Quantcast
Insonnia, ecco cosa succede al cervello | BioBlog

Insonnia, ecco cosa succede al cervello

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Disturbi psichici Psicologia
Tag: #corteccia cerebrale #Insonnia #materia grigia #piacere
Condividi:

Per dormire bene è necessario avere un buon cervello. Un recente studio olandese ha infatti dimostrato che chi soffre di insonnia ha una minore quantità  di materia grigia nella corteccia orbitofrontale sinistra,la regione coinvolta nella percezione del piacere. I risultati della ricerca, condotta in collaborazione dal Netherlands Institute for Neuroscience e dal VU University Medical Center, sono stati pubblicati da Biological Psychiatry. L’insonnia è un problema comune: circa il 14 per cento delle persone, per la maggior parte donne, soffre di disturbi del sonno; la percentuale sale al 33 per cento dopo i 65 anni. Anche altre situazioni di grave stress, come quelle correlate alla depresione e a malattie post traumatiche, sono state associate a minori quantità  di materia grigia nelle regioni del cervello che percepiscono gli stress e l’insonnia è un disturbo comune a quasi tutte le malattie psichiatriche in cui si osserva una riduzione del volume della corteccia. Oggi i ricercatori olandesi, che avevano già  osservato che gli insonni hanno difficoltà  nel riconoscere la situazione di comfort ottimale per addormentarsi, ipotizzano che questa incapacità  potrebbe dipendere proprio dalla riduzione della corteccia, che è tanto maggiore quanto più gravi sono i problemi di insonnia. Secondo Ellemarije Altena, coautrice dello studio, “questi risultati spingono a nuove ricerche per la definizione dei diversi tipi di insonnia e delle loro cause”. Fonte: E. Altena et al. Reduced Orbitofrontal and Parietal Gray Matter in Chronic Insomnia: A Voxel-Based Morphometric. Biological Psychiatry, Volume 67, Issue 2

Publicato: 1/2/2010Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Neuroni fetali presenti anche nell’adulto

Ricercatori del Baylor College of Medicine (Texas, USA) e dell’ Università  dell’Alabama (USA) hanno effettuato uno studio sulla ciclo vitale dei cosiddetti subplate neurons, neuroni che durante lo sviluppo del feto controllano la formazione delle connessioni nella corteccia cerebrale; finora si pensava che dopo la nascita questi neuroni andassero tutti incontro a fenomeni di apoptosi,… Continua a leggere Neuroni fetali presenti anche nell’adulto

22/7/2009Bio Blog

Frequenze corticotalamiche

Gli ultimi studi sulla corteccia cerebrale, hanno permesso di riuscire a capire le associazioni corticali, di poter operare in awake surgery, di lesionare in maniera minore il tessuto nervoso durante gli interventi di neurochirurgia. La mappatura cerebrale ha permesso di capire moltissime cose sul comportmento dell’uomo e sulle scelte sollecitate a determinati stimoli. Uno studio… Continua a leggere Frequenze corticotalamiche

2/7/2009Bio Blog

Il controllo del comportamento

Alla luce delle recenti conoscenze sui rapporti tra aree cerebrali e funzioni mentali è stato ipotizzato che nel cervello esistano 4 diversi sistemi di controllo: Il “sistema pavloviano” agirebbe a livello inconscio, dipenderebbe da strutture quali i gangli della base e il midollo allungato e controllerebbe una serie di funzioni ripetitive e abbastanza rigide. Il… Continua a leggere Il controllo del comportamento

26/1/2009Bio Blog

La cocaina uccide il libero arbitrio

Chi assume cocaina ha la corteccia cerebrale di volume ridotto, in particolare nelle aree frontali, importanti per pianificare, prendere decisioni, prestare attenzione e riflettere. Lo hanno scoperto ricercatori del Massachusetts General Hospital di Boston diretti da Hans Breiter, il cui studio è pubblicato dalla rivista Neuron.  È possibile, ammette tuttavia la ricerca, che ciò non… Continua a leggere La cocaina uccide il libero arbitrio

10/10/2008Bio Blog