Quantcast
Influenza suina, allarme negli USA | BioBlog

Influenza suina, allarme negli USA

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Virus
Tag: #emergenza influenza #ferruccio fazio #H1N1 #influenza #influenza suina #influnet #news influenza #virus maiali
Condividi:

Dalla mucca pazza all’aviaria ora è la volta di un virus che colpisce i maiali e che provoca un’infezione che conduce alla morte, sta scatenando il panico negli USA. L’H1N1, questo il numero del virus, è lo stesso che causa l’influenza asiatica. Finora ci sono stati 28 morti accertate per infezione, 81 sospette. Il virus conta diversi ceppi che possono essere trasmessi dall’animale all’uomo, il virus sarebbe in grado di reagire ad alcuni antivirali. L’allarme cresce di giorno in giorno e il Centro Federale per la Salute Americano, ha mosso serie preoccupazioni riguardo all’eventualità  in cui si sviluppi una pandemia, in tal caso ci sarebbe una forse lontana possibilità  di trasmissione da uomo a uomo. I polmoni sono gli organi più colpiti per questa ragione le categorie più a rischio sono anziani, bambini e persone con problemi respiratori. Strutture sanitarie allertate e invito informale a non recarsi in Messico per viaggi di piacere, anche se pare che il virus si stia ormai diffondendo anche negli USA. In Italia secondo Ferruccio Fazio, sottosegretario alla Salute, il rischio infezione sarebbe piuttosto ridotto e sarebbe disponibile anche una scorta di farmaci antivirali pronti per ogni evenienza, inoltre un funzionario sta monitorando minuziosamente tutti gli sviluppi. Da non dimenticare che la carne suina non italiana eventualmente presente sui banchi italiani NON è di provenienza messicana, sono 10 anni che non viene importata carne dal Messico. Maggiori informazioni e aggiornamenti in tempo reale su INFLUNET NB: Non si vuole creare allarmismo

Publicato: 27/4/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

A H1N1 riscontrate le prime mutazioni

I virologi l’avevano detto e nel giro di qualche mese è avvenuto: il virus A H1N1 è mutato, a confermarlo è l’Organizzazione Mondiale della Sanità . In Norvegia sono stati isolati tre pazienti infettati da un virus in cui risulta mutato l’amminoacido 1, ma non c’è da preoccuparsi già  qualche settimana fa in altri paesi del… Continua a leggere A H1N1 riscontrate le prime mutazioni

24/11/2009Bio Blog

Più basso il livello di istruzione, più alta la sensibilità  all’influenza

Le persone che non hanno un diploma di scuola superiore, rispetto a quelle con un livello di istruzione più elevato, potrebbero essere colpite più facilmente dal virus H1N1 e per loro il vaccino potrebbe essere meno efficace. Lo dimostra un recente  studio dal titolo “differenze socioeconomiche nella risposta immunitaria “. Il lavoro, effettuato da ricercatori… Continua a leggere Più basso il livello di istruzione, più alta la sensibilità  all’influenza

12/11/2009Bio Blog

Influenza Messicana, allarme pandemia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità , dopo aver visto che il virus H1N1 si è diffuso a livello mondiale in 74 paesi, che ha infettato 28000 persone e ucciso 150 persone circa, ha deciso di portare a livello della pandemia l’Influenza Messicana. Da subito l’OMS ha, però, premesso che questa è una misura del tutto precauzionale e… Continua a leggere Influenza Messicana, allarme pandemia

15/6/2009Bio Blog

Influenza Messicana e se fosse colpa di un virus di laboratorio?

Quella che per alcune settimane è stata chiamata influenza suina e che ha scatenato la psicosi contro i maiali considerati veicolo della malattia, ha poi cambiato nome in Influenza A, poi denominata influenza messicana. Il virus A/H1N1 è partito dal Messico, finora ha infettato più di 5000 persone, (nove i casi in Italia), 61 le… Continua a leggere Influenza Messicana e se fosse colpa di un virus di laboratorio?

15/5/2009Bio Blog