Quantcast
Occhiali video myvu Crystal | BioBlog

Occhiali video myvu Crystal

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Dossier Gadgets Medici Idee regalo
Tag: #diagnostica a immagini #Gadgets Medici #occhiali #risonanza magnetica #tac #video
Condividi:

Grazie allo store TecnologieCreative.it abbiamo avuto la possibilità  di testare sul campo gli occhiali video myvu Crystal. Oltre alle funzioni già  presenti nelle precedenti versione del prodotto, il nuovo modello Crystal 701 fornisce una risoluzione paragonabile alla VGA (640×480) offrendo schermo virtuale ancora più grande per una esperienza con la qualità  del DVD. A differenza di altri sistemi che limitano la visione naturale, gli occhiali video myvu permettono di vedere lo schermo video senza perdere il contatto con la realtà  che circonda chi li indossa. Anche se aperti e non “avvolgenti”, gli occhiali permettono una buona visualizzazione in ogni condizione di luce. Gli occhiali video myvu sono stati progettati per essere compatibili con lettori MP4, DVD portatili, telecamere e qualunque altro dispositivo con un’uscita video composita compatibile (uscita A/V da jack 3,5mm). Vengono inoltre forniti cavi adattatori per i media player: iPod, iPhone, Archos, Nokia N95, Gigabeat, Microsoft Zune, per i lettori DVD portatili e le telecamere. Nel nostro caso abbiamo testato gli occhiali myvu su iPhone per la visualizzazione di immagini biomediche. Come è noto sono disponibili una serie di applicazioni pensate appositamente per il player Apple che permettono di interagire facilmente con dati TAC, Risonanza Magnetica e Pet con possibilità  di rendering tridimensionale. Se da un lato lo schermo multitouch dell’iPhone appare adatto per una visualizzazione “veloce” e “interattiva” delle immagini biomediche, dall’altro la dimensione limita notevolmente la visione d’insieme. Per questo motivo abbiamo provato un dispositivo alternativo per un facile e buon accesso ai dati strumentali. Per questo motivo la scelta è ricaduta sugli occhiali video myvu Crystal, attualmente venduti per motivi ludici. I punti di forza di questo dispositivo sono la leggerezza e il minimo ingombro in borsa. È equipaggiato con auricolari stereo (con sistema di riduzione dei rumori esterni), batterie ricaricabili incorporate che forniscono 4 ore di visione e un controllo che permette di gestire la luminosità  e intensità  colore delle immagine. Il loro uso per scopi didattici e di ricerca è parso buono, di certo non è attualmente ipotizzabile usarli come standard per fini diagnostici. In viaggio o in tutti quei momenti in cui si è lontani dall’ufficio basta collegare il cavo apposito al proprio dispositivo, scaricare i dati (vi consiglio di utilizzare una rete WiFi o perlomeno 3G). Nella gallery sono state scattate un paio di foto cercando di cogliere con l’obiettivo l’immagine fornita dagli occhiali. I modelli myvu sono già  stati testati con successo da:

  • Best of RetailVision’s “Best New Technology” award
  • Innovations 2008 Design and Engineering award
  • Innovations 2007 Design and Engineering award
  • “Best of Show ” per il 2008 da iLounge
  • “Award Winner” AmazingTechProducts.com
  • “Best Wearable Display” per il 2006 da iLounge
  • 2007 Technology Pioneer by the World Economic Forum

Per chi fosse interessato all’acquisto può trovare gli occhiali myvu su TecnologieCreative.it al costo di 259,00 euro. Ovviamente aspettiamo le vostre impressioni d’uso.

Publicato: 6/4/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

o-scan mri

MyLabTM Twice e O-scan: la nuova frontiera della diagnostica per immagini

Le ultime novità  nel campo della diagnostica per immagini arrivano da Vienna, dove la Società  Europea di Radiologia ha fissato l’appuntamento annuale per gli esperti del settore, l’European Congress of Radiology. L’imperativo? Unire la praticità  ad un elevato livello di prestazioni, come dimostrato dalle proposte di Esaote, gruppo leader nel settore delle apparecchiature biomedicali, che… Continua a leggere MyLabTM Twice e O-scan: la nuova frontiera della diagnostica per immagini

12/3/2010Bio Blog

FiatLux, visualizzazione immagini biomediche

La Fiatlux Imaging, una società  che ha ricevuto lo scorso agosto l’approvazione da parte della FDA per il loro software di rendering, ha realizzato una nuova soluzione per clinici. Il nuovo prodotto è un sistema di visualizzazione di immagini biomediche provenienti da TAC, risonanza magnetica e radiografie, installato su un dispositivo della Philips. CliniScape mobile… Continua a leggere FiatLux, visualizzazione immagini biomediche

25/3/2009Bio Blog

Molecola per individuare l’ossigeno reattivo nei tessuti

Ricercatori del Georgia Institute of Technology hanno sviluppato un tracciante fluorescente chiamato idrocianina. Questa molecola è capace di individuare, in maniera quantitativa, la presenza di ossigeno in forma altamente reattiva (ROS), implicato in diversi processi di tipo infiammatorio oltre al cancro ed aterosclerosi. Delle 40 potenziali idrocianine, ad oggi, ne sono state create 6, che… Continua a leggere Molecola per individuare l’ossigeno reattivo nei tessuti

5/1/2009Bio Blog

Immagini dalla mente

I ricercatori dell’ATR Computational Neuroscience Laboratories (Giappone) hanno sviluppato un nuovo metodo per analizzare il cervello in grado di ricostruire le immagini nella mente, come una sorta di lettura del pensiero. Le immagini prodotte vengono poi visualizzate su un monitor. La macchina, secondo quanto riportato dagli scienziati, potrà  presto “osservare” i sogni delle persone mentre… Continua a leggere Immagini dalla mente

15/12/2008Bio Blog