Quantcast
Dieta mediterranea contro la depressione | BioBlog

Dieta mediterranea contro la depressione

Categoria: Archivio Disturbi psichici Patologie Rimedi naturali
Tag: #depressione #dieta mediterranea
Condividi:

Arriva dalla Spagna la conferma che, come sosteneva il filosofo Ludwig Feuerbach, “noi siamo ciò che mangiamo”: in uno studio pubblicato da Archives of General Psychiatry un gruppo di ricercatori, guidati da Almudena Sà¡nchez-Villegas, ha evidenziato che la dieta mediterranea può esercitare un ruolo protettivo contro la depressione. Lo studio ha coinvolto 10.094 individui reclutati a partire dal 1999 fino ad oggi. Ciascun soggetto è stato inizialmente classificato come sano, affetto da una forma di depressione o con terapia antidepressiva in corso. Allo stesso tempo i ricercatori hanno assegnato ogni individuo a una classe di adesione alla dieta mediterranea attraverso la compilazione di un questionario riguardante le abitudini alimentari. Le analisi successive hanno previsto di monitorare i partecipanti per una media di 4,4 anni, durante i quali gli specialisti che hanno effettuato le diagnosi di depressione clinica o di necessità  di assunzione di antidepressivi. Sono stati, così, identificati 480 nuovi casi di depressione, ma le persone che avevano seguito la dieta mediterranea avevano il 30% in meno di probabilità  di ammalarsi di questa patologia. In particolare, è stata dimostrato un effetto protettivo da parte dell’alto consumo di frutta, noci e legumi e di diete con un buon rapporto tra acidi grassi monoinsaturi e saturi. Questi risultati confermano le precedenti evidenze secondo cui la dieta mediterranea può ridurre i processi infiammatori, vascolari e metabolici che rendono un individuo a rischio di depressione. “L’elemento interessante di questo studio è che dimostra che è l’intera dieta, non un singolo alimento, a contribuire a migliorare il nostro stato di salute. Ciascun buon alimento in una buona dieta aiuta l’altro nelle sue azioni benefiche e nella la dieta mediterranea gli alimenti si fanno forza tra loro”, ha commentato Stefania Ruggeri, ricercatrice e nutrizionista presso l’INRAN (Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione) di Roma, che ha aggiunto: “Tutto ciò andrebbe però oggi ricordato anche agli Italiani, che sembrano aver dimenticato la loro mediterreanità ”. Fonte: Sà¡nchez-Villegas A. et al, Association of the Mediterranean Dietary Pattern With the Incidence of Depression. Arch Gen Psychiatry. 2009;66(10):1090-1098.

Publicato: 22/10/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Frequenze corticotalamiche

Gli ultimi studi sulla corteccia cerebrale, hanno permesso di riuscire a capire le associazioni corticali, di poter operare in awake surgery, di lesionare in maniera minore il tessuto nervoso durante gli interventi di neurochirurgia. La mappatura cerebrale ha permesso di capire moltissime cose sul comportmento dell’uomo e sulle scelte sollecitate a determinati stimoli. Uno studio… Continua a leggere Frequenze corticotalamiche

2/7/2009Bio Blog

Internet: l’ultima speranza

Internet, senza dubbio, è diventato oggi uno strumento indispensabile per la medicina, ma rappresenta anche un pericolo non indifferente per la salute del cittadino. È ormai diventata un’abitudine per moltissime persone consultare internet prima del proprio medico di famiglia per qualsiasi malessere, creando così allarmismi e psicosi nella mente di una persona che, probabilmente, non… Continua a leggere Internet: l’ultima speranza

20/8/2008Bio Blog

Funghi allucinogeni come psicofarmaci

Un effetto di benessere spirituale che dura oltre un anno dopo l’assunzione. A provocarlo sono i funghi allucinogeni, utilizzati da millenni in molte popolazioni a scopi mistico-religiosi, ma anche da giovani e meno giovani in cerca di esperienze alternative alle droghe pesanti. E oggi le proprietà  rilassanti e ansiolitiche di questi lieviti vengono viste sotto… Continua a leggere Funghi allucinogeni come psicofarmaci

21/7/2008Bio Blog

I videogiochi possono migliorare la nostra salute?

Gli effetti negativi dei videogame sulla nostra salute sono stati sbandierati a destra e a manca, ma non ci vorrà  molto tempo prima che il medico di famiglia ci consigli di acquistare una console per curare l’artrite. La fondazione Robert Wood Johnson per la salute ha stanziato investimenti su 12 gruppi di ricerca negli USA… Continua a leggere I videogiochi possono migliorare la nostra salute?

6/6/2008Bio Blog