Quantcast
Risonanza magnetica a tunnel aperto da Siemens | BioBlog

Risonanza magnetica a tunnel aperto da Siemens

Categoria: Apparecchiature Archivio Dispositivi diagnostici Esami non invasivi
Tag: #esami #risonanza magnetica #tim
Condividi:

[Clicca sulle immagini per ingrandire] Si chiama MAGNETOM Espree ed è il primo tomografo a risonanza magnetica (MR) da 1,5 Tesla con tunnel aperto, finalmente arrivato in Italia, grazie a Siemens. Oltre ad immagini diagnostiche di elevata qualità  e brevi tempi di analisi, questa tecnologia garantisce maggiore comfort per i pazienti, soprattutto se affetti da claustrofobia e obesità . 75 cm di diametro e 125 cm di lunghezza compatta, queste le rivoluzionarie misure della nuova apparecchiatura di Siemens Medical Solutions già  operativa presso il “Centro radiologico Cento Cannoni” di Alessandria e presso la struttura diagnostica fiorentina “Leonardo da Vinci”. I pazienti affetti da obesità  e claustrofobia, che rappresentano complessivamente il 25% della popolazione negli Stati Uniti ed il 10% in Italia, possono dire addio ai disagi degli esami tomografici. Le nuove dimensioni di MAGNETOM Espree, disponibili finora solo con la TAC, garantiscono, infatti, sufficiente spazio e, nella maggior parte dei casi, permettono alla testa di rimanere fuori dallo scanner. A differenza degli MRI aperti disponibili fino ad ora sul mercato, la nuova apparecchiatura Siemens unisce il comfort del paziente con la qualità  delle immagini e la sicurezza diagnostica di un sistema high-field grazie alla rivoluzionaria tecnologia Siemens Tim (Total imaging matrix): la flessibilità  di combinazione delle bobine Matrix, sulle quali si basa il sistema, consente, infatti, un’elevata risoluzione dell’immagine con tempi di analisi molto brevi. Il MAGNETOM Espree è inoltre in grado di captare un segnale fino a quattro volte maggiore rispetto ai classici sistemi MRI aperti con il magnete a “C”, funzionalità  particolarmente utile nell’analisi di soggetti obesi per i quali la ricezione del segnale risulta spesso problematica. Attualmente questo metodo di imaging si applica per la diagnosi e per la pianificazione terapeutica di affezioni dell’apparato motorio, del diabete e cardiovascolari, tutte malattie associabili all’obesità , ma è auspicabile che in futuro tutti i pazienti possano avere accesso illimitato alla tecnologia MRi di elevata qualità . La nuova apparecchiatura si va ad affiancare ad altri due sistemi Siemens da 1,5 Tesla: MAGNETOM Avanto e MAGNETOM Symphony, che sono impiegati da cliniche universitarie, ospedali e studi radiologici a livello mondiale. [via siemens]

Publicato: 5/9/2007Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Un po’ di acqua per rinfrescare le idee

Bere acqua è importante anche per studiare in modo efficiente. La disidratazione ha, infatti, diversi effetti collaterali che interferiscono con le capacità  cognitive: mal di testa, stanchezza, minore capacità  di concentrazione e di attenzione e riduzione della memoria a breve termine. E le conseguenze possono essere anche più gravi: una ricerca condotta presso il King’s… Continua a leggere Un po’ di acqua per rinfrescare le idee

2/10/2010Bio Blog
esame_ok

Ansia KO: all’esame pensa l’iPhone

Niente più ansia da prestazione scolastica con “Esame Ok”, la nuova applicazione per iPhone e iPod Touch che permette di prepararsi al meglio e a gestire la paura che gli esami possano andare male. Ideata da Giuseppe Riva e Andrea Gaggioli, docenti di psicologia e nuove tecnologie della comunicazione dell’Università  Cattolica di Milano, l’applicazione è… Continua a leggere Ansia KO: all’esame pensa l’iPhone

26/4/2010Bio Blog

Micro elettrocorticografia

I neurochirurghi dell’Università  dello Utah hanno sviluppato un array di elettrodi molto sottili che non penetrano la superficie del cervello per prevenire i potenziali effetti indesiderati tipici dei moderni elettrodi ad alta precisione. L’esame è denominato micro elettrocorticografia (micro electrocorticography, ECoG) e gli array appena descritti hanno dimensioni talmente ridotte da poter pensare di lasciarli… Continua a leggere Micro elettrocorticografia

13/7/2009Bio Blog

SNP Dr, per valutare gli effetti indesiderati

I ricercatori dell’Imperial College di Londra hanno sviluppato un dispositivo che potrà  aiutare i dottori a predire eventuali reazioni avverse ai farmaci. Il device, chiamato Single Nucleotide Polymorphism Doctor (SNP Dr, pronunciato “snip doctor”), identifica nei pazienti la presenza di precise sequenze di DNA che possono fungere da marker per potenziali reazioni alla somministrazioni di… Continua a leggere SNP Dr, per valutare gli effetti indesiderati

24/2/2009Bio Blog