Quantcast
Il vice DNA | BioBlog

Il vice DNA

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Cancro Genetica (DNA)
Tag: #Cancro #cellule #cellule tumorali #dna #mutazioni #mutazioni genetiche
Condividi:

La replicazione del DNA è un’operazione fondamentale per il nostro organismo e se il sistema va in tilt si rischia di ottenere una copia non corretta del nostro patrimonio genetico (il che accade spesso nelle cellule cancerose), a questo il nostro organismo possiede una soluzione alternativa. Annapaola Franchitto e i suoi colleghi dell’Istituto Superiore di Sanità  (ISS), sostenuti anche dal contributo di AIRC, hanno scoperto che le cellule utilizzano, quando manca uno specifico gene di controllo, un’altra via per evitare che si commettano errori nella replicazione. Per riprodursi, infatti, ogni cellula del nostro organismo deve “copiare” il proprio DNA e produrre una molecola identica a quella originale da trasferire alle cellule figlie. È un processo molto delicato: il DNA è costituito da due filamenti che devono essere separati prima di essere copiati e per fare ciò è necessario l’intervento di molecole che aprano la molecola e creino copie fedeli dei due filamenti che la compongono. In particolare, si legge sul sito dell’Airc, la proteina WRN, mutata nella rara malattia ereditaria nota come sindrome di Werner che causa invecchiamento prematuro e predisposizione al cancro, viene reclutata in caso di problemi nella replicazione. I ricercatori, hanno scoperto che la proteina è essenziale per far ripartire le forche di replicazione bloccate. Le forche replicative sono i punti della molecola di DNA nei quali i due filamenti si separano e dai quali parte la copia della molecola, ma a volte il processo si blocca. Se la proteina WNR non è presente, come nel caso della sindrome di Werner, le cellule chiamano in causa un’altra proteina, MUS81, che attiva una serie di meccanismi in grado di generare una risposta al danno. La scoperta effettuata dal team è molto importante perché se la replicazione non funziona il materiale genetico potrebbe essere trasmesso in modo errato alla cellula figlia generando per esempio mutazioni, che vengono ereditate dalle generazioni cellulari successive. Questa condizione di instabilità  è tipica delle cellule cancerose. Studiando questo meccanismo si potrà  forse trovare un modo per attivare magari la “via secondaria” e far arrestare la mutazione.

Publicato: 26/12/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

bisturi sonoro

Proiettili sonori per colpire il cancro

Arriva dalla California, ma da nomi che rievocano l’Italia, la nuova speranza per il trattamento del cancro. Alessandro Spadoni e Chiara Daraio, ricercatori del California Institute of Technology di Pasadena, hanno messo a punto un sistema di lenti acustiche non lineari in grado di produrre impulsi sonori compatti che potrebbe essere utilizzato per produrre un… Continua a leggere Proiettili sonori per colpire il cancro

13/4/2010Bio Blog
bitter melon

Un frutto per combattere il cancro al seno

L’estratto di bitter melon (Momordica charantia), un vegetale molto diffuso in India e Cina sembrerebbe in grado di favorire la morte delle cellule di cancro della mammella e di prevenirne la proliferazione. Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori americani capitanati Ratna Ray, professore presso il dipartimento di Patologia dell’Università  di Saint Louis.

6/4/2010Bio Blog
neuroblastoma

Neuroblastoma, novità  dalla ricerca

[Neuroblastoma – foto al microscopio del Dr. Maria Tsokos, National Cancer Institute] Il Neuroblastoma è uno dei tumori del sistema nervoso più diffusi in età  pediatrica, è la causa del 15% delle morti oncologiche infantili, purtroppo chi è colpito dal neuroblastoma IV stadio ha pochissime probabilità  di sopravvivenza che si aggirano attorno al 20%. Le… Continua a leggere Neuroblastoma, novità  dalla ricerca

19/2/2010Bio Blog

Laringe artificiale per tornare a parlare

Grazie a un touch sensors la CompleteSpeech (Orem, Utah) ha realizzato un dispositivo, soprannominato Palatometer (in italiano potrebbe essere chiamato “Palatometro“) in grado di “percepire” il contatto della lingua sul palato durante la parlata. Il dispositivo è stato progettato espressamente per le persone mute o con difficoltà  nel parlare per ridarle nuova voce. Solo negli… Continua a leggere Laringe artificiale per tornare a parlare

5/12/2009Bio Blog