Quantcast
Nanoparticelle magnetiche attraggono Philips a Urbino | BioBlog

Nanoparticelle magnetiche attraggono Philips a Urbino

Categoria: Archivio Nanotecnologie News in pillole dal Mondo
Tag: #mri #nanomateriale #Nanotecnologie #philips #risonanza magnetica #salute
Condividi:

La ricerca svolta dall’Università  degli Studi di Urbino “Carlo Bo” continua a produrre ottimi e significativi risultati, che ne testimoniano l’eccellenza e la qualità . È di ieri un comunicato stampa lanciato a livello internazionale da Philips Research per annunciare l’accordo di ricerca stipulato con l’Università  degli Studi di Urbino “Carlo Bo” per lo studio dell’incapsulamento di nanoparticelle magnetiche quali agenti di contrasto nei globuli rossi al fine di prolungarne il tempo di ritenzione nel sangue. Le nanoparticelle magnetiche, comunemente usate come agenti di contrasto in risonanza magnetica, sono rapidamente rimosse attraverso il fegato quando iniettate come articelle libere, ponendo molti limiti alla loro utilizzazione. Nel corso della collaborazione, la cui durata è prevista per un periodo di circa due anni e mezzo, l’Università  degli Studi di Urbino “Carlo Bo” studierà  l’integrazione di nanoparticelle magnetiche nei globuli rossi e le interazioni biologiche nel corpo umano, mentre Philips Research studierà  le proprietà  di questi agenti di contrasto impiegando le proprie strumentazioni mediche, per poter poi procedere ad applicazioni nel trattamento di malattie cardiovascolari, tra le maggiori cause di mortalità  nel mondo occidentale. Henk van Houten, senior vice president di Philips Research e direttore del programma di ricerca Healthcare Research afferma che “l’uso di nanoparticelle come agenti di contrasto si è rivelato molto promettente nel campo della diagnostica per immagini, ma ottenere un tempo di ritenzione prolungato di queste particelle nel corpo umano è sempre stata una vera sfida. Grazie alle competenze ed alla esperienza unica dei ricercatori dell’Università  degli Studi di Urbino “Carlo Bo” contiamo di prolungare i tempi di ritenzione di queste particelle da minuti ad ore o addirittura a giorni, poiché ciò aprirebbe la strada ad applicazioni quali il monitoraggio tramite immagine di complessi interventi cardiovascolari, che oggi può richiedere diverse ore”. Proprio in virtù del potenziale applicativo di questo studio, la ricerca dell’Università  di Urbino si estenderà , grazie alla collaborazione di una importante realtà  industriale famosa in tutto il mondo, fino alla realizzazione di tecnologie innovative per la salute dell’uomo. Grande risalto viene dato a questo accordo di ricerca medica con l’Università  degli Studi di Urbino da Philips, che lo considera una parte fondamentale del crescente impegno della ditta nello sviluppo di soluzioni per una migliore cura del paziente, ritenendo che fattore chiave per il successo delle sue politiche di innovazione sia “l’effettiva traduzione di nuove idee nella pratica clinica, che richiedono partnership con istituzioni accademiche e mediche leader nella ricerca e nell’applicazione come l’Università  di Urbino”. “La stretta collaborazione con Philips renderà  più veloce la traduzione della nostra invenzione nella pratica clinica” commenta il responsabile della ricerca Prof. Mauro Magnani, Prorettore vicario dell’Università  degli Studi di Urbino “Carlo Bo” e project leader del nacbo (Novel and Improved Nanomaterials, Chemistries and Apparatus for Nano-Biotechnology), progetto finanziato dalla Comunità  Europea nell’ambito del vi Programma Quadro. “Con la nostra tecnologia sarà  finalmente possibile l’uso di nuovi costrutti biomimetici che fondono le proprietà  dei nanomateriali con quelli delle cellule dei viventi, permettendo in tal modo di sfruttare i reali vantaggi dei nanomateriali nelle applicazioni terapeutiche e nella diagnostica sul paziente.” Questo accordo rappresenta un’ulteriore conferma della qualità  della ricerca prodotta dall’Università  degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, qualità  che si evidenzia anche per la capacità  di attrarre finanziamenti, sia pubblici sia privati. L’Università  di Urbino rafforza così il suo valore e la sua vitalità , che vengono mantenuti sempre ad alti livelli nella convinzione che è proprio grazie alla ricerca e all’innovazione che si fortifica tutto il sistema produttivo del paese. [via medgadget | UniUrb | Philips]

Publicato: 1/10/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Nuovo mezzo di contrasto per la risonanza magnetica

Una ricercatrice olandese, Kristina Djanashvili, ha messo appunto un nuovo mezzo di contrasto per la risonanza magnetica. Il nuovo mezzo di contrasto è un composto di fenil boronato e dilantanidi chelati, il ruolo di queste due sostanza è da ricercarsi nella loro natura. La prima è in grado di legarsi chimicamente alle cellule tumorali, grazie alla sua… Continua a leggere Nuovo mezzo di contrasto per la risonanza magnetica

20/1/2009Bio Blog

Nano-vescicole per identificare e distruggere i tumori

I ricercatori dell’Università  di San Diego, Santa Barbara e MIT hanno sviluppato delle vescicole o micelle costituite da un sottilissimo strato di lipidi per veicolare farmaci direttamente nei siti strategici, evitando attacchi da parte del sistema immunitario. Le micelle sono state realizzate utilizzando i lipidi che normalmente compongono le membrane delle cellule, modificati per poter… Continua a leggere Nano-vescicole per identificare e distruggere i tumori

26/9/2008Bio Blog

Risonanza da 7 Tesla

Al Max Delbrà¼ck Center for Molecular Medicine di Berlino grande festa: in questi giorni i tecnici sono al lavoro per installare la risonanza magnetica più potente al Mondo. L’apparecchiatura marchiata Siemens riesce a generare un campo magnetico da 7 Tesla e solo il magnete pesa circa 32 tonnellate mentre il tunnel schermato ha un peso… Continua a leggere Risonanza da 7 Tesla

18/9/2008Bio Blog

Nuova tecnica di imaging per visualizzare il cervello

Al Massachusetts General Hospital di Boston alcuni ricercatori hanno affinato una tecnica basata sulla risonanza magnetica, chiamata “immagine a spettro di diffusione”, che serve a creare figure tridimensionali del cervello umano e animale, proprio come visibile nell’immagine qui sopra. MIT Technology Review lo spiega con estremo dettaglio. Il segnale MRI traccia il movimento delle molecole… Continua a leggere Nuova tecnica di imaging per visualizzare il cervello

8/8/2008Bio Blog