Quantcast
Dal Texas la miscela letale per i polipi al colon | BioBlog

Dal Texas la miscela letale per i polipi al colon

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Cancro Farmaci Patologie
Tag: #apoptosi #cancro al colon #colonscopia #polipi
Condividi:

Una nuova combinazione di farmaci potrebbe essere la soluzione alternativa alla chirurgia per eliminare i polipi intestinali. In uno studio condotto presso la Texas University, di cui ha dato notizia la rivista Nature, un gruppo di ricercatori ha sperimentato con successo il cocktail farmacologico su topi particolarmente predisposti allo sviluppo di polipi. La crescita di questi ultimi è, così, diminuita fino a quattro volte e, contemporaneamente, è stato osservato un aumento della durata della vita delle cavie. I polipi in quanto tali non sono formazioni maligne, ma devono essere asportati perché possono evolvore in tumori al colon. I ricercatori statunitensi hanno concentrato i propri studi su un tipo di polipi responsabile della maggior parte dei casi di cancro al colon. La miscela di farmaci utilizzata è composta da vitamina A acetato e Trail, due molecole che vanno ad interferire con il processo di apoptosi. Quest’ultima è una sorta di programma di autodistruzione che una cellula mette in atto in caso di necessità . Nei polipi questo processo è difettoso; ciò fa sì che il cocktail di farmaci sia più dannoso per il polipo che per i tessuti circostanti. Anzi, questi ultimi sembrerebbero totalmente insensibili alla miscela letale; ciò fa sperare nell’assenza di effetti collaterali anche per le cure a lungo termine, come quelle cui devono sottoporsi gli individui affetti da poliposi adenomatosa familiare (FAP), una condizione che aumenta il rischio di sviluppare sia i polipi, sia i tumori ad essi correlati. Infatti proprio perché qualsiasi trattamento mirato alla prevenzione dei polipi deve essere prolungato nel tempo sono necessarie terapie non aggressive, che includano integratori o cambiamenti nel regime alimentare. Diversi studiosi sono da tempo impegnati nella ricerca di metodi non chirurgici per contrastare i i polipi intestinali e nonostante le speranze suscitate da questa notizia, non mancano gli scettici. Secondo Mark Hull, professore dell’università  di Leeds (Inghilterra), il cocktail proposto dagli studiosi americani potrebbe avere, a lungo termine, degli effetti collaterali. In ogni caso, sembra che nessun trattamento di questo genere eliminerà  completamente la necessità  di eseguire delle colonscopie di controllo, anche se a distanza meno ravvicinata rispetto a quanto sia attualmente richiesto. Fonte: BBC new

Publicato: 11/4/2010Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

bitter melon

Un frutto per combattere il cancro al seno

L’estratto di bitter melon (Momordica charantia), un vegetale molto diffuso in India e Cina sembrerebbe in grado di favorire la morte delle cellule di cancro della mammella e di prevenirne la proliferazione. Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori americani capitanati Ratna Ray, professore presso il dipartimento di Patologia dell’Università  di Saint Louis.

6/4/2010Bio Blog

La terapia contro il cancro che viene dalle nostre cellule

La nuova speranza nella terapia contro il cancro viene dalle nostre stesse cellule e si chiama Par-4. In uno studio pubblicato da Cell, ricercatori dell’Università  del Kentucky, guidati da Vivek Ragnekar, hanno dimostrato che questa proteina può uccidere le cellule cancerose senza danneggiare quelle sane. L’attività  antitumorale di Par-4 era già  nota, ma fino ad… Continua a leggere La terapia contro il cancro che viene dalle nostre cellule

27/7/2009Bio Blog

Neuroni fetali presenti anche nell’adulto

Ricercatori del Baylor College of Medicine (Texas, USA) e dell’ Università  dell’Alabama (USA) hanno effettuato uno studio sulla ciclo vitale dei cosiddetti subplate neurons, neuroni che durante lo sviluppo del feto controllano la formazione delle connessioni nella corteccia cerebrale; finora si pensava che dopo la nascita questi neuroni andassero tutti incontro a fenomeni di apoptosi,… Continua a leggere Neuroni fetali presenti anche nell’adulto

22/7/2009Bio Blog