Quantcast
A H1N1 riscontrate le prime mutazioni | BioBlog

A H1N1 riscontrate le prime mutazioni

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Virus
Tag: #H1N1 #H1N1 mutazione #influenza a #virus influenza A mutazione
Condividi:

I virologi l’avevano detto e nel giro di qualche mese è avvenuto: il virus A H1N1 è mutato, a confermarlo è l’Organizzazione Mondiale della Sanità . In Norvegia sono stati isolati tre pazienti infettati da un virus in cui risulta mutato l’amminoacido 1, ma non c’è da preoccuparsi già  qualche settimana fa in altri paesi del mondo era stata riscontrata una mutazione del virus. La differenza sostanziale tra il “nuovo” e il “vecchio” virus sta nel fatto che il primo risulta particolarmente aggressivo per le vie respiratorie, ma ha una capacità  di contagio più bassa rispetto al secondo. Ad oggi in Italia la situazione è sotto controllo, non sono stati isolati virus mutati e la gran parte dei pazienti affetti da influenza A è guarita o sta guarendo tranquillamente e senza complicazioni nelle proprie case sotto la diretta supervisione del medico di famiglia. I casi più gravi, che presentano patologie pregresse o che hanno sviluppato problemi respiratori, vengono generalmente sottoposti a terapie farmacologiche a base di antivirali e per questi viene effettuato il ricovero, i decessi sono in totale 68. Tuttavia la nuova dichiarazione dell’OMS ha scatenato il panico tra la popolazione, il Ministero della Salute fa sapere che qualora il nuovo virus arrivasse in Italia non ci sarebbe alcun pericolo, la mutazione non ha variato le caratteristiche antigeniche del virus quindi sia il vaccino, sia gli anticorpi sviluppati dopo la guarigione sono efficaci. Rimaniamo in attesa di eventuali sviluppi.

Publicato: 24/11/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Più basso il livello di istruzione, più alta la sensibilità  all’influenza

Le persone che non hanno un diploma di scuola superiore, rispetto a quelle con un livello di istruzione più elevato, potrebbero essere colpite più facilmente dal virus H1N1 e per loro il vaccino potrebbe essere meno efficace. Lo dimostra un recente  studio dal titolo “differenze socioeconomiche nella risposta immunitaria “. Il lavoro, effettuato da ricercatori… Continua a leggere Più basso il livello di istruzione, più alta la sensibilità  all’influenza

12/11/2009Bio Blog

Influenza Messicana, allarme pandemia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità , dopo aver visto che il virus H1N1 si è diffuso a livello mondiale in 74 paesi, che ha infettato 28000 persone e ucciso 150 persone circa, ha deciso di portare a livello della pandemia l’Influenza Messicana. Da subito l’OMS ha, però, premesso che questa è una misura del tutto precauzionale e… Continua a leggere Influenza Messicana, allarme pandemia

15/6/2009Bio Blog

Influenza Messicana e se fosse colpa di un virus di laboratorio?

Quella che per alcune settimane è stata chiamata influenza suina e che ha scatenato la psicosi contro i maiali considerati veicolo della malattia, ha poi cambiato nome in Influenza A, poi denominata influenza messicana. Il virus A/H1N1 è partito dal Messico, finora ha infettato più di 5000 persone, (nove i casi in Italia), 61 le… Continua a leggere Influenza Messicana e se fosse colpa di un virus di laboratorio?

15/5/2009Bio Blog

Mappa dell’influenza suina H1N1

L’influenza suina, denominata H1N1, sta creando preoccupazioni, a volte ingiustificate, in tutto il mondo e ora il virus si sposta su internet. Qui sotto è disponibile una mappa in cui vengono riportati costantemente i dati relativi alla diffusione del virus a livello mondiale. Per ora in Italia non ci sono casi ufficiali di influenza suina,… Continua a leggere Mappa dell’influenza suina H1N1

30/4/2009Bio Blog