Quantcast
McSleepy: il nuovo sistema interamente automatico per l'anestesia | BioBlog

McSleepy: il nuovo sistema interamente automatico per l’anestesia

Categoria: Apparecchiature Archivio Dispositivi diagnostici
Tag: #anestesia #Apparecchiature #cellulare pda #Farmaci #segnali biomedici
Condividi:

La canadese McGill University ha sviluppato il primo sistema completamente automatizzato di anestesia: McSleepy.

McSleepy assiste l’anestesista allo stesso modo in cui un cambio automatico aiuta le persone durante la guida. In quanto tale, gli anestesisti possono concentrarsi maggiormente su altri aspetti della diretta cura del paziente. Un’ulteriore caratteristica è che il sistema è in grado di comunicare con i PDA (Palmari), rendendo così il monitoraggio anestetico e il controllo possibile anche a distanza. Inoltre, questa tecnologia può essere facilmente integrata nella moderna medicina con programmi di insegnamento come ad esempio in centri di simulazione per l’apprendimento attraverso piattaforme web-based. Questo sistema, soprannominato McSleepy, è in grado di gestire ed amministrare i farmaci per l’anestesia generale e controlla i loro effetti separatamente in maniera completamente automatica, senza bisogno di un intervento manuale. “Abbiamo lavorato, negli ultimi cinque anni, ad un sistema a circuito chiuso, in cui vengono somministrati farmaci, i loro effetti vengono monitorati, e le dosi vengono di conseguenza adeguate”, ha dichiarato il Dr Thomas M. Hemmerling del Dipartimento di Anestesia del Montreal General Hospital, che dirige l’ITAG (Intelligent Technology in Anesthesia research group), un gruppo di anestesisti, scienziati ed ingegneri biomedici. McSleepy è una sorta di anestesista umanoide che pensa come un anestesista, analizza le informazioni biologiche e si adatta costantemente al loro comportamento, riconoscendo anche un malfunzionamento durante il monitoraggio. Questo sistema dovrebbe essere disponibile per scopi commerciali entro i prossimi cinque anni.

[via McGill University]

Publicato: 7/5/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Anestetico locale contro il dolore cronico

I ricercatori di Harvard presso il Children Hospital di Boston hanno sviluppato un sistema per un rilascio lento di anestetico che può potenzialmente rivoluzionare il trattamento di dolore durante e dopo l’intervento chirurgico, e potrebbe anche avere buoni risultati sul dolore cronico. Nel lavoro finanziato dal National Institutes of Health (NIH), sono stati utilizzati grassi… Continua a leggere Anestetico locale contro il dolore cronico

16/4/2009Bio Blog

Simulatore di anestesia epidurale

L’esecuzione di iniezioni epidurali e spinali è una tecnica che deve essere perfezionata con l’esperienza, ma in caso di errore le conseguenze possono essere anche gravi, ad esempio danni irreversibili alla corda spinale. I ricercatori dell’Università  di Limerick in Irlanda hanno utilizzato la tecnologia aptica e visualizzazione 3D per creare uno strumento di per l’insegnamento… Continua a leggere Simulatore di anestesia epidurale

21/3/2009Bio Blog

Anestetico allo Xeno

Air Liquide, leader mondiale nella produzione di gas industriale e medicale, ha sviluppato con successo un nuovo anestetico a base di xeno, utilizzato per la prima volta in Francia nel dicembre del 2007 e successivamente introdotto con esiti positivi anche in Italia. Il primo anestetico a base di xeno commercializzato in Europa, è stato utilizzato… Continua a leggere Anestetico allo Xeno

2/2/2009Bio Blog

Anestesia senza ago con GumEase

GumEase è un innovativo dispositivo per effettuare la crioanestesia della bocca, un’anestesia ottenuta per raffreddamento senza impiego di aghi e quindi di farmaci. GumEase è stato da poco approvato dalla FDA (già  approvato dall’ente europeo) che lo ha certificato come crioanestesia, per effettuare piccoli interventi dentali da una ventina di minuti, e come antidolorifico, in… Continua a leggere Anestesia senza ago con GumEase

18/12/2007Bio Blog