Quantcast
La neurostimolazione aumenta la performance | BioBlog

La neurostimolazione aumenta la performance

Categoria: Archivio Nanotecnologie Patologie Psicologia
Tag: #aree cerebrali #cervello #ictus #ischemia #memoria #Nanotecnologie #neurostimolazione #ricerca #test
Condividi:

Ricaricare il cervello con deboli scosse elettriche per migliorare le performance e combattere l’invecchiamento. La tecnica italiana nasce da una idea del Prof. Alberto Priori, direttore del Centro di ricerca per le neuronanotecnologie e la neurostimolazione dell’IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena di Milano. La stimolazione continua di particolari aree del cervello con deboli correnti elettriche applicate alla cute migliora memoria e tempi di reazione. Io personalmente mi sono sottoposto a questo test. La corrente è quasi impercettibile e dopo una stimolazione a riposo di alcune aree ben definite della corteccia, ci si cimenta in un test interattivo per studiare la velocità  di presa di decisione. Alla base, la relazione che interpone la neurostimolazione sulla suscettibilità  neuronale e l’aumento di performance in fase cognitiva. Il fine è quello di un’applicazione dignostico-terapeutica per poter testare e aiutare la plasticità  neuronale in quei pazienti che sono stati colpiti da gravi lesioni corticali, come nel caso di stroke, ischemia, ictus, emorragie. Il gruppo di ricerca sta cercando persone per i test, di età  compresa tra i 20 e i 30 anni. [Dipartimento di Scienze Neurologiche – Policlinico di Milano]

Publicato: 23/9/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Cervello maschile e cervello femminile, una risposta viene dall’arte

Il professor Francisco Ayala, come mostra un servizio della BBC, ha effettuato uno studio su 20 persone, 10 uomini e 10 donne mostrando loro alcune foto e alcuni dipinti. L’attenzione dei primi cadeva sull’opera d’arte nel suo insieme, mentre le seconde tendevano a concentrarsi sui minimi particolari. La ragione di questi approcci diversi è da… Continua a leggere Cervello maschile e cervello femminile, una risposta viene dall’arte

26/2/2009Bio Blog

Codice neurale nelle applicazioni future

Nell’ambito delle reti neurali, la natura del codice neurale è un tema su cui fervono i dibattiti. La teoria più vecchia è quella del codice di frequenza, vale a dire il il numero medio di impulsi prodotti da un neurone in un intervallo, poniamo di 100 millesimi di secondo. Più di recente i neuroscienziati si… Continua a leggere Codice neurale nelle applicazioni future

4/2/2009Bio Blog

Il controllo del comportamento

Alla luce delle recenti conoscenze sui rapporti tra aree cerebrali e funzioni mentali è stato ipotizzato che nel cervello esistano 4 diversi sistemi di controllo: Il “sistema pavloviano” agirebbe a livello inconscio, dipenderebbe da strutture quali i gangli della base e il midollo allungato e controllerebbe una serie di funzioni ripetitive e abbastanza rigide. Il… Continua a leggere Il controllo del comportamento

26/1/2009Bio Blog

Epilessia: la nuova probabile cura

C’è un “legame pericoloso” tra le cellule di difesa del corpo, i globuli bianchi, e i vasi sanguigni del cervello. Un legame che è stato scoperto da ricercatori e che potrebbe essere alla base dell’epilessia: studi su topolini hanno infatti evidenziato che bloccando con anticorpi specifici questa interazione, si possono prevenire le crisi epilettiche. La… Continua a leggere Epilessia: la nuova probabile cura

27/11/2008Bio Blog