Quantcast
Aria Electronic Cigarette | BioBlog

Aria Electronic Cigarette

Categoria: Archivio Cancro Food and Drug Administration (FDA) Gadgets Medici
Tag: #Cancro #fda #Food and Drug Administration (FDA) #sigaretta elettronica #sigarette #smettere di fumare #tumore
Condividi:

In relazione all’articolo di sabato 25 luglio in cui la Food and Drug Administration ha lanciato un messaggio di allerta a riguardo della sigaretta elettronica, pubblico ora la replica della società  AURIPEN S.r.l., produttrice di Aria Electronic Cigarette. — La società  Auripen srl, in qualità  di assemblatrice e distributrice di sigarette elettroniche, con la presente è a replicare circa le ultime notizie riportate nel vostro spazio web, relative alla presunta pericolosità  delle sostanze presenti nel liquido della sigaretta elettronica cinese, denunciata dalla FDA per il mercato USA. Si dichiara quanto segue: «Il liquido contenuto all’interno di Aria Electronic cigarettes, è interamente prodotto in Italia dalla Società  Auripen in collaborazione con il dipartimento di chimica dell’Università  di Perugia, ed è privo di contenuti tossici». Già  da tempo infatti siamo a conoscenza delle notizie solo ora emerse, ed è proprio per questa ragione che nel momento in cui si è deciso di intraprendere questa attività , abbiamo provveduto alla realizzazione di un liquido totalmente “Made in Italy”. A prova di ciò riportiamo la relazione del dottor Pellegrino, nella quale vengono spiegate le modalità  di elaborazione insieme alle sostanze presenti nel liquido: Il funzionamento dell’ARIA electronic cigarettes è basato sulla vaporizzazione di un liquido che si attiva tramite le aspirazioni del fumatore. Il liquido produce un fumo in grado di offrire la stessa sensazione e la stessa gestualità  di una sigaretta convenzionale. Inoltre contribuisce all’aroma con un sapore/odore anch’esso simile a quello che si ottiene fumando una sigaretta convenzionale. Il liquido e il suo vapore non è assolutamente dannoso per la salute sia del fumatore che dei non fumatori che si trovano a lui vicino. Il liquido per l’ARIA electronic cigarettes è formato da tre parti: 1) una “base” insapore e inodore in grado di formare l’effetto fumo una volta applicata sul vaporizzatore; 2) una “frazione aromatica” responsabile delle caratteristiche organolettiche del fumo stesso. 3) una quantità  prestabilita di nicotina. La “base” rappresenta circa il 99% del liquido. È formata da una miscela di tre sostanze liquide in forma altamente pura: acqua (9,6%), glicerina (24,2%) e glicole propilenico (65,6%). La concentrazione di ciascuna delle tre sostanze è tale che la miscela ha caratteristiche chimico-fisiche ideali sia per formare l’effetto fumo che a garantire, con una sola ricarica, una durata equivalente ad almeno 20 sigarette convenzionali (circa 290 aspirazioni). Tralasciando di parlare dell’acqua si ritiene opportuno ricordare che glicerina e glicole propilenico sono sostanze di tossicità  trascurabile, ampiamente utilizzate nei prodotti cosmetici e farmaceutici come base di pomate, creme e come mezzo per veicolare medicinali ad assunzione orale. La “frazione aromatica”: Le sostanze responsabili dell’aroma del liquido per l’ARIA electronic cigarettes sono state selezionate con una accurata analisi di tutte quelle estraibili dal tabacco a varie temperature. Delle numerosissime sostanze rilevate sono state scartate tutte quelle classificate come tossiche e/o cancerogene. Delle restanti è stata valutato il contributo organolettico ed alla fine ne sono state selezionate circa 15 che, opportunamente dosate, formano i gusti ARIA e ARIA LIGHT. La concentrazione di ciascuna di queste sostanze nel liquido è comunque bassissima, inferiore a 0,1% ed è tale che per avere un effetto tossico un uomo dovrebbe, per assurdo, ingerirne, in una unica dose, più di 70 kg. La nicotina è il componente più famoso del fumo di sigaretta per i noti effetti che, a basse concentrazioni, provoca al sistema nervoso dei fumatori. Come molti altri alcaloidi naturali ha un effetto psicotropo, provoca cioè una dipendenza che rende molto difficile smettere di fumare. Il tabacco di una sigaretta convenzionale contiene circa 0,8 – 1,2 mg di nicotina. Di questa quantità  solo una frazione raggiunge i polmoni dei fumatori. Il liquido per ARIA electronic cigarettes consente a ciascun fumatore di tenere sotto controllo la quantità  assunta giornalmente secondo le proprie abitudini di fumatore o, diversamente, di intraprendere un graduale programma di disintossicazione. In ogni caso la concentrazione massima di nicotina contenuta nelle ricariche si basa sul principio della cautela (inferiore a 1,0mg) e tiene ampiamente in considerazione i livelli di tossicità  e gli effetti farmacologici cui vanno incontro i consumatori di ARIA electronic cigarettes.

Publicato: 7/8/2009Da: Bio Blog

Potrebbe interessarti

bisturi sonoro

Proiettili sonori per colpire il cancro

Arriva dalla California, ma da nomi che rievocano l’Italia, la nuova speranza per il trattamento del cancro. Alessandro Spadoni e Chiara Daraio, ricercatori del California Institute of Technology di Pasadena, hanno messo a punto un sistema di lenti acustiche non lineari in grado di produrre impulsi sonori compatti che potrebbe essere utilizzato per produrre un… Continua a leggere Proiettili sonori per colpire il cancro

13/4/2010Bio Blog
bitter melon

Un frutto per combattere il cancro al seno

L’estratto di bitter melon (Momordica charantia), un vegetale molto diffuso in India e Cina sembrerebbe in grado di favorire la morte delle cellule di cancro della mammella e di prevenirne la proliferazione. Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori americani capitanati Ratna Ray, professore presso il dipartimento di Patologia dell’Università  di Saint Louis.

6/4/2010Bio Blog
neuroblastoma

Neuroblastoma, novità  dalla ricerca

[Neuroblastoma – foto al microscopio del Dr. Maria Tsokos, National Cancer Institute] Il Neuroblastoma è uno dei tumori del sistema nervoso più diffusi in età  pediatrica, è la causa del 15% delle morti oncologiche infantili, purtroppo chi è colpito dal neuroblastoma IV stadio ha pochissime probabilità  di sopravvivenza che si aggirano attorno al 20%. Le… Continua a leggere Neuroblastoma, novità  dalla ricerca

19/2/2010Bio Blog

Laringe artificiale per tornare a parlare

Grazie a un touch sensors la CompleteSpeech (Orem, Utah) ha realizzato un dispositivo, soprannominato Palatometer (in italiano potrebbe essere chiamato “Palatometro“) in grado di “percepire” il contatto della lingua sul palato durante la parlata. Il dispositivo è stato progettato espressamente per le persone mute o con difficoltà  nel parlare per ridarle nuova voce. Solo negli… Continua a leggere Laringe artificiale per tornare a parlare

5/12/2009Bio Blog