Quantcast
Iperventilazione negli attacchi di panico | BioBlog

Iperventilazione negli attacchi di panico

Categoria: Archivio Dossier Patologie Psicologia
Tag: #agorafobia #attacchi di panico #fobie #Patologie #Psicologia
Condividi:

L’iperventilazione, ovvero respirare con una frequenza e o una profondità  eccessive rispetto a quelle che è il reale bisogno del nostro corpo in un determinato momento, svolge un ruolo importante nell’esacerbazione delle risposte fobiche e di fuga che caratterizzano il disturbo da panico-agorafobia.”¨ Ogniqualvolta noi inspiriamo facciamo ossigeniamo i polmoni: il gas può così legarsi all’emoglobina contenuta nei globuli rossi e in tal modo esso sarà  in grado di raggiungere tutti i tessuti del nostro corpo dove verrà  rilasciato alle cellule che lo impiegheranno per produrre energia necessaria per il loro funzionamento. La risultante del processo di produzione energetica, che vede l’ossigeno come combustibile è l’anidride carbonica, una sorta di “gas di scarico” che passa successivamente dalle cellule che lo producono al sangue che lo trasporta fino ai polmoni, dove viene infine eliminato con l’espirazione.”¨ Ma cos’è che fa staccare l’ossigeno dall’emoglobina in modo che esso possa essere “ceduto” alle cellule? È l’anidride carbonica che consente questo processo di cessione ed è per tale motivo che è importante che nel sangue non manchi l’anidride carbonica. Se ciò accadesse, il processo di ossigenazione dei tessuti verrebbe compromesso in maniera significativa.”¨ L’iperventilazione comporta una maggiore ossigenazione del sangue, ma anche un maggior allontanamento dell’anidride carbonica attraverso l’espirazione; la conseguenza di questo processo sarà  la più difficoltosa cessione dell’ossigeno (da parte dell’emoglobina) ai tessuti periferici. Un’altra importante conseguenza della riduzione della concentrazione dell’anidride carbonica nel sangue (ipocapnia) sarà  un restringimento (vasocostrizione) delle arteriole, in particolare di quelle cerebrali; anche questo fenomeno contribuirà  in maniera significativa al peggioramento dell’ossigenzione dei tessuti. Da un punto di vista clinico l’iperventilazione causa la comparsa di una serie di manifestazioni quali “fame” d’aria, palpitazioni, senso di stordimento, sensazioni d’irrealtà , senso di confusione, sudorazione, stanchezza, vertigini, formicolii etc. Tali sintomi sono praticamente sovrapponibili a quelli degli attacchi di panico e la conseguenza sarà  che l’iperventilazione finirà  con il peggiorare la sintomatologia “panico” del paziente. Egli, infatti, divenendo sempre più ansioso, iperventilerà  sempre più sviluppandosi così un circolo vizioso che amplificherà  in maniera sempre più significativa la sintomatologia ansiosa e fobica. Dunque, quanto appena descritto rappresenta il razionale per il quale, il riconoscimento dell’iperventilazione ed il suo controllo mediante tecniche specifiche consente, in ultima analisi, un miglior controllo della sintomatologia fobico ansiosa. [via comunicati-stampa | foto hypnoprogress | maggiori informazioni]

Publicato: 20/5/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Le droghe pesanti danno lezioni pesanti

Campagna pubblicitaria rumena contro le droghe pesanti. Mi pare del tutto noto il fatto che le sostanze stupefacienti, di qualsiasi entità  o grado, agendo sul sistema nervoso centrale, possano interferire, partendo dal sistema visivo, con la coscienza, alterando lo stato percettivo e di conseguenza la realtà  che ci circonda. Spesso alcuni riferiscono il vissuto di… Continua a leggere Le droghe pesanti danno lezioni pesanti

24/11/2008Bio Blog

Attacchi di panico: paure represse emergono

Comprendere le cause degli attacchi di panico

17/6/2008Bio Blog

Malattia di Dent

Nuova luce sui meccanismi alla base della malattia di Dent, una rarissima disfunzione dei reni di origine genetica. Uno studio pubblicato su Embo Journal ha chiarito diversi aspetti del funzionamento della proteina CLC-5, che si altera nelle persone che soffrono di questa patologia. All’interno dei tubuli renali, la proteina CLC-5 regola il passaggio degli ioni… Continua a leggere Malattia di Dent

7/9/2009Bio Blog

Un’unica cura per cuore e cervello

Il morbo di Alzheimer, che è una fra le forme di demenza più diffuse, è causato dalla morte di cellule nervose a causa del’accumulo al loro interno di una proteina, la beta amiloide. Uno studio pubblicato dal Journal of Alzheimer‘s Disease dimostra come le statine, importanti farmaci utilizzati nelle terapie contro le patologie cardiovascolari, abbiano… Continua a leggere Un’unica cura per cuore e cervello

23/6/2009Bio Blog

Nuovo farmaco contro le candidosi farmacoresistenti

Sono stati brevettati, grazie ad una ricerca congiunta tra l’Istituto Superiore di Sanità  (ISS) e l’Università  di Firenze, nuovi composti per il trattamento delle infezioni dovute al fungo Candida albicans, che si mostrano resistenti ai farmaci antifungini. La ricerca, svolta in collaborazione fra il gruppo di ricerca del prof. Antonio Guarna, Direttore del Dipartimento di… Continua a leggere Nuovo farmaco contro le candidosi farmacoresistenti

3/4/2009Bio Blog

Alzheimer, in Italia ogni anno 80mila nuovi malati

La seconda Giornata nazionale per la lotta all’Alzheimer organizzata da Confartigianato Persone lo scorso 28 marzo, si è conclusa con la massiccia partecipazione dei cittadini: in 150mila hanno riempito i gazebo informativi allestiti in 120 comuni italiani. Fabio Menicacci, segretario nazionale Anap Confartigianato annuncia: «Stiamo lavorando alla pubblicazione di un volume con i risultati della… Continua a leggere Alzheimer, in Italia ogni anno 80mila nuovi malati

3/4/2009Bio Blog