Quantcast
Mangiare di meno, vivere di più | BioBlog

Mangiare di meno, vivere di più

Categoria: Archivio Rimedi naturali
Tag: #calorie #dieta #vita
Condividi:

I golosi non saranno molti contenti dello studio condotto dal Wisconsin National Primate Research Center  e pubblicato su Science, il quale dimostra che per rallentare l’invecchiamento può essere utile ridurre le calorie assunte con la dieta. La ricerca, coordinata da Richard Weindruch, è stata condotta su i primati in particolare su una popolazione di macachi Rhesus tra i 7 e i 14 anni d’età  divisi in due gruppi: uno di controllo, l’altro messo a dieta con una riduzione graduale dell’apporto calorico, fino ad arrivare, nell’arco di appena tre mesi, a un taglio del 30% delle calorie ingurgitate. Al termine della sperimentazione, dopo 20 anni, il 37% dei macachi del gruppo di controllo era morto, mentre nell’altro era passato a miglior vita solo il 13%. In pratica i primati a stecchetto sono vissuti il 20%  in più degli altri. Gli animali sono poi stati sottoposti ad autopsia. Gli studiosi hanno osservato che il cervello di quelli messi a dieta era meno provato dai segni del tempo. In particolare, alcune aree cerebrali responsabili del controllo motorio, della memoria e della capacità  di risoluzione dei problemi, apparivano in condizioni migliori rispetto a quelle del gruppo di controllo. Riportando i risultati del lavoro sulle nostre tavole significherebbe che riducendo le calorie assunte con la dieta del 30% l’uomo guadagnerebbe più o meno sei anni di vita e scenderebbero di ben tre volte le possibilità  di morire di diabete, cancro, malattie cardiovascolari e atrofia cerebrali, ovvero i grandi big killer in cui ci si imbatte più facilmente con l’andare degli anni. Tuttavia precisa Sterling Johnson, co-autore della ricerca, “Non possiamo ancora far nostra l’affermazione che mettersi a stecchetto allunga la vita e preserva il cervello perché è necessario condurre ulteriori studi, alcuni già  in corso, per confermare che gli stessi risultati valgono anche per l’uomo ma le evidenze finora raccolte sembrano muoversi tutte in questa direzione”. Infine è comunque opportuno precisare che il taglio delle calorie può far bene ma sempre nel rispetto di una dieta controllata ed equilibrata, ricca di tutte le proprietà  nutritive indispensabili all’organismo.

Publicato: 16/7/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

300 Kg in clinica con la gru

Per entrare al Cardarelli di Napoli, Carmela ha avuto bisogno di una gru. Un anno chiusa in casa per colpa del suo peso, 300 Kg, con i gesti più semplici divenuti impossibili. Ora, dopo un intervento per riduzione dello stomaco, si pone l’obiettivo sul tornare ad una vita normale. Un po’ alla volta Carmela recupera… Continua a leggere 300 Kg in clinica con la gru

12/10/2009Bio Blog

Mangiare di meno e ricordare di più

Sulla rivista “Proceedings of National Academy of Sciences” è stato pubblicato uno studio portato a termine da un gruppo di ricercatori tedeschi, mangiare di meno e in maniera più regolare contribuirebbe a prevenire disturbi della memoria e addirittura il morbo d’Alzheimer. Se negli anni passati la sperimentanzione era avvenuta sugli animali da laboratorio che erano… Continua a leggere Mangiare di meno e ricordare di più

29/1/2009Bio Blog