Quantcast
La cannabis riduce le componenti cerebrali | BioBlog

La cannabis riduce le componenti cerebrali

Categoria: Archivio Disturbi psichici News in pillole dal Mondo Psicologia
Tag: #amigdala #aree cerebrali #cere #cervello #droghe #ippocampo #memoria
Condividi:

L’uso di cannabis protratto per lunghi periodi di tempo può ridurre alcune parti del cervello deputate alla memoria, alle emozione e all’inibizione dei comportamenti aggressivi, secondo un gruppo di ricercatori australiani. Gli scienziati hanno utilizzato la risonanza magnetica per eseguire scansioni cerebrali di persone che utilizzano fumo di cannabis  più di cinque volte al giorno da almeno 10 anni confrontate con immagini di scansioni cerebrali di persone non fumatrici di cannabis. Quelli che fumavano cannabis regolarmente avevano in media una riduzione del 12% dell’ippocampo, la parte del cervello che è coinvolta con emozione e memoria, e una riduzione del 7% dell’amigdala, che svolge un ruolo nella regolazione della paura e dell’aggressività . Per lo studio, i ricercatori hanno scansionato il cervello di 15 fumatori di cannabis e 16 individui che non hanno utilizzato la cannabis. Gli scienziati, dell’Università  di Melbourne e dell’Università  di Wollongong, hanno comunque affermato che per confermare la misura degli effetti saranno necessarie studi su gruppi maggiori e su grandi numeri di pazienti. Anche se un modesto uso non può comportare significativi effetti neurotossici, questi risultati suggeriscono che l’uso pluriquotidiano potrebbe essere tossico per tessuto cerebrale umano. Questo è quanto affermano gli scienziati sulla rivista General Psychiatry. I fumatori di cannabis, sono andati peggio nei test di memoria verbale ottenendo un punteggio assimilabile a pazienti con disturbi psicotici minimamente sintomatici, come schizofrenia e sindromi maniacali. Il mese scorso, un team di ricerca della New York University ha scansionato il cervello di un gruppo di persone di età  dai 17 ai 30 anni che aveva fumato cannabis per 2-3 volte alla settimana per almeno un anno. In tale studio, il cervello dei consumatori di cannabis non differisce da quelli che non avevano mai utilizzato la cannabis. Nel 2004, il Professor Souza, professore di psichiatria alla Yale University, ha riferito che il THC, il principio attivo della cannabis, causa fugace schizofrenia come sintomi negli utilizzatori, con disturbi che vanno dai deliri, stati di alterazione della memoria e disturbi dell’attenzione. Mi capita spesso di, in veste di neurofisiologo, ricevere domande, soprattutto da parte di pazienti giovani, in merito ai danni da utilizzo quotidiano, di THC. Da oggi avrò copie di questo articolo stampati, sulla scrivania, da distribuire agli utenti che me lo chiederanno.

[Abstract]

Publicato: 5/6/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Il segreto del placebo

Uno dei misteri che la medicina non è ancora riuscita a spiegare è l’effetto placebo. Attualmente si ritiene che la spiegazione più probabile sia legata a un fenomeno psicologico, ma uno studio dell’università  di Uppsala (www.uu.se), in Svezia, pubblicato sulla rivista New Scientists ha risolto l’enigma: il segreto è in un gene. Il triptofano idrossilasi-2,… Continua a leggere Il segreto del placebo

15/12/2008Bio Blog

L’omosessualità  ha una morfologia cerebrale

Il dibattito sulla natura neurobiologica dell’omosessualità  è tuttora terreno fertile di neuroscienziati e ricercatori. La vestigilità  del corrredo cromosomico sessuale è una tesi che spesso è contrariata dalla neuroesperienza e dalla branca ambientale della neuropsicologia evoluzionistica. Gli scienziati svedesi del Karolinska Institutet hanno osservato che il cervello di una persona omosessuale funziona in modo simile… Continua a leggere L’omosessualità  ha una morfologia cerebrale

19/6/2008Bio Blog

Cervello maschile e cervello femminile, una risposta viene dall’arte

Il professor Francisco Ayala, come mostra un servizio della BBC, ha effettuato uno studio su 20 persone, 10 uomini e 10 donne mostrando loro alcune foto e alcuni dipinti. L’attenzione dei primi cadeva sull’opera d’arte nel suo insieme, mentre le seconde tendevano a concentrarsi sui minimi particolari. La ragione di questi approcci diversi è da… Continua a leggere Cervello maschile e cervello femminile, una risposta viene dall’arte

26/2/2009Bio Blog

Codice neurale nelle applicazioni future

Nell’ambito delle reti neurali, la natura del codice neurale è un tema su cui fervono i dibattiti. La teoria più vecchia è quella del codice di frequenza, vale a dire il il numero medio di impulsi prodotti da un neurone in un intervallo, poniamo di 100 millesimi di secondo. Più di recente i neuroscienziati si… Continua a leggere Codice neurale nelle applicazioni future

4/2/2009Bio Blog

Il controllo del comportamento

Alla luce delle recenti conoscenze sui rapporti tra aree cerebrali e funzioni mentali è stato ipotizzato che nel cervello esistano 4 diversi sistemi di controllo: Il “sistema pavloviano” agirebbe a livello inconscio, dipenderebbe da strutture quali i gangli della base e il midollo allungato e controllerebbe una serie di funzioni ripetitive e abbastanza rigide. Il… Continua a leggere Il controllo del comportamento

26/1/2009Bio Blog

Epilessia: la nuova probabile cura

C’è un “legame pericoloso” tra le cellule di difesa del corpo, i globuli bianchi, e i vasi sanguigni del cervello. Un legame che è stato scoperto da ricercatori e che potrebbe essere alla base dell’epilessia: studi su topolini hanno infatti evidenziato che bloccando con anticorpi specifici questa interazione, si possono prevenire le crisi epilettiche. La… Continua a leggere Epilessia: la nuova probabile cura

27/11/2008Bio Blog