Quantcast
Bende adesive elastiche | BioBlog

Bende adesive elastiche

Categoria: Archivio Biotecnologie Mediche Dossier Gadgets Medici Medicina alternativa
Tag: #biomateriali #muscoli #ortopedia
Condividi:

Nelle Olimpiadi di Pechino 2008 un accessorio che sembra accompagnare gran parte degli sportivi, come fosse una nuova moda, è senza dubbio il Kinesio taping, una benda adesiva elastica con effetto terapeutico biomeccanico. Le strisce colorate si possono applicare su gambe, bicipiti, addominali e spalle, ma la tecnica non rappresenta per nulla una novità : il “Kinesio taping” viene applicato sui muscoli stressati, come nel caso degli sportivi ai giochi olimpici. Una fasciatura, che contrariamente a quanto si è detto non impedisce affatto i movimenti, ma corregge la funzione muscolare, aumenta la circolazione del sangue, riduce il dolore e facilita l’articolazione. Una vera e propria mano santa con il vezzo del colore. Questo metodo, proviene dalla scienza kinesio (movimento) ed è per questo motivo che si usa il termine “Kinesio”. Ai muscoli non viene attribuito solamente il compito di muovere il corpo, ma anche il controllo della circolazione dei fluidi venosi e linfatici, temperatura corporea, etc. kinesio taping Il metodo KINESIO TAPING è stato inventato più di 25 anni fa dal Dott. KENZO KASE, medico chiropratico, residente negli U.S.A., ha avuto negli anni un continuo aggiornamento basato sull’esperienza clinica e sulla ricerca di circa 1000 istruttori certificati in tutto il mondo. Il metodo specialmente in Europa, porta da parte dei (medici e professionisti sanitari, fisioterapisti ) ad una erronea interpretazione, in quanto è inconsciamente associato al bendaggio funzionale che notoriamente viene utilizzato solo in campo ortopedico – sportivo. Il KINESIO TAPING non è un bendaggio funzionale e viene usato in molteplici aree della fisioterapia e riabilitazione, (ortopedica, neurologica, pediatria, sport, idroterapia etc”¦) come supporto ad altri metodi e tecniche riabilitative (migliorando effetti e risultati). Il KINESIO TAPING è un materiale specificamente studiato per ottenere in combinazione con la tecnica di applicazione (KINESIO TAPING) il miglior risultato in termini di efficacia, facile applicazione e confort. Il successo nel mondo del metodo KINESIO TAPING THERAPEUTIC METHOD ha portato alla creazione e diffusione di copie del KINESIO TAPING, all’apparenza più o meno simili ma con materiale di bassa qualità  che non fa ottenere i risultati attesi e che non garantisce il confort per il paziente/cliente. La benda va applicata sulla pelle in posizione di riposo e appena il corpo si muove, il tape funzionerà  come una pompa, stimolando continuamente la circolazione linfatica. Appena la tecnica riduce la pressione locale sui recettori del dolore, il dolore muscolare si riduce. L’applicazione precisa del tape è essenziale per assistere il fluido linfatico in una particolare direzione. Le applicazioni del tape per il drenaggio linfatico spesso devono includere ulteriori applicazioni per facilitare il drenaggio in altre aree. [maggiori informazioni | foto physioneeds]

Publicato: 19/8/2008Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

Sviluppato un gel innovativo che potrebbe stimolare il tessuto cerebrale a rigenerarsi una volta iniettato nell’area del cervello lesionata. A mettere a punto il nuovo materiale e’ stato un gruppo di bioingegneri della Clemson University, secondo quanto riportato da un articolo pubblicato sul sito di Science Daily. Dagli studi condotti, il gel composto da biomateriali… Continua a leggere Bio-gel rigenera il tessuto cerebrale

6/9/2009Bio Blog

Nuovo biomateriale per la crescita di vasi sanguigni

All’Università  di Ottawa gli scienziati hanno sviluppato un nuovo biomateriale pensato appositamente per fungere da scaffold per favorire la crescita di nuovo vasi sanguigni. I ricercatori della University of Ottawa Heart Institute (UOHI) sono riusciti a far sviluppare e crescere vasi sanguigni all’interno di un muscolo danneggiato, iniettando un biomateriale studiato per attrarre nuove cellule… Continua a leggere Nuovo biomateriale per la crescita di vasi sanguigni

13/2/2009Bio Blog

Elettronica elastica

Dalla collaborazione fra l’Università  di Miami, College of Engineering, l’Università  dell’Illinoise e la Northwestern University è nata una nuova tecnologia per sviluppare circuiti elettronici embed all’interno di materiali molto flessibili. I possibili utilizzi di una tecnologia simile in biomedicina sono molteplici: uno fra tutti potrebbe essere quello di realizzare la circuiteria di una videocamera da… Continua a leggere Elettronica elastica

12/2/2009Bio Blog

Sangue in vitro

Il professore Nicholas Kotov, insieme a ricercatori dei dipartimenti di ingegneria dei materiali, ingegneria chimica ed ingegneria biomedica dell’università  del Michigan ha sviluppato un midollo osseo artificiale idoneo alla produzione in vitro di cellule emopoietiche. A differenza da tutti esperimenti precedentemente condotti, la struttura solida tridimensionale in cui crescono le cellule staminali è stata concepita… Continua a leggere Sangue in vitro

3/1/2009Bio Blog