Quantcast
Silence Spray per smettere di russare | BioBlog

Silence Spray per smettere di russare

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Farmaci
Tag: #dormire #Farmaci #russare #spray
Condividi:

Silence spray è uno farmaco per smettere di russare di nuova generazione che si spruzza in gola e che agisce su tutti i tessuti immediatamente e per tutta la durata della notte. Silence è una mousse orale, che contiene una formula innovativa e brevettata. Quest’ultima lo rende un prodotto di nuova generazione, diverso dalle soluzioni proposte fino ad oggi dal mercato. Silence, infatti, contiene una schiuma bioadesiva che, oltre ad agire immediatamente sui tessuti della gola (umidificazione, lubrificazione e tonificazione), rimane attiva aa lluunnggoo, permettendo cosi il Silenzio per tutta la notte. La sua forma galenica (schiuma) ha un gradevole gusto di menta e si estende in modo più uniforme di una soluzione acquosa. Per i russatori più ostinati c’è inoltre lo spray nasale (contenuto nella versione Silence Forte Russamento) che decongestiona e libera le vie nasali, impedendo il russamento dal naso. Che cos’è il russamento? Nella respirazione durante il sonno, l’aria circola tra il velo palatino e il fondo della lingua da un lato e la parete posteriore della faringe dall’altro. Nella maggior parte dei casi, l’origine del russare è legata ad un sensibile rilassamento del tono muscolare della faringe. Ciò restringe il passaggio dell’aria causando un’accelerazione della velocità  dell’aria in entrata. Il flusso d’aria accelerato raggiunge i tessuti molli della faringe facendoli vibrare. Si sviluppa così un rumore simile ad un grugnito: il russare. Russare, problema da non sottovalutare A volte ridicolizzato e spesso fonte di humour, il russare è un problema serio che può avere delle conseguenze importanti, sia a livello fisico che sociale, e che quindi non va assolutamente sottovalutato. Il rumore del russare è a volte cosi forte che il partner, i membri della famiglia e perfino i vicini possono essere disturbati. La potenza sonora del russare è determinata dalla quantità  d’aria che circola nella laringe e dal grado di vibrazione dei tessuti della gola. Un russatore produce in media da 500 a 1300 russamenti per notte e raggiunge a volte i 65 decibel, limite della regola di tolleranza per i rumori di vicinato. Il record assoluto riscontrato ammonta a 93 decibel: è il rumore di un treno che passa! Il russare può dunque diventare un vero incubo per il partner e di conseguenza, nuocere al rapporto di coppia (camere separate, sonniferi, notti insonni). A livello fisico, il russare può anche essere un segnale che indica l’esistenza di un problema o di una malattia più grave delle vie respiratorie. Si può trattare di un’apnea notturna che causa stanchezza giornaliera e bisogno di dormire ulteriormente. Fattori che favoriscono il russare Le origini del russare possono essere diverse: problemi alle vie respiratorie, diminuzione della tonicità  dei tessuti della gola (processo d’invecchiamento), mancanza d’attività  fisica, posizione sbagliata durante il sonno, ecc. È comunque possibile monitorare o evitare alcuni elementi che favoriscono il russamento:

  • Il peso, il sovrappeso è uno dei fattori principali. Il dimagrimento è dunque fortemente raccomandato ai russatori.
  • L’alcol: diminuisce la tonicità  muscolare e favorisce quindi il russamento.
  • Il tabacco, il consumo di tabacco può provocare un’infiammazione delle vie respiratorie e una distruzione delle fibre elastiche, causando dunque una distensione dei tessuti.

Chi russa? Si tratta di un problema frequente che tocca all’incirca il 30 % degli esseri umani. Si stima che a 40 anni un uomo su due russi e che, fino all’età  di 50 anni, l’uomo russi molto più della donna. Da quest’età  in poi la differenza non è più così marcata dal momento che le russatrici raggiungono nettamente i russatori. Trattamento per smettere di russare L’eccessivo rilassamento del tono muscolare della parte posteriore della gola provoca un restringimento del passaggio dell’aria e quindi una vibrazione dei tessuti che rappresenta la causa del russamento. Per evitare che ciò accada, è necessario umidificare, lubrificare e tonificare le pareti della faringe in modo efficace e durevole nel tempo. Ciò non è facile considerata la continua attività  di pulizia dei tessuti della gola (attività  mucociliare, produzione di mucina, secrezione di saliva ecc.). Le soluzioni in commercio a base di olii vegetali, essendo liquide, vengono rapidamente eliminate dal muco, rivelandosi dunque inefficaci. L’efficacia di un buon prodotto anti-russamento coincide invece con una lubrificazione duratura (per tutta la notte) dei tessuti della gola. In alcuni casi, è utile inoltre migliorare il passaggio dell’aria anche a livello delle vie nasali, affinché al russamento della gola non si aggiunga quello del naso. [maggiori informazioni]

Publicato: 31/7/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Cuore: questione di insonnia

L’insonnia è un disturbo del sonno caratterizzato dall’impossibilità  di addormentarsi o di dormire per un tempo ragionevole durante la notte. Coloro che soffrono di insonnia di solito lamentano di non essere in grado di dormire che per pochi minuti alla volta o di agitarsi nel letto durante la notte. Il risultato di uno studio dell’Università … Continua a leggere Cuore: questione di insonnia

16/9/2009Bio Blog

Dormire nella posizione giusta

Nell’ultimo decennio si parla di insonnia e più precisamente delle sue conseguenze sul benessere generale, iniziando a conoscerla meglio. Il nuovo stile di vita moderno, ovviamente incide in maniera pesante e negativa sulla qualità  del sonno. Gli stimoli hi-tech esterni, nelle fasi pre-sonno, inducono stimoli neurologici distraenti rispetto all’addormentamento. La tecnologia, però ci viene in… Continua a leggere Dormire nella posizione giusta

27/3/2009Bio Blog

Russare può portare a bronchiti croniche

Uno studio sud coreano molto esteso ha affermato che esiste una chiara corrispondenza tra il russare e l’esser soggetti a bronchiti croniche. La bronchite cronica è una tosse che può durare per settimane e può ripresentarsi più volte, in modo ricorrente, addirittura per diversi anni. Questa ricerca condotta su 4270 persone ha stimato un aumento… Continua a leggere Russare può portare a bronchiti croniche

29/1/2008Bio Blog