Quantcast
Ricordati di ricordare, senza ricordi non hai futuro | BioBlog

Ricordati di ricordare, senza ricordi non hai futuro

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche News in pillole dal Mondo Patologie
Tag: #alzheimer #test
Condividi:

Filtrano i primi risultati parziali dall’elaborazione dei mini-mental test sull’insorgenza dell’Alzheimer, somministrati a migliaia di persone durante la campagna “Ricordati di ricordare, senza ricordi non hai futuro”. L’iniziativa è stata promossa lo scorso 29 marzo dall’Associazione nazionale comunità  e sport (Ancos), insieme all’Associazione nazionale anziani e pensionati (Anap) di Confartigianato Persone, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, con il Dipartimento di scienze dell’invecchiamento dell’Università  La Sapienza di Roma e con la Federazione italiana medici geriatri (Fimeg). Migliaia di persone hanno affollato 74 piazze d’Italia per recarsi nei gazebo allestiti da Confartigianato Persone e compilare i test predittivi che, tra settembre e ottobre, sono stati elaborati dal Dipartimento di Scienze dell’invecchiamento de La Sapienza. Il rischio di deficit cognitivo è risultato “lieve-moderato” nel 32% del campione parziale analizzato, “severo” nel 12%. Il 42, 7% dei pazienti non ricorda nomi o appuntamenti. Considerando il ruolo decisivo che il senso di malinconia svolge nello sviluppo della depressione, i geriatri de La Sapienza hanno notato che il 21% del campione si ritiene “annoiato”, mentre il 26, 2% si sente “triste”. “È stato dimostrato da numerosi studi – commenta il professor Vincenzo Marigliano, professore ordinario di Geriatria presso l’Università  La Sapienza di Roma, da molti anni in prima linea nella lotta contro l’Alzheimer a fianco di Confartigianato Persone – che per prevenire il deficit cognitivo è meglio mantenersi attivi ed impegnati nelle cose che si preferiscono. Piuttosto che abbandonare le attività  che diventano difficili da eseguirsi, è meglio cercare di modificarle. Per esempio, se si hanno problemi nella preparazione di un pasto, invece di desistere, ci si può concentrare solo su alcune fasi come mondare le verdure, preparare la tavola o servire i pasti. Inoltre, abbiamo notato che il 22,9% del nostro campione ha difficoltà  di concentrazione. Sarebbe pertanto vantaggioso stimolare la mente mantenendo attive parti del cervello ancora efficienti. Le attività  mentali consigliabili sono le parole crociate, lo scarabeo, leggere, eseguire esercizi o giochi di aritmetica”. Le persone che hanno compilato il test hanno un’età  media di circa 65 anni e sono in maggioranza donne (53%). Il 72,8% del campione è coniugato, il 12,7% è vedovo, il 9,4% presenta disturbi del sonno tipici degli anziani. Infine, ben l’80,7% del campione non ha casi di demenza senile in famiglia, segno che la campagna informativa di Confartigianato Persone ha colto nel segno, raggiungendo anche individui non “sensibilizzati”. Al 32% di campione risultato “lievemente-moderatamente” a rischio il Dipartimento di Geriatria de La Sapienza spedirà  presto una lettera che, senza allarmismi, proporrà  ai destinatari un secondo, più specifico mental-test, e l’avvio di una fase di prevenzione assistita. Chi vorrà  potrà  inoltre partecipare agli incontri informativi con medici geriatri organizzati da Confartigianato Persone nelle sue sedi provinciali. Al restante campione “non a rischio” gli organizzatori della campagna proporranno di mantere un contatto per informarlo sui progressi della ricerca sull’Alzheimer. Infine, a tutti i partecipanti alle giornate “Ricordati di ricordare, senza ricordi non hai futuro” verrà  spedita una newsletter informativa sull’Alzheimer. Con la convinzione che l’informazione sia il primo antidoto contro questa malattia, sabato 28 marzo 2009 Ancos e Anap promuovono la seconda giornata della campagna “Ricordati di ricordare, senza ricordi non hai futuro”. In tutte le principali piazze d’Italia verranno allestiti dei gazebo dove medici geriatri, assistiti da infermieri-volontari della Croce rossa, somministreranno dei mini-mental test per predire l’insorgere dei primi sintomi dell’Alzheimer, malattia responsabile del 70% delle demenze senili. Il morbo scoperto nel 1907 dal neurologo tedesco Alois Alzheimer, colpisce in Italia circa 270. 000 persone, e la spesa sostenuta dalle famiglie per assistere ciascun malato ammonta a 53. 982 euro all’anno, per un costo sociale totale pari a 14. 596 milioni euro all’anno. Oltre a promuovere la campagna “Ricordati di ricordare, senza ricordi non hai futuro”, Ancos ed Anap di Confartigianato Persone concorrono a finanziare tre dottorati di ricerca presso il Dipartimento di Scienze dell’invecchiamento dell’Università  La Sapienza.

Publicato: 5/12/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Souvenaid

Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

Si chiama Souvenaid la nuova bevanda sperimentale messa a punto dalla Rush University Medical Center di Chicago. Souvenaid potrebbe essere in grado di limitare le carenze mnemoniche dei pazienti ai primi stadi della malattia o con una moderata di Alzheimer. Saranno 500 i pazienti sottoposti a questa nuova sperimentazione, queste persone verranno distribuite in 40… Continua a leggere Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

5/3/2010Bio Blog
telefono cellulare

La rivincita del cellulare

Da tempo si parla degli effetti nocivi delle radiazioni legate all’uso del cellulare, ma finalmente per tutti gli amanti delle lunghe chiacchierate arriva una buona notizia. Secondo uno studio condotto alla University of South Florida e pubblicato sul Journal of Alzheiner’s Disease, l’esposizione prolungata alle onde elettromagnetiche del cellulare potenzierebbe la memoria e proteggerebbe dal… Continua a leggere La rivincita del cellulare

11/1/2010Bio Blog

Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

Scoperti due nuovi geni che hanno un ruolo di particolare importanza nella genesi della malattia di Alzheimer. La ricerca, frutto di una collaborazione europea sulla malattia di Alzheimer, ha dimostrato che particolari varianti dei geni CLU (o APOJ) e CR1 sono associate in modo significativo alla malattia. Lo studio e’ presentato sull’ultimo numero della prestigiosa… Continua a leggere Scoperti nuovi geni responsabili dell’Alzheimer

14/9/2009Bio Blog

Vasocostrizione cerebrale nel morbo di Alzheimer

I ricercatori dell’Università  di Bristol hanno scoperto che l’enzima convertente l’endotelina 2 (ECE-2) è in grado di causare la riduzione del flusso sanguigno cerebrale che si verifica nei malati di Alzheimer, e dunque di favorire la progressione della patologia. La malattia di Alzheimer è la più diffusa causa di demenza al mondo ed è caratterizzata… Continua a leggere Vasocostrizione cerebrale nel morbo di Alzheimer

30/7/2009Bio Blog