Quantcast
Micro batterie biologiche con virus | BioBlog

Micro batterie biologiche con virus

Categoria: Apparecchiature Archivio Biotecnologie Mediche Dispositivi intracorporei
Tag: #Apparecchiature #batterie #genetica #proteine #Virus
Condividi:

Dimenticate le batterie da 9 V, le AA, le AAA e le D, a breve i dispositivi elettronici di piccole dimensioni saranno “spinti” da tantissime micro batterie delle dimensioni di metà  cellula umana e costituite da virus. Questa nuova fonte di energia facilmente trasportabile potrà  essere inserita in tutti quei dispositivi biomedici impiantabili e prodotta di qualsiasi forma e dimensione. I ricercatori del MIT hanno messo a punto una batteria biologica creata utilizzando un virus opportunamente modificato. Il processo di produzione è stato descritto sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) e coinvolge strumentazione dai costi non proibitivi e viene effettuato a temperatura ambiente. batteria biologica virus La batteria è formata da due elettrodi opposti -anodo e catodo- separati da un elettrolita. Nella pratica gli scienziati del MIT hanno utilizzato una gomma sulla quale sono state formate delle micro-porosità  con una tecnica chiamata “Litografia leggera”. In ognuna di queste sono stati inseriti più strati di due polimeri che fungono da elettrolita e da isolante. L’M13, un virus innocuo per l’uomo caratterizzato da una struttura filamentosa lunga centinaia di nanometri ma con un diametro di appena 6,5 nanometri, è stato modificato affinché si comporti come se fosse l’anodo di una normale batteria al litio. Gli scienziati sono riusciti a effettuare una serie ripetuta di cicli di carica e scarica della batteria biologica, ottenendo con una superficie inferiore al centimetro quadrato da 375 a 460 nAh, a seconda delle condizioni di carica. In accordo con le dimensioni riportate, la batteria dovrebbe avere uno spessore di appena qualche centinaio di nanometri, consentendo di sovrapporre più strati al fine di incrementare la capacità . [maggiori informazioni]

Publicato: 21/8/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

GE Healthcare lancia Vscan

GE Healthcare, la divisione medicale di General Electric, ha presentato in anteprima assoluta per l’Italia VscanTM, ecografo piccolo come uno smart phone. VscanTM utilizza una tecnologia di ultimissima generazione che permette ai medici di visualizzare in maniera non invasiva e immediata quello che accade all’interno del corpo umano. Realmente tascabile, VscanTM può essere trasportato facilmente… Continua a leggere GE Healthcare lancia Vscan

23/3/2010Bio Blog

Laringe artificiale per tornare a parlare

Grazie a un touch sensors la CompleteSpeech (Orem, Utah) ha realizzato un dispositivo, soprannominato Palatometer (in italiano potrebbe essere chiamato “Palatometro“) in grado di “percepire” il contatto della lingua sul palato durante la parlata. Il dispositivo è stato progettato espressamente per le persone mute o con difficoltà  nel parlare per ridarle nuova voce. Solo negli… Continua a leggere Laringe artificiale per tornare a parlare

5/12/2009Bio Blog

Clinica del sonno a casa tua

Le persone che soffrono di disturbi del sonno sono molte, tanti non sanno minimamente di soffrirne. La sapienza comune riconosce solo l’insonnia o l’ipersonnia come disturbo legato al sonno, mentre pochi sanno che il sonno se qualitativamente scarso produce gravi ripercussioni metaboliche e dinamiche sul nostro corpo. Il sonno è composto da 4 fasi NREM… Continua a leggere Clinica del sonno a casa tua

15/6/2009Bio Blog

Pubblicare su Twitter col pensiero

Twitter è un servizio molto seguito – soprattutto negli States – di microblogging che permette agli utenti di mandare aggiornamenti al proprio status con messaggi di testo, lunghi non più di 140 caratteri, dal il sito stesso oppure via SMS, e-mail, ma anche tramite varie applicazioni basate sulle API di Twitter, come quella realizzata da… Continua a leggere Pubblicare su Twitter col pensiero

27/4/2009Bio Blog