Quantcast
Deep Brain Stimulation per i disturbi psichici | BioBlog

Deep Brain Stimulation per i disturbi psichici

Categoria: Apparecchiature Archivio Dispositivi intracorporei Disturbi psichici Parkinson
Tag: #cervello #medtronic #neurostimolazione #sindromi #sistema nervoso #stimolazione cerebrale profonda (DBS)
Condividi:

L’idea che la stimolazione cerebrale profonda potrebbe diventare utile nel trattamento di una varietà  di disturbi psichici farmacoresistenti non è una novità . Finora utilizzata soprattutto per la cura di disturbi extrapiramidali, cerebellari come atassia e Parkinson. L’American Association of Neurosurgeons (AANS), sta studiando e valutando il punto di stimolazione cerebrale profonda (DBS) utile per il trattamento di gravi depressioni farmacoresistenti e disturbi ossessivo compulsivi (DOC).

Dalla dichiarazione di Medtronic: I dati rappresentano la più grande e più lunga esperienza clinica con DBS nei disturbi psichiatrici e sono stati raccolti attraverso la ricerca in collaborazione diverse istituzioni ed associazioni. Tutti gli studi presentati utilizzano il sistema di Medtronic DBS per stimolare un obiettivo all’interno del cervello: capsula interna giro postcentrale, che è un nodo centrale nei circuiti neurali che regolano l’umore e ansia. I dati presentati su 43 pazienti sono il risultato di più di 10 anni di lavoro. Questi dati rappresentano il più grande numero e la più lunga di valutazione in pazienti con disturbi psichiatrici che sono stati sottoposti ad impianto DBS, con follow-up molto lungo: Il Dr Rezai, che ha rappresentato il gruppo di lavoro internazionale di medici che studiano la DBS come terapia per il trattamento neuropsichiatrico, ha dichiarato: “Mentre nei DOC e nelle sindromi depressive il trattamento con la DBS richiede ulteriori valutazioni cliniche, l’esperienza finora acquisita è incoraggiante e indica che la DBS può aiutare disabilità  gravi e pazienti sofferenti che hanno esaurito altre opzioni di trattamento”. [via medgadget]

Publicato: 1/5/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

infinitamente scienza

Infinitamente… scienza!

Conoscere la scienza significa leggerla, ascoltarla, vederla e soprattutto viverla. Tutto questo sarà  possibile durante il festival della scienza “Infinitamente” che si terrà , per la sua seconda edizione, a Verona da giovedì 28 a domenica 31 gennaio 2010. Il nome della manifestazione allude non solo alle infinite possibilità  della mente umana e della ricerca, ma… Continua a leggere Infinitamente… scienza!

28/1/2010Bio Blog

Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

Scoperti due nuovi geni che hanno un ruolo di particolare importanza nella genesi della malattia di Alzheimer. La ricerca, frutto di una collaborazione europea sulla malattia di Alzheimer, ha dimostrato che particolari varianti dei geni CLU (o APOJ) e CR1 sono associate in modo significativo alla malattia. Lo studio e’ presentato sull’ultimo numero della prestigiosa… Continua a leggere Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

14/9/2009Bio Blog

Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

Sviluppato un gel innovativo che potrebbe stimolare il tessuto cerebrale a rigenerarsi una volta iniettato nell’area del cervello lesionata. A mettere a punto il nuovo materiale e’ stato un gruppo di bioingegneri della Clemson University, secondo quanto riportato da un articolo pubblicato sul sito di Science Daily. Dagli studi condotti, il gel composto da biomateriali… Continua a leggere Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

6/9/2009Bio Blog

Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

La malattia di Huntington è una malattia rara degenerativa del sistema extrapiramidale che rientra nel gruppo delle sindromi ipercinetiche. La malattia è stata descritta nel 1872 da George Huntington. Tale patologia si presenta con caratteristiche quali ereditarietà , disturbi del movimento, fra cui còrea (dal greco, danza), disturbi cognitivi e del comportamento. L’età  d’esordio si colloca… Continua a leggere Mallattia di Huntington: il ruolo delle proteine

14/7/2009Bio Blog