Quantcast
Scoperto marker della BSE nell'urina bovina | BioBlog

Scoperto marker della BSE nell’urina bovina

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Dispositivi diagnostici Esami non invasivi Patologie
Tag: #diagnosi #Dispositivi diagnostici #marker #Prevenzione #proteine
Condividi:

Fortunatamente, grazie agli interventi di profilassi, i casi di encefalopatia spongiforme bovina (BSE), detta comunemente morbo della mucca pazza, sono diventati una rarità . Ma, l’insolito agente infettivo che causa la patologia, non è stato ancora debellato e rappresenta sempre un rischio latente che se trasmesso all’uomo si manifesta come una variante del morbo di Creutzfeldt-Jakob. Fortunatamente, un gruppo di ricercatori di diverse università  canadesi, ha identificato nelle urine dei bovini una proteina che potrebbe indicare precocemente la presenza di questa infezione. La ricerca è stata condotta analizzando campioni di urina di quattro bovini infetti e quattro sani della stessa età  e provenienza. Le sostanze presenti nelle rispettive urine sono state confrontate usando una tecnica chiamata elettroforesi differenziale bidimensionale. Nelle prove preliminari, è stata individuata una sola proteina in grado di stabilire una diagnosi. Ora, invece, conoscendo la relativa abbondanza di un set di proteine è possibile determinare lo stato di avanzamento della malattia. Il passo successivo è rappresentato dallo sviluppo un protocollo per il test diagnostico, che in un prossimo futuro, potrebbe essere applicato anche per monitorare la variante umana. La ricerca, condotta dal  dottor David Knox, è stata pubblicato su Proteome Science. [foto law_keven]

Publicato: 13/9/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Retinoblastoma, diagnosi con la bioluminescenza

Grazie ad una nuova metodologia basata sulla bioluminescenza sarà  possibile diagnosticare precocemente in vivo il cancro dell’occhio, senza ricorrere a metodi invasivi come la biopsia. È quello che ipotizzano i ricercatori dell’ Università  di Shangai, che hanno messo a punto una nuova tecnica, detta BLI (bioluminescence imaging), che si basa sulla visualizzazione della luce emessa… Continua a leggere Retinoblastoma, diagnosi con la bioluminescenza

27/10/2009Bio Blog

Gadget da telefonino per diagnosticare la Tubercolosi

Il cellulare nato per fare telefonare ovunque, evolutosi in macchina fotografica e anche in lettore MP3, oggi entra a pieno diritto nel mondo della medicina.   Arriva infatti dall’America un gadget da cellulare, chiamato CellScope che funziona come un microscopio a fluorescenza. Il dispostitivo permette di avere immagini dettagliate di campioni di sangue, in modo… Continua a leggere Gadget da telefonino per diagnosticare la Tubercolosi

24/7/2009Bio Blog

Molecola per individuare l’ossigeno reattivo nei tessuti

Ricercatori del Georgia Institute of Technology hanno sviluppato un tracciante fluorescente chiamato idrocianina. Questa molecola è capace di individuare, in maniera quantitativa, la presenza di ossigeno in forma altamente reattiva (ROS), implicato in diversi processi di tipo infiammatorio oltre al cancro ed aterosclerosi. Delle 40 potenziali idrocianine, ad oggi, ne sono state create 6, che… Continua a leggere Molecola per individuare l’ossigeno reattivo nei tessuti

5/1/2009Bio Blog

Oral Cancer Day

Il carcinoma del cavo orale, in Italia, colpisce circa seimila persone e basta una visita mirata di pochi minuti dal dentista per diagnosticarlo precocemente, facilitando il successo delle cure. Per questo, ieri, venerdì 10 ottobre, l’Associazione nazionale dentisti italiani (Andi) ha celebrato la seconda edizione dell’Oral cancer day offrendo la possibilità  di effettuare un controllo… Continua a leggere Oral Cancer Day

13/10/2008Bio Blog