Quantcast
Frequenze corticotalamiche | BioBlog

Frequenze corticotalamiche

Categoria: Anatomia Apparecchiature Archivio Patologie Psicologia
Tag: #cervello #coma #corteccia cerebrale #Deep Brain Stimulation #depressione #EEG #epilessia #Neurochirurgia #neurostimolazione #schizofrenia
Condividi:

Gli ultimi studi sulla corteccia cerebrale, hanno permesso di riuscire a capire le associazioni corticali, di poter operare in awake surgery, di lesionare in maniera minore il tessuto nervoso durante gli interventi di neurochirurgia. La mappatura cerebrale ha permesso di capire moltissime cose sul comportmento dell’uomo e sulle scelte sollecitate a determinati stimoli. Uno studio pubblicato su The Journal of Neuroscience, prestigiosa rivista scientifica internazionale, intitolato “Natural frequencies of human corticothalamic circuits” ha permesso di scoprire come aree diverse della corteccia cerebrale umana oscillano secondo frequenze preferenziali quando direttamente perturbate. Per lo studio è stata utilizzata, come neurostimolazione, una combinazione di Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS), una tecnica che permette di eccitare in maniera non invasiva i neuroni corticali, e di elettroencefalografia ad alta densità  (hd-EEG). Partendo dal presupposto che in soggetti sani le aree corticali diverse sono “intonate” secondo ritmi EEG diversi. Quando direttamente perturbate le aree tendono a generare oscillazioni nello specifico:

  • corteccia occipitale nella banda alfa (8-12 Hz)
  • corteccia parietale nella banda beta (13-20 Hz)
  • corteccia frontale nella banda beta/gamma (21-50 Hz)

Questa metodica permette di esplorare direttamente le proprietà  elettrofisiologiche di diverse aree della corteccia cerebrale umana, proprietà  altrimenti insondabili con altre tecniche. Sarà  possibile individuare direttamente quali sono le corde “stonate” nel cervello di pazienti affetti da diverse condizioni patologiche neurologiche e psichiatriche come la depressione, la schizofrenia, l´epilessia e il coma.

Publicato: 2/7/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

infinitamente scienza

Infinitamente… scienza!

Conoscere la scienza significa leggerla, ascoltarla, vederla e soprattutto viverla. Tutto questo sarà  possibile durante il festival della scienza “Infinitamente” che si terrà , per la sua seconda edizione, a Verona da giovedì 28 a domenica 31 gennaio 2010. Il nome della manifestazione allude non solo alle infinite possibilità  della mente umana e della ricerca, ma… Continua a leggere Infinitamente… scienza!

28/1/2010Bio Blog

Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

Scoperti due nuovi geni che hanno un ruolo di particolare importanza nella genesi della malattia di Alzheimer. La ricerca, frutto di una collaborazione europea sulla malattia di Alzheimer, ha dimostrato che particolari varianti dei geni CLU (o APOJ) e CR1 sono associate in modo significativo alla malattia. Lo studio e’ presentato sull’ultimo numero della prestigiosa… Continua a leggere Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

14/9/2009Bio Blog

Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

Sviluppato un gel innovativo che potrebbe stimolare il tessuto cerebrale a rigenerarsi una volta iniettato nell’area del cervello lesionata. A mettere a punto il nuovo materiale e’ stato un gruppo di bioingegneri della Clemson University, secondo quanto riportato da un articolo pubblicato sul sito di Science Daily. Dagli studi condotti, il gel composto da biomateriali… Continua a leggere Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

6/9/2009Bio Blog

Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

La malattia di Huntington è una malattia rara degenerativa del sistema extrapiramidale che rientra nel gruppo delle sindromi ipercinetiche. La malattia è stata descritta nel 1872 da George Huntington. Tale patologia si presenta con caratteristiche quali ereditarietà , disturbi del movimento, fra cui còrea (dal greco, danza), disturbi cognitivi e del comportamento. L’età  d’esordio si colloca… Continua a leggere Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

14/7/2009Bio Blog