Quantcast
Il segreto del placebo | BioBlog

Il segreto del placebo

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche News in pillole dal Mondo Patologie
Tag: #amigdala #ansia #salute #serotonina
Condividi:

Uno dei misteri che la medicina non è ancora riuscita a spiegare è l’effetto placebo.
Attualmente si ritiene che la spiegazione più probabile sia legata a un fenomeno psicologico, ma uno studio dell’università  di Uppsala (www.uu.se), in Svezia, pubblicato sulla rivista New Scientists ha risolto l’enigma: il segreto è in un gene.

Il triptofano idrossilasi-2, questo il nome, produce serotonina nel cervello.
I volontari dell’esperimento, affetti da ansia, sono stati sottoposti a un test particolare per mettere in luce la patologia: a un gruppo è stata somministrata una caramella spacciandola per un farmaco e al secondo gruppo nulla.

Inaspettatamente o quasi, i soggetti che hanno assunto la pillola “magica” si sono sentiti meglio.
Tramite una fMRI (risonanza magnetica funzionale), gli scienziati hanno osservato una diminuzione dell’attività  dell’amigdala. I pazienti che hanno risposto positivamente alla cura hanno dimostrato una variante del gene del triptofano idrossilasi-2 collegato proprio a una minore ansietà .

Il placebo quindi potrebbe essere una commistione tra psiche e DNA. Altri studi saranno necessari per verificare se quanto detto è vero.

Publicato: 15/12/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

L’omosessualità  ha una morfologia cerebrale

Il dibattito sulla natura neurobiologica dell’omosessualità  è tuttora terreno fertile di neuroscienziati e ricercatori. La vestigilità  del corrredo cromosomico sessuale è una tesi che spesso è contrariata dalla neuroesperienza e dalla branca ambientale della neuropsicologia evoluzionistica. Gli scienziati svedesi del Karolinska Institutet hanno osservato che il cervello di una persona omosessuale funziona in modo simile… Continua a leggere L’omosessualità  ha una morfologia cerebrale

19/6/2008Bio Blog

La cannabis riduce le componenti cerebrali

L’uso di cannabis protratto per lunghi periodi di tempo può ridurre alcune parti del cervello deputate alla memoria, alle emozione e all’inibizione dei comportamenti aggressivi, secondo un gruppo di ricercatori australiani. Gli scienziati hanno utilizzato la risonanza magnetica per eseguire scansioni cerebrali di persone che utilizzano fumo di cannabis  più di cinque volte al giorno… Continua a leggere La cannabis riduce le componenti cerebrali

5/6/2008Bio Blog