Quantcast
Il donatore di organi non era morto | BioBlog

Il donatore di organi non era morto

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Dossier News in pillole dal Mondo Trapianti
Tag: #cuore #donazione organi #infarto #operazioni #Trapianti
Condividi:

Un uomo deceduto, in seguito a un infarto al miocardo, viene sottoposto dopo circa un’ora dalla morte a espianto degli organi, ma quando i chirurghi cominciano a operare l’uomo riprende conoscenza, insomma è proprio il caso di dire che l’espianto di organi gli ha salvato la vita. Sembra la trama di un film dell’horror invece è accaduto veramente qualche mese fa nell’ospedale Pitié-Salpàªtrière a Parigie; ne ha dato notizia le Monde. Il malcapitato paziente francese di 45 anni, di cui non si conoscono le generalità , dopo essere stato colpito da infarto del miocardio in una strada di Parigi è stato subito soccorso dai medici dell’ambulanza chiamata sul posto, ma senza riuscire a rianimarlo. È stato quindi trasportato d’urgenza all’ospedale per tentare la dilatazione delle coronarie (l’infarto miocardico è dovuto alla formazione di un grumo di sangue o coagulo che ostruisce un’arteria coronarica), ma dalle analisi si è evidenziata l’impraticabilità  della dilatazione. L’uomo, dopo un’ora e mezza dall’arresto cardiaco, è stato dichiarato come potenziale donatore d’organi. In Francia (come in altri Stati europei), infatti, un paziente “a cuore fermo”, non cerebralmente morto, ma non più rianimabile, grazie a un programma sperimentale del 2007 emanato dall’Agenzia della biomedicina, resosi necessario dalla penuria di organi disponibili per i trapianti, fa diventare il paziente un donatore di organi. L’équipe di chirurghi si è quindi preparata per eseguire l’espianto degli organi, ma subito dopo aver iniziato a incidere la cute, si è accorta che il paziente reagiva agli stimoli dolorosi e ha anche iniziato a respirare spontaneamente. Per la cronaca ora il paziente cammina autonomamente e parla. Nella sola Francia più di 13.000 persone sono in lista d’attesa per ricevere un trapianto e nel 2007 si sono registrati 231 decessi riconducibili direttamente alla mancanza di organi. L’iniziativa che definisce un paziente deceduto se a cuore fermo, anche senza l’encefalogramma piatto, ha permesso di eseguire una sessantina di trapianti salvando altrettante persone da morte certa. In Spagna, ad esempio, il prelievo da donatori dichiarati morti per mancanza di attività  cardiaca rappresenta a Barcellona e Madrid rispettivamente il 20% e il 63% degli espianti, con risultati equivalenti ai prelievi su donatori in stato di morte cerebrale. Nei Paesi Bassi, i prelievi su donatori morti per mancanza di attività  cardiaca rappresentano il 30% della totalità  degli espianti renali.

Publicato: 10/6/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

infarto cuore

Molecola rigenera il cuore

Sintetizzata una nuova molecola (HBR) capace di rigenerare il cuore immediatamente dopo l’infarto e aumentare l’efficacia del successivo trapianto di cellule staminali. La rivoluzionaria molecola è in grado di ridurre subito la mortalità  cellulare cardiaca prodotta dall’infarto e indurre la formazione di nuovi vasi coronarici insieme al reclutamento di cellule staminali endogene. Inoltre, è in… Continua a leggere Molecola rigenera il cuore

8/2/2010Bio Blog

Cryo Balloon, la nuova terapia per la fibrillazione atriale

Si chiama Cryo Balloon il nuovo palloncino in grado di curare la fibrillazione atriale, un’aritmia cardiaca che colpisce lo 0,4% della popolazione mondiale. I pazienti affetti da fibrillazione atriale presentano un funzionamento non corretto dei due atri che tendono ad inviare un numero maggiore di impulsi elettrici con conseguente aumento del numero dei bpm (battiti… Continua a leggere Cryo Balloon, la nuova terapia per la fibrillazione atriale

7/1/2010Bio Blog

Cuore: questione di insonnia

L’insonnia è un disturbo del sonno caratterizzato dall’impossibilità  di addormentarsi o di dormire per un tempo ragionevole durante la notte. Coloro che soffrono di insonnia di solito lamentano di non essere in grado di dormire che per pochi minuti alla volta o di agitarsi nel letto durante la notte. Il risultato di uno studio dell’Università … Continua a leggere Cuore: questione di insonnia

16/9/2009Bio Blog

Staminali non solo ematiche

Una rivoluzionaria ricerca dell’Imperial College di Londra, pubblicata su Stem Cell, mostra che è possibile aumentare la capacità  dell’organismo di autoripararsi. Da poco si era scoperto che il midollo osseo immette in circolo cellule staminali non solo del sangue, ma anche di altri organi come ossa e cartilagini, arterie e cuore. Molti ricercatori hanno provato… Continua a leggere Staminali non solo ematiche

7/9/2009Bio Blog