Quantcast
Prevotella Histicola - Nuova specie batterica identificata nella bocca | BioBlog

Prevotella Histicola – Nuova specie batterica identificata nella bocca

Categoria: Archivio batteri denti
Tag: #batteri #carie #denti
Condividi:

Una ricerca condotta dal professore William Wade del King’s College London Dental Institute, e pubblicata su International Journal of Systematic and Evolutionary Microbiology, ha portato alla luce questa nuova specie batterica che vive nella cavità  orale. La scoperta potrà  ora aiutare i ricercatori a capire la genesi di patologie dei denti e delle gengive così da permettere la messa punto nuovi trattamenti sempre più efficaci. “La bocca dell’uomo ospita un immensa varietà  di batteri e virus” ha detto il professor Wade. “I batteri sono i più numerosi: 100 milioni per ogni millilitro di saliva con più di 600 specie rappresentati. Circa metà  di queste sono già  classificate ed ora stiamo cercando di identificare le altre.” Gli scienziati hanno studiato sia tessuti sani che malati trovando questo nuovo ceppo di Prevotella che non era finora noto, chiamandolo histicola (abitante del tessuto). Ora è fondamentale capire come agisce questo batterio per produrre nuove misure di prevenzione. E’ altrettanto importante continuare a identificare i molti batteri sconosciuti che risiedono nella bocca per permettere a tutti i laboratori del mondo di identificarli e prevenire così le patologie della bocca. [foto pmarkham]

Publicato: 17/8/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Gadget da telefonino per diagnosticare la Tubercolosi

Il cellulare nato per fare telefonare ovunque, evolutosi in macchina fotografica e anche in lettore MP3, oggi entra a pieno diritto nel mondo della medicina.   Arriva infatti dall’America un gadget da cellulare, chiamato CellScope che funziona come un microscopio a fluorescenza. Il dispostitivo permette di avere immagini dettagliate di campioni di sangue, in modo… Continua a leggere Gadget da telefonino per diagnosticare la Tubercolosi

24/7/2009Bio Blog

Ridurre il colesterolo con latte fermentato

I latti fermentati addizionati di fitosteroli sono in grado di abbattere di circa il 10% il livello di colesterolo cattivo in soggetti con moderata ipercolesterolemia. Lo dimostra la prima metanalisi compiuta su circa 400 persone che ha analizzato i risultati di 3 lavori già  pubblicati in letteratura sull’effetto di un latte fermentato con aggiunta di… Continua a leggere Ridurre il colesterolo con latte fermentato

19/6/2009Bio Blog

Filtrazione magnetica

Un team di ricercatori di Boston sta sviluppando un nuovo dispositivo biomedico per trattare la setticemia. Il sistema ideato consiste in una separazione fisica degli agenti patogeni dal sangue in modo specifico. La setticemia è una infezione caratterizzata da concentrazioni sempre più elevate di batteri nella circolazione sanguigna e dovuta all’infezione di tessuti e organi.… Continua a leggere Filtrazione magnetica

14/4/2009Bio Blog

Dimostrata una nuova strategia di resistenza agli antibiotici

Una ricerca condotta in modo congiunto tra l’inserm, l’Università  di Parigi-Descartes, il CNRS, l’NRA e l’istituto Pasteur ha mostrato come i batteri imparano a resistere agli antibiotici sequestrando gli acidi grassi presenti nel sangue per provvedere alla loro crescita. Tali risultati sono stati pubblicati su Nature del 5 marzo. Il continuo mutamento dell’ambiente rappresenta la… Continua a leggere Dimostrata una nuova strategia di resistenza agli antibiotici

11/3/2009Bio Blog