Quantcast
La flora intestinale potrebbe prevenire l'insorgenza del diabete | BioBlog

La flora intestinale potrebbe prevenire l’insorgenza del diabete

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Diabete Dossier Patologie
Tag: #Allergie #asma #batteri #Diabete #intestino #Patologie #Virus
Condividi:

Ricercatori della Yale University hanno trovato nuove prove a supporto della teoria che afferma che una mancanza di esposizione ad agenti potenzialmente patogeni (virus, batteri, parassiti), così come avviene oggi nel mondo industrializzato, può aumentare le probabilità  di contrarre malattie come allergie, asma ed altri disordini del sistema immunitario. In uno studio condotto sugli animali e pubblicato sulla rivista Nature, viene indicato come l’esposizione a diversi microrganismi non patogeni, che si insediano nel tratto intestinale, previene l’insorgenza del diabete di tipo 1 in topi non obesi. Il rapporto afferma che i topi diabetici non obesi sviluppano la patologia con un tasso diverso a seconda dell’ambiente in cui sono mantenuti. Ricerche precedenti avevano dimostrato che gli stessi topi esposti agli agenti patogeni non vitali della tubercolosi ed altri patogeni di tipo batterico risultavano essere immuni dallo sviluppo del diabete di tipo 1. Questi risultati suggeriscono che la risposta immunitaria che normalmente ci protegge può influenzare l’insorgenza del diabete di tipo 1. Nell’articolo apparso su Nature, il team diretto da Li Wen dell’università  di Yale e da Alexander V. Chervonsky dell’università  di Chicago, è stato dimostrato che i topi diabetici non obesi presentano un deficit dell’immunità  innata che viene risolto, proteggendo l’animale dall’insorgenza del diabete, se questi vivono in un ambiente normalmente contaminato da microrganismi. Mentre, se vengono cresciuti in un ambiente sterile, questi svilupperanno una forma acuta del diabete. I topi di questo esperimento, esposti ai batteri privi di patogenicità  che si trovano normalmente nell’intestino umano, sono significativamente meno predisposti allo sviluppo del diabete. [foto bernardfarrell]

Publicato: 6/10/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Nuova cura per l’asma

Il Prof. Cristiano Rumio del Dipartimento di Morfologia Umana dell’Università  degli Studi di Milano ed il Dott. Alessandro Perra, Direttore Scientifico dei laboratori di ricerca della GUNA Spa, hanno presentato questa mattina a Milano i sorprendenti risultati dello studio scientifico sugli effetti di bassi dosaggi di interleuchine nella cura dell’asma allergico, pubblicato sulla prestigiosa rivista… Continua a leggere Nuova cura per l’asma

26/9/2009Bio Blog

Pnei: la scienza integrata che può spiegare alcuni perché

La PNEI (psico-neuro-endocrino-immunologia) è una disciplina che mette in luce la connessione tra sistema endocrino e sistema immunitario. Si è osservato infatti che traumi di natura emotiva, stress fisici e mentali, possono influenzare notevolmente il sistema neuro-endocrino, stimolando la natura delle risposte ormonali, che spesso interrompono il normale equilibrio corporeo. Lo squilibrio neuro-endocrino comporta spesso un… Continua a leggere Pnei: la scienza integrata che può spiegare alcuni perché

4/5/2009Bio Blog

Allergie

Si parla spesso di allergie, ma pochi conoscono i meccanismi che le causano. Le allergie sono causate dagli allergeni, antigeni che si trovano particolarmente stimolati da alcuni elementi con cui vengono a contatto. L’allergia si manifesta in maniera piuttosto variegata, i sintomi più comuni sono asma, starnuti e tosse ripetuti e persistenti scaturiti dal nulla,… Continua a leggere Allergie

29/12/2008Bio Blog

E se il problema fosse il detersivo?

Non tutti sanno che nei detergenti comuni esistono degli agenti chimici che difficilmente vengono eliminati nella fase del risciacquo. Questi residui chimici, altamente allergenici, vengono infatti assorbiti dagli indumenti lavati, nonostante il risciacquo, per poi sprigionarsi a contatto con la pelle soprattutto in situazioni di sudorazione. Il sudore innesca una reazione chimica che, in un… Continua a leggere E se il problema fosse il detersivo?

7/11/2008Bio Blog