catastrofica, causa forti spasmi muscolari, persistenti grippaggi (cioè cambiamenti nella situazione elettrofisiologica del cervello), ritardo mentale e, a volte, autismo. Uno studio compiuto da ricercatori del Baylor College of Medicine di Houston ha dimostrato che la causa scatenante è una mutazione nel gene Aristaless-related homeobox (ARX). La ricerca,… Continua a leggere Identificato il gene responsabile dell’epilessia catastrofica

15/7/2009Bio Blog

Umiliato un bambino autistico al Carrefour di Assago

Occupandosi di social networking o, anche semplicemente, dando un occhio ai movimenti su Technorati, è possibile vedere un’anomalia riguardo la parola “Carrefour”. Il motivo per cui ne parlo qui, e che ha dato il là  alle polemiche (spesso anche feroci) contro l’azienda, è stata l’email inviata da una cliente al supermercato e successivamente ripubblicata sul… Continua a leggere Umiliato un bambino autistico al Carrefour di Assago

17/9/2008Bio Blog

La saliva nell’autismo

Un’équipe dell’Università  Cattolica di Roma, grazie a un finanziamento avuto da un bando biennale di Telethon, ha studiato la relazione tra autismo e fluidi biologici come la saliva e le urine. L’autismo colpisce circa 6 persone ogni 10mila ed è caratterizzato da gravi disturbi comportamentali e dell’interazione sociale. È una malattia di cui si sa… Continua a leggere La saliva nell’autismo

9/6/2008Bio Blog

Proteine specifiche nelle sinapsi cerebrali

Ora, i ricercatori hanno sperimentato un nuovo approccio, che consente loro di analizzare centinaia di molecole sinaptiche simultaneamente. Ralf Schoepfer, Al Burlingame e colleghi sono stati in grado di confrontare il l’operato e, soprattutto, la fosforilazione di proteine nella sinapsi di quattro diverse regioni cerebrali. Le sinapsi sono le vie di collegamento che gestiscono il… Continua a leggere Proteine specifiche nelle sinapsi cerebrali

7/4/2008Bio Blog