Quantcast
MOC, Mineralometria Ossea Computerizzata per l'osteoporosi | BioBlog

MOC, Mineralometria Ossea Computerizzata per l’osteoporosi

Categoria: Apparecchiature Archivio Dispositivi diagnostici Dossier Esami non invasivi
Tag: #colonna vertebrale #esami #femore #menopausa #ossa #osteoporosi #raggi x
Condividi:

La Mineralometria Ossea Computerizzata a raggi X (abbreviata con MOC) rappresenta l’attuale metodica di riferimento nella diagnosi della osteoporosi, impiegata con successo presso il policlinico di Milano e in altri ospedali italiani. La MOC si basa sul principio dell’assorbimetria fotonica: un sottile fascio di raggi X attraversando i tessuti viene assorbito in misura proporzionale alla densità  dei componenti. La successiva elaborazione dei dati, grazie a opportuni algoritmi matematici, può calcolare l’esatta densità  di questi tessuti, distinguendo tra tessuti molli e tessuti duri (ossa). La MOC misura la densità  minerale dello scheletro, prevalentemente costituito da cristalli di idrossiapatite di calcio e consente di valutare nel tempo piccole variazioni della densità  minerale ossea. ossa osteoporotiche osteoporosi Sopra tre diverse foto della sezione di una vertebra lombare realizzate al microscopio elettronico a scansione: nella prima in alto un osso trabecolare sano e poi a seguire due gradi di degenerazione osteoporotica evidenziati dall’impoverimento della micro-struttura ossea. La MOC è un esame non invasivo e non presenta rischi derivanti dalle radiazione per il paziente: 10 MOC corrispondono alla normale esposizione giornaliera alla radiazione di fondo e un viaggio aereo Europa-America corrisponde a 80 MOC. Esistono quattro tipi di esame MOC:

  • Colonna vertebrale;
  • Femore;
  • Avambraccio;
  • Total body.

La MOC della colonna è particolarmente indicata nelle pazienti giovani, specie se in menopausa da poco tempo, e nel monitoraggio a breve intervallo di tempo della terapia dell’osteoporosi. La MOC del femore è invece indicata nei pazienti anziani (età  superiore a 65 anni), in cui frequentemente si hanno calcificazioni dell’aorta addominale, marcata osteoartrosi del rachide, marcata scoliosi dorsolombare, fratture somatiche del tratto lombare, condizioni queste che inducono sovrastime dei parametri quantitativi misurati con la MOC della colonna. La MOC della colonna vertebrale, quella di cui vi parlerò, si esegue a paziente supino sul lettino densitometrico, con un apposito sostegno sotto le gambe e con il tronco libero da tutti gli oggetti metallici. La scansione viene eseguita sul tratto lombare della colonna vertebrale, dura pochi minuti, è indolore e non richiede da parte del paziente una preparazione specifica. L’esame MOC è diviso in due parti:

  • a prima rappresenta l’immagine della colonna e serve a controllare la buona esecuzione dell’esame;
  • la seconda presenta i valori quantitativi della densità  minerale ossea, i quali sono la parte più rilevante della MOC, tra tutti il valore BMD (Bone Mineral Density, densità  minerale ossea) totale è il più importante da considerare per l’interpretazione dell’esame.

[immagini wellcome]

Publicato: 25/9/2007Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Simulatore di anestesia epidurale

L’esecuzione di iniezioni epidurali e spinali è una tecnica che deve essere perfezionata con l’esperienza, ma in caso di errore le conseguenze possono essere anche gravi, ad esempio danni irreversibili alla corda spinale. I ricercatori dell’Università  di Limerick in Irlanda hanno utilizzato la tecnologia aptica e visualizzazione 3D per creare uno strumento di per l’insegnamento… Continua a leggere Simulatore di anestesia epidurale

21/3/2009Bio Blog

Fili autoassemblanti

I ricercatori della Johns Hopkins University hanno sviluppato un materiale organico solubile in acqua che si auto-assembla in fili dal diametro 10mila volte inferiore ai capelli umani. «La cosa eccitante sul nostro materiale è proprio la dimensione alla portata delle cellule, il che si traduce con la possibilità  di utilizzarlo in applicazioni biomediche», ha affermato… Continua a leggere Fili autoassemblanti

29/10/2008Bio Blog

Autotrapianto per eliminare l’ernia

Il disco intervertebrale degenerato con formazione di ernia non si asporta più per effettuare una fusione vertebrale o inserire una protesi, bensì lo si “aggiusta” grazie alle tecniche di trapianto autologo messe a punto dall’ingegneria tissutale. L’importante innovazione è stata introdotta per la prima volta in Lombardia dal professor Giustino Tomei, primario di neurochirurgia all’ospedale… Continua a leggere Autotrapianto per eliminare l’ernia

2/7/2008Bio Blog

RestoreUltra, il più piccolo Neurostimolatore

Il nuovo dispositivo ultrasottile e ultrapotente di MEDTRONIC, per la neuro-stimolazione personalizzata, è stato impiantato per la prima volta in Italia a Palermo e a Mestre. Primi impianti in due pazienti italiani del neurostimolatore RestoreULTRA di Medtronic per il controllo del dolore cronico benigno e non oncologico. Gli interventi sono stati eseguiti in contemporanea a… Continua a leggere RestoreUltra, il più piccolo Neurostimolatore

7/6/2008Bio Blog