Quantcast
Ultrasonografia per individuare lesioni vascolari polmonari | BioBlog

Ultrasonografia per individuare lesioni vascolari polmonari

Categoria: Apparecchiature Archivio Biotecnologie Mediche Dossier Esami invasivi
Tag: #biopsia #ecografia #ecografo #esami #polmoni #vaso sanguigno
Condividi:

A Forlì è stata impiegata la ultrasonografia per individuare lesioni vascolari polmonari, evitando indagini invasive e cruente. Lo studio del prof. Venerino Poletti, intervistato su questo blog sulla “Pinza Jumbo e biopsia polmonare” e diventato nel frattempo segretario europeo della Società  di Medicina Respiratoria, è stato pubblicato sull’European Respiratory Journal. Le indagini “soft” sul polmone sono una realtà  clinica già  da qualche tempo. In particolare è conosciuto l’utilizzo della “ultrasonografia” per individuare “lesioni linfonodali mediastiniche “, osservando in “tempo reale” l’ago che campiona la struttura scelta per il prelievo. Lo studio delle lesioni dei grossi vasi polmonari era però considerato possibile con indagini radiologiche o –in casi particolari – con indagini bioptiche chirurgiche. ecografo lineare poletti polmoni Il team della Unità  Operativa di Pneumologia Interventistica dell’Ospedale Morgagni (Forlì) da me diretto ha descritto il valore della ultrasonografia endobronchiale anche nello studio dei vasi polmonari. Il lavoro è stato giudicato interessante dalla Comunità  Scientifica internazionale ed è stato pubblicato in questi giorni sulla rivista “European Respiratory Journal ” col titolo “Diagnosis of pulmonary thromboembolism with endobronchial ultrasound”. Primo autore il dottor Gianluca Casoni. Lo studio è stato realizzato utilizzando l’ecografo endobronchiale (ebus) recentemente donato dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì all’Ospedale forlivese. Il report descrive l’utilizzo della ultrasonografia endobronchiale nella diagnosi differenziale fra tromboembolia polmonare e sarcoma della arteria polmonare. Di solito la diagnosi di tromboembolia polmonare avviene facilmente e in sicurezza con la angiotac. Nel caso oggetto dello studio, ci si trovava di fronte ad una condizione clinica molto particolare. Un giovane presentava una lesione difficilmente interpretabile con la sola tac (semplice tromboembolia o raro tumore maligno della parete della arteria polmonare? ). Normalmente la diagnosi differenziale definitiva avrebbe previsto una biopsia chirurgica, procedura alquanto invasiva, soprattutto se la diagnosi finale fosse stata di lesione non neoplastica. L’ultrasonografia endobronchiale ha così permesso di vedere, senza essere invasivi, ma ottenendo lo stesso risultato, quello che i Cardiologi vedono con l’ecocardiografia in sedi anatomiche differenti e fino ad oggi ritenute più facilmente raggiungibili.” Un’idea originale premiata da un risultato positivo. L’utilizzo della nuova apparecchiatura ha comportato, e anche lo studio appena pubblicato lo dimostra, una riduzione fortissima degli errori con un aumento della sensibilità  diagnostica, soprattutto nelle lesioni di piccoli dimensioni o nelle lesioni poste in sedi difficilmente accessibili.

Publicato: 7/11/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Novità  sulla diagnosi delle disfunzioni renali

Sono sempre di più le persone che soffrono di pressione alta e che hanno problemi di diabete, la colpa potrebbe essere attribuita allo stile di vita non propriamente corretto della società  occidentale. Le stesse abitudini con il tempo, portano ad un calo drastico delle funzioni renali, in alcuni casi si arriva a parlare di malattia… Continua a leggere Novità  sulla diagnosi delle disfunzioni renali

13/5/2009Bio Blog

Stress da referto

L’ansia da attesa da referto può, oltre a notti insonni, indurre alterazioni biochimiche nell’organismo tali da provocare guai più seri, fino a compromettere il sistema immunitario e la guarigione di una ferita. A dirlo è un gruppo di ricerca di Boston che ha prelevato saliva da 126 donne sottoposte a biopsia del seno e in… Continua a leggere Stress da referto

2/3/2009Bio Blog

Un validio ausilio per il Pap Test direttamente dagli Usa

Il pap test è un esame, forse un po’ invasivo, che permette di evidenziare la presenza di un tumore al collo dell’utero. Il problema è che non è in alcun modo una forma di prevenzione, il test infatti è in grado di dire se il cancro c’è o meno e non può in alcun modo… Continua a leggere Un validio ausilio per il Pap Test direttamente dagli Usa

17/2/2009Bio Blog

Ulcera gastriche e Helicobacter Pylori

Recenti studi hanno dimostrato l’esistenza di un rapporto causa effetto tra l’Helicobacter Pylori e la gastrite, che nei casi più gravi degenera in ulcere gastriche. L’H. Pylori è un battere, o batterio se si preferisce, a forma di spirale trasmissibile da uomo a uomo per via orale o oro-fecale, pare che abbia il suo habitat… Continua a leggere Ulcera gastriche e Helicobacter Pylori

6/11/2008Bio Blog