Quantcast
Proteina beta-amiloide | BioBlog

Proteina beta-amiloide

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche News in pillole dal Mondo Patologie
Tag: #alzheimer #proteine
Condividi:

Grazie allo studio condotto dai professori Nino Stocchetti e Sandra Magnoni, dell’Università  di Milano presso L’Ospedale Policlinico di Milano, in collaborazione con David M. Holtzman e David L. Brody della Washington University School of Medicine a St. Louis pubblicati sull’ultimo numero di Science, si è finalmente capito il ruolo della proteina beta-amiloide. Il peptide betamiloide, o beta-amiloide (A-beta) è il maggior costituente delle placche neuritiche, ed ha origine dalla proteina APP (Amyloid Precursor Protein). Una produzione anomala di beta-amiloide è la causa di molte malattie neurodegenerative, infatti, sono state identificate un certo numero di mutazioni localizzate sul gene APP in soggetti appartenenti a famiglie nelle quali la malattia di Alzheimer si manifestava con frequenza insolita in età  relativamente precoce. Queste mutazioni aumentano la produzione di Aβ42 che porta all’aggregazione fibrillare tossica per i neuroni. Le mutazioni del gene APP sono responsabili per il 2-3% dei casi di Alzheimer a trasmissione familiare. I ricercatori, contrariamente a ciò che si riteneva finora ovvero che l’aumento di proteina beta amiloide fosse causato direttamente da lesioni causate da incidenti automobilistici, aggressioni e cadute, hanno invece constatato che ad aumentare i livelli della proteina non sono le lesioni stesse, ma i meccanismi fisiologici che cercano di porvi rimedio: quanto migliore era lo stato neurologico generale del paziente, tanto più elevati erano i livelli. «I risultati hanno importanti implicazioni cliniche potenziali, dato che la misurazione della proteina amiloide cerebrale può rivelarsi un buon indicatore della qualità  della comunicazione delle cellule nel cervello», ha affermato Holtzman, che nel 2005 aveva già  scoperto come nei topi la comunicazione cerebrale fosse direttamente collegata, in modo positivo, ai livelli di proteina beta amiloide. Il morbo di Alzheimer è una demenza progressiva invalidante ad esordio prevalentemente senile (oltre i 60 anni, ma può manifestarsi anche in epoca presenile – prima dei 60 anni) e prognosi infausta. Prende il nome dal suo scopritore, Alois Alzheimer. La malattia (o morbo) di Alzheimer è oggi definita come quel «processo degenerativo che distrugge progressivamente le cellule cerebrali, rendendo a poco a poco l’individuo che ne è affetto incapace di una vita normale». In Italia ne soffrono circa 800 mila persone, nel mondo 26,6 milioni secondo uno studio della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, Usa, con una netta prevalenza di donne. [foto e dati wikipedia]

Publicato: 6/9/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Souvenaid

Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

Si chiama Souvenaid la nuova bevanda sperimentale messa a punto dalla Rush University Medical Center di Chicago. Souvenaid potrebbe essere in grado di limitare le carenze mnemoniche dei pazienti ai primi stadi della malattia o con una moderata di Alzheimer. Saranno 500 i pazienti sottoposti a questa nuova sperimentazione, queste persone verranno distribuite in 40… Continua a leggere Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

5/3/2010Bio Blog
telefono cellulare

La rivincita del cellulare

Da tempo si parla degli effetti nocivi delle radiazioni legate all’uso del cellulare, ma finalmente per tutti gli amanti delle lunghe chiacchierate arriva una buona notizia. Secondo uno studio condotto alla University of South Florida e pubblicato sul Journal of Alzheiner’s Disease, l’esposizione prolungata alle onde elettromagnetiche del cellulare potenzierebbe la memoria e proteggerebbe dal… Continua a leggere La rivincita del cellulare

11/1/2010Bio Blog

Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

Scoperti due nuovi geni che hanno un ruolo di particolare importanza nella genesi della malattia di Alzheimer. La ricerca, frutto di una collaborazione europea sulla malattia di Alzheimer, ha dimostrato che particolari varianti dei geni CLU (o APOJ) e CR1 sono associate in modo significativo alla malattia. Lo studio e’ presentato sull’ultimo numero della prestigiosa… Continua a leggere Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

14/9/2009Bio Blog

Vasocostrizione cerebrale nel morbo di Alzheimer

I ricercatori dell’Università  di Bristol hanno scoperto che l’enzima convertente l’endotelina 2 (ECE-2) è in grado di causare la riduzione del flusso sanguigno cerebrale che si verifica nei malati di Alzheimer, e dunque di favorire la progressione della patologia. La malattia di Alzheimer è la più diffusa causa di demenza al mondo ed è caratterizzata… Continua a leggere Vasocostrizione cerebrale nel morbo di Alzheimer

30/7/2009Bio Blog