Quantcast
Allergie | BioBlog

Allergie

Categoria: Allergie Archivio Biotecnologie Mediche
Tag: #adrenalina #Allergie #antistaminici #combattere allergia #cura allergia #mastocita
Condividi:

Si parla spesso di allergie, ma pochi conoscono i meccanismi che le causano. Le allergie sono causate dagli allergeni, antigeni che si trovano particolarmente stimolati da alcuni elementi con cui vengono a contatto. L’allergia si manifesta in maniera piuttosto variegata, i sintomi più comuni sono asma, starnuti e tosse ripetuti e persistenti scaturiti dal nulla, prurito, vomito. La reazione è strettamente connessa con la sensibilità  dell’antigene. L’allergia quando si presenta per la prima volta, innesca una risposta immunitario-infiammatoria, che produce anticorpi, qualcuno di questi va ad attaccarsi ad una cellula che produce istamina, mastocita. È proprio l’istamina, che stimolata dall’antigene inizia a produrre quella che è una risposta infiammatoria liberando sostanze chimiche, la dilatazione dei vasi sanguigni, operata da queste sostanze chimiche porta alla comparsa dei primi sintomi. Nei casi più gravi si giunge allo shock anafilattico, dove il meccanismo della vaso dilatazione è notevole e causa un brusco calo della pressione sanguigna. Combattere le allergie è relativamente facile, debellarle è praticamente impossibile a meno che non scompaiano spontaneamente, tuttavia durante un attacco d’allergia vengono somministrati degli antistaminici, che contrastano l’azione dell’istamina. Nel caso dello shock anafilattico è opportuno intervenire tempestivamente con un iniezione di adrenalina. In ultimo è bene far cadere il luogo comune dell’essere allergici a qualcosa, tipo il pelo del cane, in realtà  non è il pelo in sè che provoca allergia, ma particolari proteine presenti su di esso, come nel caso del polline o degli acari della polvere.

Publicato: 29/12/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Il cervello non va in vacanza

L’opportunità  delle vacanze non si deve trasformare per il nostro cervello in una nuova dose di stress, alla ripresa della vita normale. E’ quindi meglio evitare lo ‘stop and go’, determinato dal brusco passaggio da un’attività  frenetica a una povera di stimoli e sollecitazioni. Va mantenuto perciò il più possibile l’equilibrio di quest’organo, cercando di… Continua a leggere Il cervello non va in vacanza

8/7/2009Bio Blog