Quantcast
Nuovo mezzo di contrasto per la risonanza magnetica | BioBlog

Nuovo mezzo di contrasto per la risonanza magnetica

Categoria: Apparecchiature Archivio Biotecnologie Mediche Cancro
Tag: #mri #novità  tumori #risonanza magnetica
Condividi:

Una ricercatrice olandese, Kristina Djanashvili, ha messo appunto un nuovo mezzo di contrasto per la risonanza magnetica. Il nuovo mezzo di contrasto è un composto di fenil boronato e dilantanidi chelati, il ruolo di queste due sostanza è da ricercarsi nella loro natura. La prima è in grado di legarsi chimicamente alle cellule tumorali, grazie alla sua capacità  di riconoscere particolari molecole di glucosio che si concentrano sulla superficie delle cellule cancerose. La seconda è in grado invece di interagire con le molecole di idrogeno, ovviamente presente nei tessuti ricchi di acqua, influenzandone i nuclei e colpendoli di modo che rilascino un miglior segnale per la risonanza magnetica. La Djanashvili è stata capece di incorporare all’interno dei liposomi termosensibili il composto in maniera tale che questo venga rilasciato soltanto ad una temperatura di 42°C, ciò apre la strada ad ulteriori ricerche, infatti è possibile controllare la temperatura di una zona particolare e vedere se il liposoma termosensibile ha o no rilasciato le sostanze, questa tecnica potrebbe trovare applicazioni in campo farmacologico, per il rilascio a tempo prolungato in particolari organi, magari anche quelli affetti da patologie. [via medgadget]

Publicato: 20/1/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Nanoparticelle magnetiche attraggono Philips a Urbino

La ricerca svolta dall’Università  degli Studi di Urbino “Carlo Bo” continua a produrre ottimi e significativi risultati, che ne testimoniano l’eccellenza e la qualità . È di ieri un comunicato stampa lanciato a livello internazionale da Philips Research per annunciare l’accordo di ricerca stipulato con l’Università  degli Studi di Urbino “Carlo Bo” per lo studio dell’incapsulamento… Continua a leggere Nanoparticelle magnetiche attraggono Philips a Urbino

1/10/2008Bio Blog

Nano-vescicole per identificare e distruggere i tumori

I ricercatori dell’Università  di San Diego, Santa Barbara e MIT hanno sviluppato delle vescicole o micelle costituite da un sottilissimo strato di lipidi per veicolare farmaci direttamente nei siti strategici, evitando attacchi da parte del sistema immunitario. Le micelle sono state realizzate utilizzando i lipidi che normalmente compongono le membrane delle cellule, modificati per poter… Continua a leggere Nano-vescicole per identificare e distruggere i tumori

26/9/2008Bio Blog

Risonanza da 7 Tesla

Al Max Delbrà¼ck Center for Molecular Medicine di Berlino grande festa: in questi giorni i tecnici sono al lavoro per installare la risonanza magnetica più potente al Mondo. L’apparecchiatura marchiata Siemens riesce a generare un campo magnetico da 7 Tesla e solo il magnete pesa circa 32 tonnellate mentre il tunnel schermato ha un peso… Continua a leggere Risonanza da 7 Tesla

18/9/2008Bio Blog

Nuova tecnica di imaging per visualizzare il cervello

Al Massachusetts General Hospital di Boston alcuni ricercatori hanno affinato una tecnica basata sulla risonanza magnetica, chiamata “immagine a spettro di diffusione”, che serve a creare figure tridimensionali del cervello umano e animale, proprio come visibile nell’immagine qui sopra. MIT Technology Review lo spiega con estremo dettaglio. Il segnale MRI traccia il movimento delle molecole… Continua a leggere Nuova tecnica di imaging per visualizzare il cervello

8/8/2008Bio Blog