Quantcast
I bersagli per i farmaci HIV | BioBlog

I bersagli per i farmaci HIV

Categoria: Archivio Farmaci Foto e illustrazioni Genetica (DNA) Virus
Tag: #cellule #Farmaci #Foto e illustrazioni #hiv #proteine #Virus
Condividi:

I trattamenti farmacologici attuali sono in grado di sopprimere drasticamente l’HIV nei pazienti, ma nessuno di questi trattamenti è in grado di eliminare del tutto il virus. Per sradicare l’HIV dalle persone infette, i ricercatori devono scoprire dove si nasconde il virus e come colpirlo all’interno dei suoi nascondigli. Recenti risultati hanno identificato alcuni dei rifugi dove si nasconde l’HIV, suggerendo nuovi bersagli terapeutici: Fattore di infettività  virale (VIF): una proteina cellulare denominata A3G abbassa la capacità  di sopravvivenza dell’HIV provocando drastiche mutazioni nei suoi geni, ma è soggetta all’interferenza della proteina VIF dell’HIV. L’inibizione della VIF, o qualche altra forma di protezione per A3G, dovrebbe permettere a quest’ultima di svolgere la sua attività  antivirale. Fattore di crescita derivato dall’epitelio lenticolare (LEDGF): nelle cellule infettate dall’HIV, la proteina cellulare LEDGF collabora con l’integrasi per inserire il DNA derivato dall’HIV nel genoma della cellula. Alcuni dati indicano l’inibizione del LEDGF riduce la replicazione dell’HIV. Cromatina: i farmaci chiamati “rimodellatori della cromatina” potrebbero alterare l’organizzazione della cromatina nelle cellule T quiescenti infette in modo da attivare la sintesi di proteine dell’HIV: un passaggio che renderebbe queste cellule suscettibili ai farmaci antivirali e all’attacco del sistema immunitario. Proteina virale U (VPU): le cellule infettate dall’HIV mantengono ancorati alla propria superficie i virus appena formati, ma la proteina VPU dell’HIV permette loro di liberarsi. Un inibitore di VPU dovrebbe impedire al virus di diffondersi ad altre cellule.

Publicato: 28/1/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Cellule staminali della placenta: una miniera inutilizzata

La placenta, secondo le ultimissime ricerche, risulta più ricca di cellule staminali rispetto al sangue del cordone ombelicale, tuttavia nella maggioranza dei parti viene eliminata senza poter attingere a quella riserva così preziosa per la ricerca e per le terapie. L’equipe dell’Ospedale Pediatrico di Oackland, in California, ha scoperto nel 2009 che la placenta contiene… Continua a leggere Cellule staminali della placenta: una miniera inutilizzata

8/3/2010Bio Blog

Riparazione del midollo spinale

Nel sangue esistono cellule in grado di riparare, o per lo meno di limitare, i danni di un trauma al midollo spinale. La scoperta, pubblicata su Plos Medicine e per ora dimostrata solo sui topi, arriva dai ricercatori del Weizmann Institute of Science di Rehovot in Israele e dell’Istituto Scientifico Universitario San Raffaele di Milano.… Continua a leggere Riparazione del midollo spinale

9/9/2009Bio Blog

La terapia contro il cancro che viene dalle nostre cellule

La nuova speranza nella terapia contro il cancro viene dalle nostre stesse cellule e si chiama Par-4. In uno studio pubblicato da Cell, ricercatori dell’Università  del Kentucky, guidati da Vivek Ragnekar, hanno dimostrato che questa proteina può uccidere le cellule cancerose senza danneggiare quelle sane. L’attività  antitumorale di Par-4 era già  nota, ma fino ad… Continua a leggere La terapia contro il cancro che viene dalle nostre cellule

27/7/2009Bio Blog

Nanoparticelle contro le cellule tumorali

In alternativa ai farmaci per il cancro usati fino ad oggi, che colpiscono indiscriminatamente sia le cellule sane sia le cellule malate, un gruppo di ricercatori australiani ha messo appunto delle nanoparticelle per somministrare gli agenti terapeutici esclusivamente alle cellule cancerose. La nuova tecnica, sperimentata sui topi e pubblicata sulla rivista Nature Biotechnology, sfrutta delle… Continua a leggere Nanoparticelle contro le cellule tumorali

4/7/2009Bio Blog