Quantcast
Funghi allucinogeni come psicofarmaci | BioBlog

Funghi allucinogeni come psicofarmaci

Categoria: Archivio batteri Cancro Farmaci Medicina alternativa Patologie Rimedi naturali
Tag: #Cancro #depressione #droghe #Psicofarmaci
Condividi:

Un effetto di benessere spirituale che dura oltre un anno dopo l’assunzione. A provocarlo sono i funghi allucinogeni, utilizzati da millenni in molte popolazioni a scopi mistico-religiosi, ma anche da giovani e meno giovani in cerca di esperienze alternative alle droghe pesanti. E oggi le proprietà  rilassanti e ansiolitiche di questi lieviti vengono viste sotto un’altra luce: potrebbero infatti essere impiegate per scopi medici, per esempio come trattamento contro le tossicodipendenze o la depressione e l’ansia dei malati di cancro.

Ad analizzare durata e caratteristiche degli effetti della psilocibina, composto alcaloide allucinogeno contenuto nei “funghetti” sono stati gli esperti della Johns Hopkins University di Baltimora (Usa), che hanno pubblicato le loro osservazioni sul Journal of Psychopharmacology. I ricercatori hanno arruolato nel 2006 un gruppo di 36 persone sane e di buona estrazione socio-culturale, invitandole a prendere una dose di queste sostanze.

Dopo 14 mesi gli stessi partecipanti hanno risposto a un questionario in cui si chiedeva se e quanto quella esperienza avesse procurato loro un senso di benessere: il 60% ha risposto di aver provato un profondo senso di soddisfazione psicologica per oltre un anno dopo l’assunzione dei funghi allucinogeni, annoverati fra le cinque esperienze più gratificanti nella vita delle “cavie umane”.

«Risultati molto importanti», commenta Roland Griffiths, a capo dello studio, «perché raramente in ricerche come queste si ottiene un effetto così persistentemente positivo in un singolo esperimento di laboratorio. Questo tipo di esperienze mistiche potrebbe essere utile ai malati di cancro con ansia e depressione o come trattamento della dipendenza da droga. Vogliamo approfondire queste prime osservazioni».

Publicato: 21/7/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

bisturi sonoro

Proiettili sonori per colpire il cancro

Arriva dalla California, ma da nomi che rievocano l’Italia, la nuova speranza per il trattamento del cancro. Alessandro Spadoni e Chiara Daraio, ricercatori del California Institute of Technology di Pasadena, hanno messo a punto un sistema di lenti acustiche non lineari in grado di produrre impulsi sonori compatti che potrebbe essere utilizzato per produrre un… Continua a leggere Proiettili sonori per colpire il cancro

13/4/2010Bio Blog
bitter melon

Un frutto per combattere il cancro al seno

L’estratto di bitter melon (Momordica charantia), un vegetale molto diffuso in India e Cina sembrerebbe in grado di favorire la morte delle cellule di cancro della mammella e di prevenirne la proliferazione. Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori americani capitanati Ratna Ray, professore presso il dipartimento di Patologia dell’Università  di Saint Louis.

6/4/2010Bio Blog
neuroblastoma

Neuroblastoma, novità  dalla ricerca

[Neuroblastoma – foto al microscopio del Dr. Maria Tsokos, National Cancer Institute] Il Neuroblastoma è uno dei tumori del sistema nervoso più diffusi in età  pediatrica, è la causa del 15% delle morti oncologiche infantili, purtroppo chi è colpito dal neuroblastoma IV stadio ha pochissime probabilità  di sopravvivenza che si aggirano attorno al 20%. Le… Continua a leggere Neuroblastoma, novità  dalla ricerca

19/2/2010Bio Blog

Laringe artificiale per tornare a parlare

Grazie a un touch sensors la CompleteSpeech (Orem, Utah) ha realizzato un dispositivo, soprannominato Palatometer (in italiano potrebbe essere chiamato “Palatometro“) in grado di “percepire” il contatto della lingua sul palato durante la parlata. Il dispositivo è stato progettato espressamente per le persone mute o con difficoltà  nel parlare per ridarle nuova voce. Solo negli… Continua a leggere Laringe artificiale per tornare a parlare

5/12/2009Bio Blog