Quantcast
Insulina per via orale | BioBlog

Insulina per via orale

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Diabete
Tag: #chew gum insulina #Diabete #insulina
Condividi:

Un ricercatore dell’università  di New York sta per mettere appunto una particolare gomma da masticare contenente insulina. Lo studio dei pazienti diabetici insulino-dipendenti ha portato alla creazione di questo metodo che libererà  i pazienti dalle fastidiose iniezioni. Robert Doyle, è questo il nome del chimico, è riuscito a scavalcare un problema relativo al mancato o per lo meno cattivo assorbimento dell’insulina nel corso della digestione, motivo per cui fin ad ora si era evitato di somministrare per via orale l’ormone. Gli enzimi digestivi, che agiscono negativamente sull’ormone, non sembrano però avere lo stesso effetto su alcune molecole particolari come per esempio la vitamina B12, che riesce ad arrivare illesa nell’intestino. Si è studiato un sistema che permette all’insulina di legarsi alle molecole di vitamina B12, in questo modo l’ormone giungerà  “protetto” a livello intestinale e qui potrà  entrare liberamente in circolo nel sangue e fare il suo lavoro. L’esperimento è riuscito sui topi da laboratorio, ovviamente sui topi è stato utilizzato il composto sotto forma di liquido, ma che chi dice che lo stesso liquido possa essere inserito in chew gum di modo tale che durante la masticazione venga prodotta molta saliva che fornirà  all’insulina delle proteine protettive che permetterano assieme alla vitamina B12 di procedere nel suo lungo cammino. I pazienti potranno quindi assumere il medicinale in ogni luogo, senza dare nell’occhio e in assoluta praticità , basterà  soltanto prendere il farmaco 15 minuti prima di mangiare, purtroppo non si sa se e quando si potrà  usufruire di questo metodo innovativo. Tempo addietro si era messa appunto l’insulina spray, tolta dal commercio per motivi prevalentemente economici, l’elevato costo del prodotto impediva infatti una vendita ed un consumo su larga scala. [via Universonline]

Publicato: 22/1/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti